title_news_large
domenica 15 novembre 2009

I premi del MedFilm Festival

L’opera prima marocchina Veiled Love (Hijab El-Hobb/Amours voilées) del regista Aziz Salmy ha ricevuto il Premio per l’Espressione Artistica (ex aequo con il film turco Wrong Rosary) della 15. edizione del MedFilm Festival, per “il coraggio nell’affrontare un tema particolarmente audace nella società marocchina di oggi”, quello delle ragazze madri, per forza o per scelta, come ha motivato la giuria ufficiale presieduta dal Presidente dell’Istituto del Mondo Arabo Dominique Baudis.
I registi esordienti hanno fatto centro anche nel Concorso Italiano che assegna il Premio Italia nel Cinema, attribuito all’unanimità dalla giuria di giornalisti stranieri a La casa sulle nuvole di Claudio Giovannesi, “per la perfezione del suo racconto che non solo riflette con grande sensibilità il ribaltamento dei ruoli nel quadro familiare, ma anche rimette in causa i preconcetti sull’immigrazione nel bacino mediterraneo”.
Tra gli ospiti d’onore del Festival, lo scrittore marocchino Tahar Ben Jelloun, presidente della giuria del Concorso Eurimages Nuova Europa, affiancato, tra gli altri, dall’attore tunisino Ahmed Hafiene: all’autore di Il razzismo spiegato a mia figlia è stata consegnata la prima edizione del Premio Koinè nel corso della serata inaugurale del festival.
Per festeggiare i suoi primi 15 anni, il MedFilm Festival ha introdotto due nuovi premi, tra cui quello per i Nuovi Talenti, consegnato alla giovane e brava attrice marocchina Sanaa Alaoui. Non ha potuto invece ritirare il Premio alla Carriera la regista francese Claire Denis, trattenuta da motivi imprevisti, alla quale il festival ha dedicato una retrospettiva a Villa Medici, nell’ambito della vetrina del cinema francese "Le regard des autres".

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha