title_magazine

Safe House - Nessuno è al sicuro

di Daniel Espinosa

Il mio nome è Tobin Frost

Safe House – Nessuno è al sicuro, dal 2 marzo nelle sale, si presenta come un insolito e interessante incontro di culture dal quale ci si può ragionevolmente aspettare un intrigante prodotto cinematografico: Daniel Espinosa, regista svedese di origini cilene, per il suo esordio hollywoodiano sceglie come location per il suo action movie scritto dall’esordiente David Guggenheim, il Sud Africa. Dopo il successo di Snabba Cash nel 2006, Espinosa sbarca negli USA per la sua prima avventura hollywoodiana, riuscendo a cogliere nel segno. Realizza infatti un serrato e accattivante action movie con due protagonisti impeccabili, Danzel Washington e Ryan Reynolds. Sull’onda del fenomeno Assange e WikiLeaks, Safe House ruota attorno agli scandali legati alla corruzione interna alle strutture governative, in particolare della CIA e Città del Capo e i paesaggi sconfinati del Sud Africa, limite estremo a sud del continente africano, ospitano come zona di passaggio, questo attuale intrigo internazionale.

A Città del Capo vive da un anno un agente della CIA, Matt Weston, che custodisce una safe house dove non succede mai nulla. Insoddisfatti e frustrato per questa situazione di stallo, spera in un trasferimento e nella possibilità di passare ad altre attività. Un giorno la safe house di Città del Capo entra in funzione: arriva, scortato da sette agenti, un ospite particolare. Tobin Frost è un ex agente della CIA, in fuga da 10 anni, catturato in seguito al suo arrivo nel consolato americano a Città del capo dove ha cercato rifugio. La safe house viene assalita, gli agenti della CIA uccisi, mentre Matt riesce a fuggire con Frost: Tobin Frost è una leggenda all’interno della CIA, è l’uomo che ha rivoluzionato il modo di condurre gli interrogatori e l’incontro tra il giovane e inesperto Matt con il navigato Tobin è alla base dell’avventura di Matt che, a poco a poco, scopre la verità su Frost e sui segreti che custodisce.

Espinosa esce a testa alta da questa prima incursione nell’universo hollywoodiano, Safe House è un classico action-thriller con scene d’effetto, intense e cariche di tensione, alcune delle quali rimangono fortemente impresse, in particolare la lunga sequenza dell’inseguimento allo stadio durante la partita. A questo va sicuramente ad aggiungersi l’equilibrato rapporto della coppia Matt Weston e Tobin Frost, interpretati in modo efficace e composto rispettivamente da Ryan Reynolds e Danzel Washington.
Da un lato Safe House si presenta dunque con alcuni elementi caratteristici che possono permettere di dargli una propria identità, come l’ambientazione in Sud Africa, terreno d’azione neutrale per lo scontro tutto americano interno alla CIA, dall’altro sembra evidente il richiamo all’impianto tipico della saga di The Bourne Identity dalla quale ha preso anche la fotografia curata sempre, e non a caso, da Olivier Wood.

Safe House è sicuramente un film d’azione riuscito, con sequenze spettacolari che tengono la tensione sempre alta, inseguimenti lunghissimi ed estenuanti, scene di folla convulse e adrenaliniche, il tutto sostenuto dall’interpretazione più che convincente della coppia ben assortita Wasinghton-Reynolds. Però forse Espinosa e Guggenheim avrebbero potuto sfruttare meglio i due attori equilibrando meglio la parte dell’azione con una più strutturata parte dedicata al gioco psicologico che è alla base del rapporto tra Matt Weston e Tobin Frost.

Alice Casalini


Ti piace Cinemafrica e vuoi contribuire con un piccolo contribuito alle spese redazionali e di gestione del portale? Ora puoi, versando anche solo pochi euro attraverso PayPal.

Cast & CreditsSafe House – Nessuno è al sicuro (Safe House) Regia: Daniel Espinosa; sceneggiatura: Olivier David Guggenheim; fotografia: Olivier Wood; montaggio: Richard Pearson; colonna sonora: Ramin Djawadi; scenografia: Brigitte Broch; costumi: Susan Matheson; interpreti: Ryan Reynolds, Denzel Washington, Vera Farmiga, Joel Kinnaman, Brendan Gleeson, Robert Patrick, Sam Shepard, Tanit Phoenix, Liam Cunningham, Ruben Blades, Fares Fares, Jake McLaughlin, Stephen Bishop, Nora Arnezeder; origine: Usa, Sud Africa 2012; formato: 35 mm, 2,35:1; durata: 115’; produzione: Intrepid Pictures, Stuber Productions; distribuzione: Medusa; sito ufficiale: nooneissafe.com; sito italiano: cinema.universalpictures.it/website/safehouse

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
venerdì 12 gennaio 2018

Viaggio in Italia con il cinema tunisino

A 50 anni dal primo passaggio di Roberto Rossellini in Tunisia per le riprese de Gli atti degli (...)

martedì 2 gennaio 2018

Terminate in Marocco le riprese di Sofia

Sono terminate a dicembre le riprese di Sofia, primo lungometraggio della cineasta (...)

lunedì 4 dicembre 2017

I premi del RIFF

Sono stati annunciati ieri i vincitori della XVI edizione del RIFF – Rome Independent Film (...)

lunedì 4 dicembre 2017

Balon e Talien premiati al TFF

Alla cerimonia di chiusura del trentacinquesimo Torino Film Festival che si è svolta lo scorso 2 (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha