title_magazine

Troppo amici

di Olivier Nakache, Éric Toledano

Nevrosi familiari

In seguito al successo di Quasi amici, è uscito, con tre anni di ritardo, il primo film scritto e diretto dalla coppia Olivier Nakache, Éric Toledano, Troppo amici (Tellement proches, 2009): una commedia su una famiglia composta da una serie di membri che rappresentano tutte le nevrosi, le depressioni contemporanee che affliggono la nostra società e gli abitanti delle grandi metropoli.
Con una traduzione del titolo brutalmente mirata a fare l’eco al film che ha portato al successo in Italia i due registi, Troppo amici arriva nelle sale con la sua comicità irriverente, politicamente scorretta, ma senza esagerare, un buonismo generale che però non smorza gag divertenti, a volte esilaranti.

Troppo amici è la storia della crisi che esplode tra Alain e Nathalie: siamo nel 1993, la coppia ha due figli piccoli e Alain, ex animatore turistico che vorrebbe diventare un attore, non sapeva che sposando Nathalie, direttrice di un supermarket, avrebbe sposato tutta la sua famiglia: Jean – Pierre, il fratello, è un avvocato fallito che ha sposato Catherine mentre Roxanne, la sorella, è in preda al panico perché vede scorrere velocemente il suo orologio biologico e quando incontra Bruno, medico dell’ospedale Saint Antoine, lo assilla per stringere il rapporto. L’esplosione contemporanea delle vite di tutti questi personaggi è il cuore che dà vita al film.

I due registi entrano in medias res e catapultano lo spettatore in una cena disastrosa nella quale esplode il conflitto: si parte dalla rottura e dalla crisi per ripercorrere un processo di riscoperta, analisi e comprensione di se stessi e degli altri. Questo è quello che succede ai personaggi di Troppo amici che vediamo però attraverso gli occhi di Alain, interpretato da un coinvolgente Vincent Elbaz, poiché la storia è raccontata dal suo punto di vista.

La prima mezz’ora nella quale vengono presentati tutti i personaggi è un susseguirsi di gag esilaranti, un vortice di dialoghi divertenti e situazioni imbarazzanti che travolgono e conquistano. Nella seconda parte però sembra che i registi si lascino prendere la mano, estremizzano tutte le situazioni, ad esempio rendono la disperazione e la soluzione alla solitudine di Nathalie e Catherine attraverso un’immagine distorta dell’incontro multiculturale, la prima finisce infatti per ospitare una comunità di immigrati pakistani, mentre la seconda il gruppo di insegnanti ebraici della figlia.

Elemento esterno coinvolto nelle vicende di questa folle famiglia è Bruno, interpretato da Omar Sy, ormai noto al pubblico per il ruolo di Driss in Quasi amici: il suo personaggio è quello di un medico africano che si tormenta perché di solito le persone lo scambiano per camionista, inserviente, trasportatore, ma non accettano l’idea che possa essere un medico. Ciò che unisce Bruno agli altri personaggi è l’aspetto grottesco di questo suo malessere e il fatto che reagisce in modo poco comune, e decisamente sopra le righe, per risolvere questo problema.

Troppo amici è una commedia divertente e brillante che mette in scena con ironia e il giusto sarcasmo le crisi che viviamo quotidianamente, esagerando volutamente in ogni aspetto del film che però non ha la stessa forza irriverente e sprezzante della realtà e del mondo esterno, né la profondità emotiva che possiede Quasi amici.
In ogni caso Troppo amici avrebbe meritato di uscire in sala nel 2009, a prescindere dal successo del film successivo di Nakache e Toledano, perché è una commedia che diverte e coinvolge senza inutili volgarità alle quali spesso ci abituano le nostre commedie.

Alice Casalini

Cast & CreditsTroppo amici (Tellement Proches)
Regia: Olivier Nakache, Éric Toledano; sceneggiatura: Olivier Nakache, Éric Toledano; fotografia: Rémy Chevrin; montaggio: Dorian Rigal-Ansous; scenografia: Hervé Gallet, Fabien Cimetière; colonna sonora: Frédéric Talgorn; costumi: Ariane Durant, Fanny Lugan; interpreti: Vincent Elbaz, Isabelle Carré, François-Xavier Demaison, Audrey Dana, Omar Sy, Joséphine de Meaux, Jean Benguigui; origine: Francia, 2009; formato: 35 mm, 1.85:1, Dolby Srd; durata: 102’; produzione: Quad Productions; distribuzione: Moviemax; sito ufficiale: http://www.marsdistribution.com/film/tellement_proches; sito italiano: http://www.cinema.moviemax.it/film/troppo_amici

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
lunedì 21 maggio 2018

Cannes 71: premiato Spike Lee

Spike Lee, lanciato nel 1986 proprio dal Festival di Cannes con Lola Darling, si è aggiudicato (...)

mercoledì 18 aprile 2018

Cannes 71: DuVernay e Nin in giuria

Annunciata anche la Giuria ufficiale del prossimo Festival di Cannes (8-19 maggio), presieduta (...)

martedì 17 aprile 2018

Cannes 71: Mohamed Ben Attia alla Quinzaine

Il film tunisino Weldi (Mon cher enfant) di Mohamed Ben Attia sarà presentato in prima mondiale (...)

venerdì 13 aprile 2018

Cannes 71: per i 100 anni di Nelson Mandela

Nelson Mandela avrebbe compiuto 100 anni nel 2018. Tra le anticipazioni del programma del (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha