title_magazine

Il sole dentro

di Paolo Bianchini

Vecchia Europa ti scrivo

Durante la settimana dedicata al Festival Internazionale del Film di Roma, mentre tutti i riflettori sono puntati sul red carpet e sul tanto discusso concorso, esce in sala un piccolo film scritto e diretto da Paolo Bianchini, Il sole dentro. Bianchini, dopo un lungometraggio in costume su Federcio II di Svevia, Il giorno, la notte. Poi l’alba (2007), è tornato a raccontare il cinema attraverso gli occhi dei bambini come ne La Grande quercia (1997). Il sole dentro è un progetto che prende spunto da una storia vera, quella di Yaguine e Fodè, due ragazzi guineani trovati morti il 2 agosto nel 1999 in un aereo diretto a Bruxelles. I due bambini avevano deciso d’intraprendere un viaggio dalla Guinea a Bruxelles per consegnare di persona “alle loro Eccellenze, i membri responsabili dell’Europa” una lettera scritta a nome di tutti i bambini africani.

Bianchini e Paola Rota hanno preso spunto da questo triste episodio per raccontare il mondo della speranza dei migranti africani e alla ricostruzione del viaggio senza ritorno di Yaguine e Fodè intrecciano quello di altri due bambini che percorrono il viaggio dall’Europa all’Africa in cerca di felicità: Thabo un tredicenne di un paese africano N’Dola, e Rocco che ha quattordici anni, non ha madre né padre, e decide di partire con il suo amico africano. Thabo e Rocco sono vittime del mercato del calcio dei bambini, sfruttati, maltrattati e ignorati dal resto del mondo partono da Bari alla volta di un viaggio impossibile attraverso il deserto del Sahara per giungere a N’Dola dove Thabo vuole ritrovare la sua famiglia e il suo allenatore, “pasta e fagioli”.

La storia triste e particolarmente significativa di Yaguine e Fodè si accosta con fatica all’improbabile viaggio a piedi dei due ragazzi durato mesi nel Sahara: un viaggio segnato da incontri sempre al limite tra l’onirico e il simbolico che non riescono ad accordarsi con la chiave realista che invece Il sole dentro vorrebbe avere, proprio attraverso l’esplicito ricordo dei due ragazzi guineani.

Le basi sulle quali si fonda il film, la tragica storia di Yaguine e Fodè e il dramma del mercato dei bambini calciatori, possono essere punti di partenza interessanti, ma la sceneggiatura vira su una chiave fiabesca che si perde in dialoghi con intenti didattici e moralistici, come nell’incontro con padre x (Francesco Salvi) che nel deserto costruisce aquiloni con i volti dei bambini; oppure in improbabili dialoghi tra i due ragazzi che dicono battute che risultano spesso forzate ed innaturali, come quando Rocco in preda ai crampi dalla fame nel mezzo del deserto pensa a un piatto di orecchiette e quando chiede a Thabo qual è il piatto tipico del suo paese, il ragazzo africano risponde “Il piatto vuoto”.

La chiave fiabesca e onirica, evidentemente voluta, non sembra però riuscita appieno, tutti i personaggi sembrano delle macchiette, in particolare quello del console italiano a N’Dola (Diego Bianchi). Gli incontri/scontri tra il console onorario e il mister “Pasta e fagioli” (Anna Finocchiaro), sono l’occasione per lanciare anche un richiamo al passato da migranti degli italiani: i due ricordando le esperienze dei loro genitori emigrati in Belgio ma questo elemento sembra che venga lanciato senza un vero supporto e un adeguato approfondimento, forse perché non è un elemento necessario all’interno di questo film.

Il sole dentro, sostenuto da Unicef e dalla Comunità di sant’Egidio è un film che si basa su temi importanti che i ragazzi, e non solo, devono affrontare e conoscere, ma manca di una sceneggiatura incisiva che si lascia andare spesso a facili moralismi.

Alice Casalini

Cast & CreditsIl sole dentro
Regia: Paolo Bianchini; soggetto: Paolo Bianchini e Paola Rota; sceneggiatura: Paolo Bianchini, Marco Cavaliere e Paola Rota; fotografia: Giovanni Cavallini; suono: Matteo Orsini; montaggio: Roberto Siciliano; scenografia: Giuliano Pannutti; costumi: Margherita Meddi; musiche originali: Fabrizio Siciliano; interpreti: Angela Finocchiaro, Francesco Salvi, Diego Bianchi, Gaetano Fresa, Fallou Kama, Giobbe Covatta; origine: Italia, 2012; formato: HD, 35 mm, 1.85, colore; durata: 100’; produzione: Alveare Cinema, Cinetelefilms; distribuzione: Medusa; sito ufficiale: www.ilsoledentro.it

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
venerdì 12 gennaio 2018

Viaggio in Italia con il cinema tunisino

A 50 anni dal primo passaggio di Roberto Rossellini in Tunisia per le riprese de Gli atti degli (...)

martedì 2 gennaio 2018

Terminate in Marocco le riprese di Sofia

Sono terminate a dicembre le riprese di Sofia, primo lungometraggio della cineasta (...)

lunedì 4 dicembre 2017

I premi del RIFF

Sono stati annunciati ieri i vincitori della XVI edizione del RIFF – Rome Independent Film (...)

lunedì 4 dicembre 2017

Balon e Talien premiati al TFF

Alla cerimonia di chiusura del trentacinquesimo Torino Film Festival che si è svolta lo scorso 2 (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha