title_news_large
domenica 13 dicembre 2009

Anche l'Europa premia Il profeta

Annunciati ieri sera a Essen, in Germania, i premi della 22. edizione degli European Film Awards. Se il film Das weisse Band (Il nastro bianco) di Michael Haneke ha fatto il pieno, aggiudicandosi sia il premio per il miglior film che quello per il miglior regista, un buon riconoscimento ha avuto anche Un Prophète (Il profeta) di Jacques Audiard: al film francese sono infatti andati sia il premio per il miglior attore, attribuito al protagonista Tahar Rahim qui alla sua prima prova da interprete, sia l’European Film Academy Prix d’Excellence attribuito, per il miglior suono, ai fonici Brigitte Taillandier, Francis Wargnier, Jean-Paul Hurier e Marc Doisner.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha