title_news_large
domenica 17 gennaio 2010

Africa 1960: Arte e i 50 anni dalle indipendenze

Il 1960 è passato alla storia del Novecento come l’anno dell’indipendenza dell’Africa: ben 17 gli stati che hanno completato nel 1960 il processo di decolonizzazione politica, dal Camerun (1° gennaio) alla Mauritania (28 novembre). Per altrettanti paesi, il 2010 sarà un anno simbolico importante, di celebrazioni e riflessioni su cinquant’anni di indipendenza. Per ricordare l’anniversario, l’emittente pubblica franco-tedesca Arte ha realizzato un ambizioso progetto sulla rete, in collaborazione con TV5 Monde. Afrique: 50 ans d’indépendence essere definito come un web-documentario, o meglio, come scrivono i creatori, «un invito al viaggio», un periplo che «brulica di sorprese, incontri inattesi, passaggi obbligati, dimenticanze, e anche rimpianti».

In concreto, si tratta di una sorta di viaggio virtuale, fruibile in francese e tedesco e percorribile attraverso un sito creato ad hoc, in dodici paesi francofoni che celebrano nel 2010 questo anniversario: Camerun, Senegal, Ciad, Benin, Burkina Faso, Congo, Costa d’Avorio, Gabon, Mauritania, Niger, Repubblica Centrafricana, Togo. Sull’homepage, è possibile accompagnare il viaggio con la visione di una videointervista allo storico Mamadou Diouf, dell’università di Columbia. Ogni mese sarà possibile visitare un paese diverso, nell’arco di un’ipotetica giornata di 24 ore, visionando un documentario diviso in più parti con una guida particolare: si comincia con il Camerun di Samuel Eto’o, che l’internauta può scoprire grazie alla guida di due ragazzi del gruppo rap Ak sang grave, Reezbo e Eboo. Tutti i materiali video sono fruibili anche in HD.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha