title_magazine

Premio Mutti-Amm. Share the news!

a cura di Leonardo De Franceschi

Cinemafrica promuove il Premio Mutti-Amm. Iscrizioni aperte fino al 28 febbraio

Il 21 novembre all’Apollo 11 di Roma è stata presentato il nuovo bando del Premio Mutti-Amm, da quest’anno promosso in collaborazione con l’Archivio delle memorie migranti. Il Premio, che prende il nome da uno dei più brillanti buyer della BIM, scomparso in un incidente di moto nel 2008, è il primo e unico premio in Italia dedicato al cinema migrante. Creato nel 2008 da Officina Cinema sud-est, Cineteca di Bologna e Associazione Amici di Giana, dal 2012 è promosso in collaborazione con l’Archivio delle memorie migranti - grazie al sostegno di Osi e Fondazione lettera27 - e si arricchisce di una nuova sezione: oltre a un contributo di 15 mila euro per la realizzazione di un progetto filmico (fiction, documentario, animazione) presentato da un regista migrante residente in Italia da almeno un anno, il Premio Mutti-AMM prevede da quest’anno un riconoscimento di 5 mila euro per il miglior film realizzato da un regista under 30 sul tema dell’immigrazione in Italia.

Per un filmaker di origine migrante trovare dei fondi in Italia per finanziare le proprie opere è un’impresa quasi impossibile. Mancano politiche culturali volte a incoraggiarne le produzioni (come accade per esempio nel Regno Unito con l’Arts Council), investimenti diretti dei canali televisivi (come quelli di Channel 4, Arte e ZDF), e con qualche eccezione è quasi inesistente il sostegno delle Fondazioni al cinema del Sud del mondo. Il Premio è stato creato nel 2008 per iniziare a colmare questo vuoto, con il duplice obiettivo di promuovere linguaggi e forme nuove di autorappresentazione attraverso il cinema e il documentario, e di stimolare lo sviluppo di politiche culturali più inclusive.

Tra il 2008 e il 2012, i filmmaker premiati sono stati Mohamed Zineddaine, Abdoulaye Gaye, Fred Kudjo Kuwornu e Adil Tanani. L’ultimo insignito del premio è stato l’etiope Dagmawi Yimer, al lavoro su un documentario ispirato all’eccidio di Firenze del 13 dicembre 2011 e alla dolorosa vicenda personale dell’attore e mediatore culturale senegalese Mohamed Ba.
Per quanto ci riguarda, daremo il nostro piccolo contributo al successo del premio, tenendo in homepage questo articolo di presentazione del bando, fino alla scadenza per le presentazione delle domande, prevista per il 28 febbraio 2013.

Info
Fondazione Cineteca di Bologna
Tel. 051 2194827 | enrica.serrani@comune.bologna.it

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
martedì 9 aprile 2019

Minervini in sala a maggio

CHE FARE QUANDO IL MONDO È IN FIAMME? (What You Gonna Do When the World’s on Fire?) il film (...)

lunedì 1 aprile 2019

Il Rwanda alla Casa delle Donne

RWANDA, IL PAESE DELLE DONNE è il documentario di Sabrina Varani che sarà proiettato lunedì 8 (...)

venerdì 29 marzo 2019

FESCAAAL 2019: Tezeta Abraham madrina

Il prossimo sabato 30 marzo alle ore 10.00 presso l’Auditorium San Fedele di Milano si terrà la (...)

mercoledì 27 marzo 2019

Fescaaal 2019: il premio Mutti-AMM2019

Viene presentato oggi al FESCAAAL di Milano - mercoledì 27 marzo, ore 19.00 - il Premio (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha