title_news_large
martedì 9 marzo 2010

Oscar: i premi per Precious e Prudence

Se la vincitrice morale ed effettiva degli 82. Academy Awards rimane Kathryn Bigelow, che per The Hurt Locker si porta a casa cinque statuette (regia, film, sceneggiatura originale, montaggio del sonoro, mixaggio), anche Mo’nique ha lasciato il suo segno su questa edizione, incassando il premio come migliore inteprete non protagonista per il ruolo della madre ottusa, violenta e brutale di Precious di Lee Daniels, che vince anche il premio per la sceneggiatura non originale (a Geoffrey Fletcher).

Mo’nique, che ha ritirato il premio dalle mani di Robin Williams, fasciata in un lungo ed elegante vestito blu, ha detto tra l’altro «Tutto quello che volevo, tutto quello che ho aspettato, è qui. Sono un’attrice comica che vince un’Oscar!». Il premio per la miglior attrice è andato invece a Sandra Bullock per l’apologo black and white The Blind Side di John Lee Hancock. Da segnalare anche l’Oscar come miglior cortometraggio documentario a Roger Ross Williams, che ha codiretto con Elinor Burkett Music by Prudence, apprezzato ritratto di una giovane cantante disabile zimbabwese, Prudence Mabhena.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha