title_magazine

Monsieur papa

di Kad Merad

Che cos'è una famiglia?

In seguito al successo di Giù al nord (Bienvenue chez les Ch’tis, 2008), firmato e co-intepretato da Dany Boon, Kad Merad ha continuato la sua ascesa nel mondo del cinema francese diventandone uno dei volti più noti. Dopo una lunga serie di successi l’attore franco-algerino ha fatto il grande salto ed è passato dietro la macchina da presa per dirigere il suo primo film, Monsieur papa (2011), del quale, oltre che regista è anche attore protagonista. Il film è una gradevole commedia sentimentale scritta da tre sceneggiatori tra cui Emmanuelle Cosso, compagna di Merad che ha deciso di non rischiare e di non sperimentare troppo per la sua opera prima da regista, ritagliando per sé un ruolo particolarmente adatto di un uomo all’apparenza insignificante ma che nasconde grandi qualità umane.


bande annonce par Filmtrailer.com

Monsieur Papa racconta la storia di come una grande bugia detta per paura e per proteggere può dar vita a un’altra storia, ad una nuova vita. Siamo a Parigi e il piccolo Marius Vallois è un bambino di 12 anni che non ha mai conosciuto il padre e che cerca disperatamente di trovare questa figura mancante nella sua esistenza. Marie, la madre di Marius, tenta di tenere insieme la sua strana famiglia (una sorella che adora, un cugino piuttosto strano), il suo lavoro molto impegnativo e un amante segreto, ma non ha un padre per il piccolo Marius. Robert Pique vive in un palazzo nel 13mo arrondissement di Parigi dove lavora come lavanderia a domicilio per gli inquilini del suo palazzo ed è in cerca di lavoro: le vite di Robert e Marie s’incrociano e la donna, disperata dall’ossessiva ricerca di un padre di Marius, offre a Robert un lavoro: fingersi il padre di Marius. Un primo incontro programmato che però stravolgerà i piani di Marie e costringerà tutti a ripensare ai loro rapporti interpersonali.

Monsieur papa inizia con una sintetica ma estremamente efficace presentazione dei tre protagonisti: Marius, inquieto e indifeso, che per attirar l’attenzione ruba in un centro commerciale; Marie, donna in carriera, impaurita e insicura nel rapporto con Marius, e Robert, pacifico e cordiale, un uomo solo che vive in un palazzo del quartiere cinese di Parigi dove si svolge buona parte del film.
L’immagine del 13mo arrondissement, dei suoi palazzi e delle persone che ci vivono, i colori e l’idea di spazio che emerge dalle inquadrature del quartiere è uno degli elementi che più incuriosisce e lascia ben sperare. Purtroppo dopo una prima parte articolate e intrigante, la sceneggiatura di Monsieur Papa si perde lasciandosi andare a soluzioni troppo facili e prevedibili, ma l’interpretazione dei tre protagonisti, in modo particolare del giovane Gaspard Meier nel ruolo del dolce e intelligente Marius, è comunque molto convincente.
Oltre alla direzione degli attori è da sottolineare anche una certa fredda, rigida ma originale scelta visiva operata da Merad, come dimostrano le scene girate sul campo di rugby tra i palazzi e la scena in cui si scopre l’appartamento della giovane e bella ragazza cinese che ha rapito il cuore di Robert.

Non mancano dunque elementi validi per suggerire la visione di Monsieur Papa, film curato sotto tutti i punti di vista e che vanta anche una colonna originale scritta da Daran, musicista indie rock di origini italiana da poco trapiantato in Canada. La nuova famiglia che si va formando e definendo alla fine di Monsieur papa va ben oltre i limiti delle parentele di sangue, è un concetto molto più ampio e articolato sul quale vale la pena riflettere e proprio per questo sarebbe interessante poterlo vedere presto anche sugli schermi italiani.

Alice Casalini

Cast & CreditsMonsieur papa
Regia: Kad Merad; sceneggiatura: Luc Chaumar, Emmanuelle Cosso, Anne Valton; fotografia: Régis Blondeau; colonna sonora: Daran; montaggio: Christophe Pinel; scenografia: Isabelle Delbecq; costumi: Charlotte Betaillole; interpreti: Michèle Laroque, Kad Merad, Gaspard Meier, Judith El Zein, Vincent Perez, Myriam Boyer, Florence Maury; origine: Francia, 2011; formato: 35 mm, 1.85, colore; durata: 104’; produzione: Pathé, Arcadia; sito ufficiale: monsieurpapa-lefilm.com

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha