title_magazine

L'Africa del Festival dei Popoli

di Maria Coletti

Festival Internazionale del Film Documentario, Firenze, 12-19 novembre

L’ospite d’eccezione della prima giornata del 52. Festival dei Popoli di Firenze (12-19 novembre 2011) sarà Edgar Morin, tra i fondatori e giurato delle prime edizioni del festival. Il sociologo di fama mondiale presenterà alle ore 15 il progetto Chronique d’un film di Anastas Ayreen, François Bucher e René Gabri nato dal materiale inedito di Chronique d’un été (1961), il mitico documentario di Jean Rouch che rivoluzionò il cinema documentario di quegli anni. "Abbiamo recuperato il girato del film, per fare un nuovo montaggio che riscattasse l’opportunità mancata”, così hanno dichiarato gli autori, sottolineando che Chronique d’un film è un progetto, un work in progress, costantemente in dialogo con il film originale.

Nel Concorso Lungometraggi, segnaliamo il film Territoire perdu di Pierre-Yves Vanderweerd (Belgio, 2011, 75’), un film sul popolo Saharawi, girato in Super 8, in cui il regista si confronta con il senso di attaccamento verso un territorio, ma anche con l’idea del superamento delle frontiere e di un pensiero nomade.

White Elephant (Gran Bretagna, 2011, 34’), un documentario sull’ufficio postale centrale di Kinshasa, in Congo, è invece nella sezione competitiva dedicata ai cortometraggi. Realizzato da Kristof Bilsen, il corto ritrae quello che è un relitto del passato coloniale, ma che ha intrappolato i suoi impiegati, come congelati in una dimensione spazio-temporale da cui desiderano e pianificano di fuggire.

Tra i titoli fuori concorso, segnaliamo innanzitutto The Black Power Mixtape 1967-1975 di Göran Olsson (USA, 2011, 92’): basato sui 16mm girati da operatori svedesi alla fine degli anni ’60 e arricchito da una colonna sonora che raggruppa alcuni dei maggiori esponenti della black music (Harry Belafonte, Talib Kweli, Erykah Badu), il film indaga il movimento delle Pantere Nere, restituendo il sentimento di quegli anni. Leaders carismatici – Angela Davis, Stokely Carmichael, Bobby Steale – testimoniano un cambiamento radicale nella società americana e l’inizio di un’epoca di lotta e di conflitto che ha coinvolto tutte le società occidentali.

Un altro titolo sulla carta molto interessante è White Men (Italia, 2011, 65’) di Alessandro Baltera e Matteo Tortone, in cui gli “uomini bianchi” in Africa non sono solo i discendenti dei colonizzatori o i turisti in cerca di esotico, ma anche persone la cui esistenza è minacciata ogni giorno: il documentario sviluppa il ritratto di quattro giovani albini alle prese con i loro desideri di riuscita e integrazione e, allo stesso tempo, con la paura per una società che li emargina e li perseguita.

Tra gli eventi speciali del Festival dei Popoli, segnaliamo infine la retrospettiva omaggio allo spagnolo Isaki Lacuesta. Tra i suoi documentari in programma, due riguardano da vicino l’Africa: Los pasos dobles (2011, 90’) e El cuaderno de barro (2011, 61’).
In Los pasos dobles, personaggi reali e immaginari si aggirano per un paese africano spinti da scopi misteriosi. Le loro storie giungeranno ad incontrarsi e intrecciarsi l’una nell’altra. Un film intrigante, frutto della collaborazione fra il regista e il pittore catalano Miquel Barceló, che si muove in un territorio in cui sono sparite le distinzioni tra finzione e realtà.
El cuaderno de barro, invece, nato durante le riprese di Los pasos dobles, è un documentario più classico che segue la vita e il lavoro del pittore Miquel Barceló in Africa. La camera segue il pittore al lavoro con amici e collaboratori alla scoperta dei materiali naturali con cui reinterpretare l’arte arcaica africana attraverso la sensibilità contemporanea.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha