title_magazine

RED

di Robert Schwentke

Spie di una certa età

Il fortunato binomio cinema-fumetto che negli ultimi anni affolla il panorama cinematografico mondiale continua la sua corsa apparentemente inarrestabile. L’ultimo prodotto di questo filone è RED (2011) diretto da Robert Schwentke e tratto dall’omonimo fumetto della DC Comics di Warren Ellis e Cully Hamner. Il regista tedesco, dopo aver diretto Jodie Foster nel thriller Flightplan (2005), nel 2009 si confronta con un film, Un amore all’improvviso (2009), la cui sceneggiatura è tratta da un celebre romanzo, La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo di Audrey Niffenegger. Con RED, Schwentke arriva sul palcoscenico mondiale con una commedia d’azione interpretata da un cast d’eccezione che da solo sostiene il film: Bruce Willis, Morgan Freeman, John Malkovich ed Helen Mirren ai quali non a caso la locandina italiana dedica ampio spazio.


Trailer fornito da Filmtrailer.com

RED inizia con il risveglio di Frank Moses, ex agente della CIA, che ora vive una vita tranquilla: per qualche minuto seguiamo la scandita e serena vita quotidiana di Frank che è solo e ha come compagnia una centralinista dell’ufficio pensioni della quale s’innamora. Un giorno Frank riesce a trovare il coraggio d’invitarla ad un incontro dal vivo ma proprio questa giornata segna l’inizio dell’avventura perché si presentano in casa di Frank degli uomini della CIA con l’intento di ucciderlo. Frank scappa, incontra la ragazza del centralino e riesce a sottrarla alla CIA. Quando Frank capisce che la sua identità è compromessa, decide di capire quanto sta accadendo e sa di poterlo fare solo con l’aiuto della sua vecchia squadra che rimette insieme per un’ultima volta.

RED è la sigla usata dalla CIA per indicare un soggetto (Retired Extremely Dangerous tradotto in italiano modo discutibile come Reduci Estremamente Distruttivi) e Moses viene appunto indicato come RED. Dei quattro improbabili amici in pensione quello più verosimile è forse Morgan Freeman, forse perché fa la sua prima apparizione in una clinica per malati terminali, in ogni caso i quattro arzilli “vecchietti” danno spettacolo: l’azione non manca, l’ironia neppure. Il gioco sul quale si basa RED è appunto l’ironia legata ovviamente al fatto di vedere quattro spie in pensione combattere contro la CIA, mostrandone stranezze, debolezze, eccentricità e giocando sul fatto che non si può smettere di essere spie, di uccidere e di fare un certo lavoro, come se fossero destinati, un po’ perché è un lavoro che ti condiziona la vita, un po’ perché si ha un indole particolare, una predisposizione.

Se RED scorre velocemente tra azioni, colpi di scena spesso prevedibili, e qualche sorriso, e molto è merito del cast stellare che si avvale del cammeo di Ernst Borgnine, vecchio custode dei segreti della CIA. La sceneggiatura è semplice, ridotta ai minimi termini, rimane volutamente in superficie, disegnando quattro maschere, quattro tipologie di spie che insieme formano un equilibrio perfetto sullo schermo ma che manca della pur minima profondità. L’ironia dei dialoghi, rapidi ed efficaci per lo svolgimento della storia, da vivacità al film e smorza l’azione e la violenza di alcune scene, lanciando critiche non troppo velate al sistema del potere americano che influenza gli equilibri internazionali.

Nonostante Schwentke, e soprattutto i due sceneggiatori, Jeo ed Erich Hoeber, non abbiano avuto il coraggio di approfondire alcuni aspetti, rimanendo più comodamente a un livello più superficiale e più facile da gestire, RED è un film che diverte e che coinvolge grazie a tutti i volti da Oscar che mette insieme in una miscela di azione e ironia che certo non rimarrà impressa nella mente per lungo tempo ma che sul momento si lascia vedere con leggerezza.

Alice Casalini

Cast & CreditsRED (id.) Regia: Robert Schwentke; sceneggiatura: Jon Hoeber, Erich Hoeber; fotografia: Florian Ballhaus; colonna sonora: Christoph Beck; montaggio: Thom Noble; scenografia: Alec Hammond; costumi: Susan Lyall; interpreti: Bruce Willis, Helen Mirren, Morgan Freeman, John Malkovich, Mary-Louise Parker, Karl Urban, Brian Cox, Richard Dreyfuss, Cynthia Wilkes, Julian McMahon, James Remar, Ernst Borgnine; origine: USA, 2011; formato: 35 mm, 2.35:1; durata: 111’; produzione: DC Entertainment, Di Bonaventura Pictures, Summit Entertainment; distribuzione: Medusa; sito ufficiale: red-themovie.com/; sito italiano: red.libero.it.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
lunedì 21 maggio 2018

Cannes 71: premiato Spike Lee

Spike Lee, lanciato nel 1986 proprio dal Festival di Cannes con Lola Darling, si è aggiudicato (...)

mercoledì 18 aprile 2018

Cannes 71: DuVernay e Nin in giuria

Annunciata anche la Giuria ufficiale del prossimo Festival di Cannes (8-19 maggio), presieduta (...)

martedì 17 aprile 2018

Cannes 71: Mohamed Ben Attia alla Quinzaine

Il film tunisino Weldi (Mon cher enfant) di Mohamed Ben Attia sarà presentato in prima mondiale (...)

venerdì 13 aprile 2018

Cannes 71: per i 100 anni di Nelson Mandela

Nelson Mandela avrebbe compiuto 100 anni nel 2018. Tra le anticipazioni del programma del (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha