title_magazine

Africa United

di Debs Gardner-Paterson

Dreaming the world cup

Il mondiale di calcio è stato un grande evento sportivo, mediatico e politico, che ha travolto e infiammato il continente africano e che in breve tempo ha investito, ovviamente, anche il cinema, di finzione e non. Pochi mesi dopo la fine del mondiale, il film della regista inglese Debs Gardner-Paterson, Africa United (2010), ha con conquistato il pubblico dell’ultimo festival di Toronto dove la proiezione si è conclusa con una standing ovation per questo road movie che racconta la storia di cinque bambini e dei loro sogni. Africa United è una coproduzione angloruandese ed è stato girato tra Rwanda, Sudafrica e Burundi, un paese, quest’ultimo, praticamente ignorato fino a questo momento dall’industria cinematografica. La regista esordiente Debs Gardner-Paterson ha girato gran parte delle riprese in Rwanda, il paese dove è cresciuta sua madre.

Africa United inizia dunque in Rwanda dove Dudu, un bambino orfano dell’aids, prepara un pallone con un preservativo, una busta di plastica e uno spago. Fabrice, una promessa del calcio appartenente alla classe media, è amico di Dudu e della sua sorellina Beatrice che sogna di diventare un medico. Un giorno Fabrice è notato da un talent scout in cerca di giovani calciatori per rappresentare l’Africa alla cerimonia inaugurale dei mondiali a Johannesburg. Il talent scout gli dice di presentarsi per un’audizione a Kigali, la capitale del Ruanda. Dudu e Beatrice decidono di partire con Fabrice alla volta del Sudafrica e del sogno della World Cup, ma salgono sull’autobus sbagliato e non arrivano a Kigali: da questo momento inizia la loro avventura attraverso l’Africa. Un viaggio lungo e affascinante che li porterà ad ampliare il loro team Africa United con l’aggiunta di altri due membri, Celeste, una giovane prostituta, e George, un ex bambino soldato scappato dalla Repubblica Democratica del Congo.

Africa United è una road movie nel quale elementi fiabeschi si mescolano all’estremo realismo di alcune situazioni e non a caso l’avventura dei bambini viene riletta e poi raccontata da Dudu alla sorellina Beatrice e a tutti i loro amici: una storia nella storia che la Gardner-Paterson ha scelto di mettere in scena con una tecnica d’animazione che aiutasse lo spettatore ad identificarsi con gli occhi di Dudu e il suo sguardo sul mondo. I cinque protagonisti rappresentano ognuno un archetipo di un aspetto o di un problema che caratterizzano il continente africano: Dudu e la piccola Beatrice incarnano il dramma dell’HIV, Celeste rappresenta la piaga della prostituzione minorile, George è l’esempio di un’altra realtà violenta, quella dei bambini soldato e infine c’è Fabrice che sogna di diventare calciatore e che viene da una famiglia agiata, può studiare e possiede un cellulare. Cinque bambini che rappresentano alcuni aspetti di un continente difficile da rappresentare e da capire e in continua evoluzione.

Dudu, Fabrice, Beatrice, George e Celeste attraversano sette paesi africani e compiono un viaggio quasi impossibile durante il quale superano diversi ostacoli, si scontrano con il mondo corrotto degli adulti, si dividono, imparano a conoscersi e uniscono le loro speranze allo scopo di realizzare un sogno. Africa United è una fiaba nella quale gli orchi e i draghi sono rappresentati dal mondo degli adulti mentre i bambini rappresentano la speranza per un futuro migliore. Una soluzione didascalica che riesce comunque a coinvolgere e commuovere anche grazie all’interpretazione dei piccoli attori non professionisti e in particolare al volto espressivo e accattivante del giovanissimo Eriya Ndayambaje che interpreta Dudu.
Africa United è un road movie fiabesco e coinvolgente che, dopo il successo riscosso in Stati Uniti, Francia e Inghilterra, speriamo arrivi anche nelle sale italiane.

Alice Casalini

Cast & CreditsCast & Credits
Africa United
Regia: Deborah ’Debs’ Gardner-Paterson; sceneggiatura: Rhidian Brook; fotografia: Sean Bobbitt; musiche originali: Bernie Gardner; montaggio: Victoria Boydell; scenografia: Guy Potgieter; costumi: Pierre Vienings; interpreti: Emmanuel Jal, Eriya Ndayambaje, Roger Nsengiyumva, Sanyu Joanita Kintu, Sherrie Silver, Yves Dusenge; origine: Gran Bretagna, Ruanda, 2010; formato: 35 mm, 2.35:1; durata: ‘88; produzione: Pathe Productions, Footprint Films, Link Media Production, Out of Africa Entertainment, BBC Films; distribuzione: Warner Bros. Pathé; sito ufficiale: http://www.africaunitedmovie.com/

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha