title_magazine

Sguardi altrove, verso e dall'Africa

di Leonardo De Franceschi

Inaugura il 7 marzo alla Triennale di Milano l’edizione numero 18 di Sguardi Altrove Film Festival. Un traguardo importante per la manifestazione dedicata alla creatività e ai linguaggi artistici al femminile che nel 2011 festeggia il diciottesimo compleanno con un ricco calendario di proposte cinematografiche da tutto il mondo (oltre 20 i paesi di provenienza e 117 i titoli selezionati, tra lungometraggi, corti e documentari), mostre, workshop e incontri dislocati in diversi spazi milanesi.

Due le aree tematiche in cui si suddivide il Festival: CINEMA (lungometraggi, corti, e documentari suddivisi in dieci sezioni, di cui quattro competitive) e TASSELLI D’ARTE OLTRE IL CINEMA (mostre, installazioni, videoinstallazioni e laboratori artistici). Due i focus individuati per l’edizione 2011: CINEMA E VOLONTARIATO che, in linea con le indicazioni della Comunità Europea nell’Anno Internazionale del Volontariato, documenta il rapporto tra il mondo del cinema e il lavoro svolto da Onlus, associazioni europee e Nazioni Unite nei territori devastati dalle guerre e OMAGGIO AFRICA-MADE IN AFRICA, un’ampia ricognizione nella poliedricità creativa africana tra arte, cinema e costume, con uno speciale approfondimento su Nollywood - la ricca e sorprendente produzione cinematografica nigeriana - e una selezione di opere sull’Africa dirette da registi europei.

Un importante omaggio è dedicato alla stilista senegalese Oumou Sy, cinquantenne guru della moda made in Africa e costumista per i più importanti set cinematografici africani. In mostra 10 costumi di scena e un reportage tra arte e moda della fotografa Shobha vincitrice del prestigioso premio internazionale World Press Photo.
Il Senegal è protagonista anche del progetto Mama Casset fotografo di studio, dedicato a uno dei primi e più importanti esponenti della fotografia africana. La mostra è composta da una selezione di ritratti di studio di grande fascino e da un video che propone una riflessione sul rapporto tra fotografia e moda attraverso testimonianze raccolte a Dakar. Tra queste una video intervista a Oumou Sy che riscopre nelle immagini di Mama Casset molti aspetti della moda e delle tradizioni senegalesi.

In proiezione in loop anche una selezione di titoli, in collaborazione con il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina, che documentano Nollywood, la ricca e sorprendente produzione cinematografica nigeriana, e due video-ritratti dedicati a Oumou Sy.
Infine, il 20 marzo, omaggio all’artista sudafricano William Kentridge – proposto dal Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – con la videoinstallazione What will come (Has already come) (Courtesy Galleria Lia Rumma, Milano/Napoli) che esplora la guerra d’Abissinia del 1935 attraverso simbolismi visuali surreali e con forti parallelismi con gli attuali conflitti nel mondo. L’opera si inserisce in un più ampio omaggio a Kentridge che varie realtà dello spettacolo e della cultura milanesi stanno dedicando all’artista in occasione della presentazione alla Scala del Flauto Magico di cui firma regia e coreografia.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha