title_magazine

Giustizia privata

di F. Gary Gray

Oltre la legge

Nell’estate del 2003 usciva nelle sale italiane The Italian Job, film su un gruppo di ladri che fanno un colpo nel bel paese, con il quale il regista Felix Gary Gray ha attirato l’attenzione del pubblico. Sette anni dopo, sempre durante l’afosa estate italiana esce Giustizia privata (Law Abiding Citizen, 2009), thriller nel quale si racconta la vendetta privata di un uomo che decide di farsi giustizia da solo.


Trailer fornito da Filmtrailer.com

Giustizia privata segue la drammatica vicenda di Clyde Shelton (Gerard Butler), ingegnere della CIA che ha deciso di abbandonare il suo lavoro per dedicarsi alla famiglia. Una sera, due malviventi entrano in casa di Clyde e uccidono davanti ai suoi occhi la moglie e la figlia. Clyde li ha visti, riconosciuti e denunciati, ma il processo non avrà mai luogo perché il Pubblico Ministero Nick Rice (Jamie Foxx) patteggia una pena più leggera pur di vincere la causa. Clyde, deluso e tradito dal sistema giudiziario nel quale aveva creduto decide di vendicarsi facendosi giustizia da solo, punendo i due assassini e colpendo anche quel sistema giudiziario che non ha vendicato la morte della moglie e della figlia.

Giustizia privata è un film sulla vendetta scatenata dal conflitto tra individuo e società, tra legalità e moralità, tra l’esigenza e la sensibilità di un singolo individuo che si confronta con il sistema complesso della giustizia. F. Gary Gray segue la trasformazione di Clyde nell’arco di dieci anni, da padre affettuoso a uomo tradito e ferito che non ha più nulla da perdere. Giustizia privata è ben lontano dal padre del film capofila di questo genere, Il giustiziere della notte (Death Wish, 1974) di Michael Winner.

Giustizia privata non è infatti sostenuto da una sceneggiatura del tutto convincente e non sviluppa i personaggi in modo completo: il film inizia svelando subito l’idea attorno alla quale è costruito, le possibili distorsioni della legge, per poi perdersi in un susseguirsi di improbabili scene d’azione nelle quali si perdono i personaggi. L’analisi e la critica alle contraddizioni del sistema giudiziario statunitense è alla base del film ed è dunque sicuramente l’aspetto di maggiore interesse del film, ma proprio questo elemento riporta inevitabilmente la mente a compiere evidenti collegamenti con Philadelphia (id.,1993) diretto da Johnatan Demme: entrambi i film sono ambientati nella città che ha visto nascere la giovane democrazia americana, Philadelphia appunto, dove si trova la glorificazione di tutti i simboli di democrazia e giustizia, ed entrambi i film hanno come protagonisti un avvocato di origini afroamericane.

A quasi 20 anni di distanza da Philadelphia, Giustizia privata riprende l’ambiente e alcuni elementi del film di Demme per poi allontanarsene attraverso l’intrigo di scene d’azione nelle quali Clyde si dimostra esperto nell’uso – eccessivo - di elementi tecnologici di ogni genere dei quali si arma per affrontare il susseguirsi di situazioni man mano sempre più improbabili e lontane dalla realtà.

Un peccato per Gray e per i due attori protagonisti che la sceneggiatura non trovi un equilibrio. Butler e Foxx si dimostrano all’altezza delle aspettative ma per loro è certamente un’occasione mancata che Giustizia privata non si sviluppi in modo da evidenziarne le possibilità espressive, in particolare per Jamie Foxx consacrato con il premio Oscar come miglior attore nel 2005 per la sua interpretazione di Ray Charles nel film Ray (id., 2005).

Alice Casalini

Cast & CreditsGiustizia privata (Law Abiding Citizen)
Regia: F. Gary Gray; sceneggiatura: Kurt Wimmer; fotografia: Jonathan Sela; suono: Alan Rankin; montaggio: Tariq Anwar; scenografia: Alex Hajdu; costumi: Jeffrey Kurland; interpreti: Gerard Butler, Jamie Foxx, Colm Meaney, Viola Davis, Bruce McGill, Leslie Bibb, Michael Irby, Regina Hall, Emerald-Angel Young; origine: Usa, 2009; formato: 35 mm, 1.85, Dolby Srd; durata: 108’; produzione: Warp Film, Evil Twins, The Film Department; distribuzione: Moviemax; sito ufficiale: lawabidingcitizenfilm.com; sito italiano: giustiziaprivata.com

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
lunedì 21 maggio 2018

Cannes 71: premiato Spike Lee

Spike Lee, lanciato nel 1986 proprio dal Festival di Cannes con Lola Darling, si è aggiudicato (...)

mercoledì 18 aprile 2018

Cannes 71: DuVernay e Nin in giuria

Annunciata anche la Giuria ufficiale del prossimo Festival di Cannes (8-19 maggio), presieduta (...)

martedì 17 aprile 2018

Cannes 71: Mohamed Ben Attia alla Quinzaine

Il film tunisino Weldi (Mon cher enfant) di Mohamed Ben Attia sarà presentato in prima mondiale (...)

venerdì 13 aprile 2018

Cannes 71: per i 100 anni di Nelson Mandela

Nelson Mandela avrebbe compiuto 100 anni nel 2018. Tra le anticipazioni del programma del (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha