title_magazine

Zambezia

di Wayne Thornley

Noi siamo

L’imponente paesaggio della valle dello Zambesi è il paesaggio nel quale è ambientato Zambezia (2012), film d’animazione che ha come protagonista un giovane falco curioso, coraggioso e desideroso di scoprire il mondo. Da Il re leone alla saga di Madagascar sono molti i film d’animazione che portano sul grande schermo il mondo animale del continente africano, ma questi lavori nel campo dell’animazione sono tutti progetti ideati e realizzati da major americane e in particolare dalla Walt Disney; Zambezia è invece una produzione interamente sudafricana e l’animazione è stata eseguita dallo Trigger Animation Studios, una società che si trova a Città del Capo. Questa è la particolarità di Zambezia, primo lungometraggio per l’attore Wayne Thornley che firma regia e sceneggiatura di un lavoro al quale ha lavorato per tre lunghi anni prima di giungere al prodotto finale.

Il giovane falco Kai vive con suo padre in un avamposto remoto e desertico. Kai vorrebbe andare alla scoperta del mondo. Un giorno la cicogna Gogo, inseguita dai Marabous che cercano di rubarle le uova che porta con sé, s’imbatte in Kai: il giovane falco viene così a sapere dell’esistenza di Zambezia, la città degli uccelli, un luogo dove tutte le specie vivono insieme protette dagli Hurricanes (i pattugliatori) che proteggono la città. Kai decide di seguire Gogo verso Zambezia nonostante il divieto impostogli dal padre. Il giovane falco arriva nella grande città che si trova nel tronco di un enorme baobab sul bordo di una cascata e inizia ad ambientarsi e a realizzare il proprio sogno, diventare un Hurricane. Il padre decide di seguire il figlio ma viene catturato mentre ascolta di nascosto il piano che l’iguana gigante, Budzo, e i Marabous stanno organizzando per prendere Zambezia. Da questo momento inizia la prima vera avventura del giovane Kai.

Dal punto di vista dell’animazione Zambezia non si distingue sicuramente per caratteristiche innovative e particolari, ma è comunque affascinante la scenografia dai colori vivaci e brillanti e dall’adesione con il mondo reale: gli sceneggiatori hanno cercato di dare alle diverse specie di uccelli ruoli all’interno della comunità di Zambesia, tenendo conto delle diverse caratteristiche. Per questo Kai, in quanto falco, veloce e agile, può far parte dei pattugliatori. Però l’elemento che distingue questo film dagli altri dello stesso filone è sicuramente la sceneggiatura, non tanto nella descrizione del rapporto padre/figlio, ma nello sviluppo, lento e costante, dell’idea di comunità che emerge con sempre maggior evidenza durante il film. Alla base di questa idea c’è l’ubuntu, termine della lingua bantu che potrebbe tradursi con “Io sono quello che sono per quello che tutti siamo”: il rapporto stretto tra l’individuo e gli altri, la comunità. Questo concetto in Zambezia è incarnato nel fondatore della città, Sekhuru, che cerca di far comprendere al giovane Kai l’importanza della comunità, la centralità della collettività rispetto al singolo.

Le irrequietezze del giovane Kai e della piccola e affascinante Zoe, figlia adottiva di Sekhuru, che ha ereditato il senso forte della comunità e del dovere verso gli altri, portano vivacità e movimento alla storia: i loro errori dati dall’esuberanza e dall’inesperienza metteranno in pericolo la città, ma riusciranno anche ad aiutarla. Zambezia affascina e coinvolge nonostante la semplicità della sua storia che però cerca di spiegare e tramandare un concetto come quello di ubuntu.

Alice Casalini

Cast & CreditsZambezia (id.)
Regia: Wayne Thornley; sceneggiatura: Andrew Cook, Raffaella Delle Donne, Anthony Silverston, Wayne Thornley; musiche originali: Bruce Retief; montaggio: Luke MacKay, Michel Smit, Paul Speirs; scenografia: Allan Cameron; interpreti originali: Leonard Nimoy, Jeremy Suarez, Abigail Breslin, Jeff Goldblum, Samuel L. Jackson, Jennifer Lewis; origine: Sudafrica 2012; formato: 35 mm, 1.85, Dolby Srd; durata: 83’; produzione: Cinema Management Group, Wonderful Works, 120dB Films, Triggerfish Animation; distribuzione: Moviemax; sito ufficiale: zambeziamovie.com; sito italiano: cinema.moviemax.it/film/zambezia_3d

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha