title_magazine

In corso il Festival del Film marocchino

di Leonardo De Franceschi

Tangeri, 21-29 gennaio 2011

È in corso a Tangeri il 12° Festival National du Film, promosso dal Centre Cinématographique Marocain. Il Festival nazionale del cinema marocchino, tradizionalmente itinerante e con cadenza irregolare, di recente ha assunto una cadenza annuale, a conferma della crescita produttiva in atto nella più prospera delle cinematografie maghrebine, dato che tuttavia deve confrontarsi con quello allarmante della chiusura sempre più massiccia di sale. I numeri della competizione in ogni caso, sembrano confortanti, se è vero che a sfidarsi sono 19 lungometraggi e altrettanti corti.

Sul versante della composizione anagrafica e di gender, luci e ombre: ben sette le opere prime, tra cui due (solo due su 19, che diventano quattro per i corti) a firma femminile, Agadir Bombay di Myriam Bakir (che presentammo in una news nell’ottobre 2008) e La 5ème corde di Selma Bargach, ma anche ritorni di superveterani come Abdellah Mesbahi, Mustapha Khayat e Driss Lamrini. Altro dato interessante, il fatto che due titoli in lizza siano documentari. Peraltro si tratta di due tra i film più intriganti in cartellone: Nabyl Ayouch (Ali Zaoua) torna infatti a far parlare di se con My Land, nel quale dà la parola ad alcuni rifugiati palestinesi del 1948, che vivono nei campi in Libano da oltre sessanta anni; molto più indefinito l’impianto tematico di Fragments, ultimo lavoro di uno dei registi più visionari, e irraccontabili, del cinema marocchino, Hakim Belabbes.

Da segnalare inoltre la presenza di tre titoli in lingua amazigh, Wak Wak atairi di Mohamed Mernich, Swingum di Abdellah Ferkouss, e soprattutto Meghiss, di Jamal Belmajdoub, film storico che ricostruisce un episodio della guerra anticoloniale del Rif, svoltosi nel 1921. Tra i lungometraggi favoriti al palmarès figura La mosquée di Daoud Aoulad-Syad, vincitore già di numerosi riconoscimenti. A giudicare i lungometraggi, una giuria internazionale di sette cineasti, di cui fa parte anche il regista franco-guineano Mama Keita (L’absence).

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha