title_magazine

Being Elmo. A Puppeteer’s Journey

di Costance Marks

Io sono un burattino

Il 2011 è stato l’anno del ritorno dei Muppet: a ridosso di Natale negli Stati Uniti, e a metà gennaio 2012 in Italia, è uscito l’atteso e discusso film I Muppet (The Muppets), ultima fatica della Disney da pochi anni proprietaria anche de I Muppet della Jim Henson Company. All’inizio del 2011 però, al Sundance Film Festival, ha trionfato, col Premio Speciale della Giuria, un documentario legato al fantastico mondo creato da Jim Henson, Being Elmo. A Puppeteer’s Journey di Costance Marks. Il documentario racconta la storia di Kevin Clash che all’inizio degli anni ’80 realizzò il suo sogno entrando a far parte del gruppo dei Muppet di Jim Henson nello show per ragazzi Sesame Street fino alla creazione del suo personaggio più famoso, Elmo. Il documentario ripercorre, attraverso la vita di Clash, anche la storia dei Muppet e del gruppo di burattinai che hanno dato vita a quel fantastico mondo immaginario.

Being Elmo. A Puppeteer’s Journey inizia e finisce con Kevin Clash al giorno d’oggi, con Elmo e il suo indiscusso successo. Il documentario introduce Clash ed Elmo per poi fare un passo indietro per cominciare dall’inizio, dall’infanzia e dai sogni di un bambino nato e cresciuto nella periferia di Baltimora. Clash ci accompagna nella sua casa dov’è nato e cresciuto, nel suo quartiere e, attraverso foto e i suoi racconti e quelli di sua madre, ricostruiamo la passione per un lavoro particolare che Kevin sognava di poter fare già all’età di nove anni, quando guardava gli show di Henson in televisione e rubava abiti in casa per costruire i suoi primi pupazzi. A soli 17 anni Clash va a New York dove inizia la sua vera avventura come marionettista che lo porterà a lavorare nel Sesame Street a in numerosi film tra cui il primo, non a caso, fu Labyrinth (1986) di Jim Helson. Clash arriva all’apice del successo quando la sua vita entra quasi in simbiosi con quella del personaggio Elmo che in breve diventa una vera a propria star, adorata dai bambini.

Clash che oggi lavora come produttore esecutivo a Sesame Street nel 2006 ha anche scritto un’autobiografia, My Life as a Furry Red Monster: What Being Elmo Has Taught Me About Life, Love and Laughing Out Loud, sempre strettamente legata al suo personaggio Elmo. Dunque è evidente il filo che lo lega ormai indissolubilmente da Elmo anche nella sua vita privata: in Being Elmo si vede un filmato del giorno in cui è nata sua figlia e la Clash commenta l’uscita di casa della moglie per andare in ospedale con la voce in falsetto di Elmo. Ma non basta, per la festa della maggiore età della figlia, il padre le regala un video con gli auguri di personaggi famosi, come Jack Black, e alla fine del video, l’augurio del padre passa attraverso il volto e la voce di Elmo. Quindi il titolo del documentario Being Elmo è un richiamo quanto mai esplicito alla doppia vita di Kevin Clash, legata indissolubilmente a un pupazzo rosso adorato dai bambini ai quali Kevin/Elmo sembra non risucire mai a dire di no. Whoopi Goldberg, intervistata per il documentario, ma anche voce narrante di Being Elmo, spiega questo legame tra i bambini ed Elmo dicendo che i bambini adorano Elmo ma Elmo per vivere ed essere Elmo ha bisogno dei bambini.

Il documentario di Costance Marks elogia Kevin Clash e omaggia il mondo del quale fa parte, concentrato solo sul punto di vista di Kevin/Clash, senza mai menzionare che Elmo è stato anche un personaggio controverso, a volte accusato di essere una “piccola minaccia rossa” perché rischiava di mettere in ombra i personaggi storici del Sesame Street. In ogni caso, Being Elmo ha girato in numerosi festival internazionali e riscosso un enorme successo entrando a far parte del momento di rivalsa dei Muppet e del loro morbido e divertente mondo.

Alice Casalini


Ti piace Cinemafrica e vuoi contribuire con un piccolo contribuito alle spese redazionali e di gestione del portale? Ora puoi, versando anche solo pochi euro attraverso PayPal.

Cast & CreditsBeing Elmo. A Puppeteer’s Journey
Regia: Constance Marks; sceneggiatura: Philip Shane Justin Weinstein; fotografia: James Miller; musiche: Joel Goodman; montaggio: Philip Shane, Justin Weinstein; interpreti: Kevin Clash, Whoopi Goldberg, Jim Henson, Frank Oz, Bill Barretta, Carroll Spinney, Rosie O’Donnell, Fran Brill, Martin P. Robinson; origine: Usa, 2011; durata: 80’; produzione: Constance Marks Productions; distribuzione internazionale: Submarine Entertainment; sito ufficiale: beingelmo.com

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha