title_news_large
lunedì 16 novembre 2009

Ester Elisha in radio a Black Italians

Da oggi inizia su Radio Tre il nuovo programma radiofonico ideato e condotto dalla scrittrice Igiaba Scego dal titolo Black Italians. In onda tutti i giorni, da lunedì a venerdì, dalle 23.30, il programma si propone di capovolgere il significato negativo che alcuni danno a questo termine, mettendo in evidenza come vi siano neri italiani che fanno parte della popolazione, cromaticamente assai più variegata del semplice colore bianco. Nel caso dei black italians di cui si racconteranno le storie, spesso non ci si limita a far parte del paese, ma si cerca di fare qualcosa per esso. Molti infatti rappresentano l’Italia sui campi sportivi, nei teatri, nello schermo, diventando deputati della Repubblica e giurando sulla costituzione. Storie di persone determinate che si sacrificano non solo per ottenere risultati importanti per la propria vita, ma anche per sconfiggere i pregiudizi e gli stereotipi che amareggiano tante persone. Anche per questo, la storia dei black italians è la storia di tutti noi.
Tra gli ospiti della settimana, giovedì 19 è di scena Ester Elisha, attrice di teatro (Un virus nel sistema, con l’adattamento di Enzo Iacchetti) e di cinema. Molti se la ricorderanno per l’energia e la sensualità dispiegate nel ruolo di Yasmina in Last Minute Marocco (Francesco Falaschi, 2007).
Per info ulteriori, vi rimandiamo al sito della trasmissione.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha