title_magazine

The Black Power Mixtape 1967-1975

di Göran Hugo Olsson

Ovvero, come venne raccontato un movimento

Tutto ha inizio con la scoperta negli archivi della TV svedese di un piccolo tesoro audiovisivo raccolto tra la fine degli anni Sessanta e i primi anni Settanta sul Black Power, il movimento dei diritti civili e il Black Panter Party: filmati in 16mm che ripercorrono gli anni delle rivoluzioni pacifiste, dell’acuirsi della guerra in Vietnam e della sua fine.
Questo materiale dimenticato per anni è diventato, dopo un lavoro di studio e selezione, il girato per un documentario scritto e diretto dal documentarista svedese Göran Hugo Olsson che ha unito le immagini originali ad una studiata colonna sonora e voci autorevoli di commento: è nato così The Black Power Mixtape 1967 -1975 (2011). Il documentario è stato presentato il Sundance Film Festival nel 2011. Sono seguite diverse proiezioni in festival internazionali di tutto il mondo, tra cui quella della 61ma edizione della Berlinale.

The Black Power Mixtape 1967-1975 inizia con un’esplicita dichiarazione d’intenti da parte del regista che scrive gli intenti del documentario mentre si vedono delle immagini di una spiaggia nel pressi di Miami nel 1972: quello che Olsson vuole raccontare non è il movimento del Black Power ma come l’hanno mostrato i giornalisti svedesi. Olsson c’introduce all’America di quegli anni contrapponendo due interviste: una ad Al, proprietario di un caffè sulla spiaggia, che spiega che gli Usa sono un paese libero dove ci sono uguali opportunità per tutti, ed un’altra intervista a due afroamericani, John e Roger, che invece parlano dello stesso paese come di un luogo dove non ci sono pari diritti e pari opportunità per tutti. Il viaggio attraverso sette anni che segnarono un’epoca inizia qui: il documentario prosegue raccontando di anno in anno gli avvenimenti principali, mostrando i protagonisti, da Stokely Carmichael ad Angela Davis, inserendo ovviamente nel mezzo Martin Luther King e Huey P. Newton.

Olsson riesce a restituire un quadro complesso del momento attraverso un montaggio intelligente che alterna immagini dei personaggi storici, delle loro interviste e delle loro conferenze, a quelle di persone comuni, dei ragazzi dei sobborghi delle grandi città, e quelle degli eventi legati al Black Power organizzati in Svezia dove i leader dei movimenti per i diritti civili incontravano i giovani svedesi che, come tutti i ragazzi europei, guardavano con interesse a quello che stava accadendo negli Stati Uniti. Le immagini sono commentate da voci fuori campo di professori e attivisti politici come Erika Badu, Talib Kweli, Harry Belafonte, Angela Davis e molti altri, ma anche da un’accattivante colonna sonora scritta da Ahmir Questlove Thompson e da Om’Mas Keith, membro del gruppo hip hop Sa-Ra.

Con The Black Power Mixtape 1967-1975 Olsson, membro Editorial board of Ikon South Africa, una piattaforma crativa per la creazione di documentari in Sudafrica, firma un documentario prezioso che raccoglie immagini, volti e suoni di un mondo e di un modo di leggerlo ormai lontani. Da quegli anni, da quelle lotte, da quelle speranze, sono passati trent’anni durante i quali il mondo è stato stravolto da assetti politici ed economici che allora questi movimenti non avevano immaginato. The Black Power Mixtape 1967-1975 è dunque un documentario prezioso sia per il materiale con il quale è stato realizzato, sia per l’interazione tra il mondo che raccontavano e il modo in cui veniva percepito dalla vecchia Europa e alla fine della visione si ha la sensazione di aver colto il senso di questo documentario dichiarato in apertura.

Alice Casalini

Cast & CreditsThe Black Power Mixtape 1967-1975
Regia: Göran Hugo Olsson; sceneggiatura: Göran Hugo Olsson; montaggio: Göran Hugo Olsson & Hanna Lejonqvist; musiche: Questlove Thompson, Om’Mas Keith; con: Stokely Carmichael (Kwame Ture), Dr. Martin Luther King, Jr., Eldridge Cleaver, Bobby Seale, Huey P. Newton, Emile de Antonio, Angela Davis, rykah Badu, Talib Kweli, Harry Belafonte, Kathleen Cleaver, Angela Davis, Robin Kelley, Abiodun Oyewole, Sonia Sanchez, Bobby Seale, Questlove; origine: Svezia, 2011; formato: 16mm, 4:3; durata: 100’; produzione: Loverture Film, Story AB; distribuzione: Story AB; sito ufficiale: http://blackpowermixtape.com/index.php

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha