title_magazine

Marsupilami

di Alain Chabat

Era il 1952 quando sul settimanale Spirou apparve per la prima volta Marsupilami, fumetto dello sceneggiatore belga André Franquin. Marsupilami era un animale strano e raro, giallo con macchie nere, un incrocio tra un cane e una scimmia dalla lunga coda prensile. Dal 1952 questo piccolo e simpatico animaletto, tra leggende e realtà, ha continuato la sua vita, tra fumetto e serie tv, riscuotendo un successo che nel 2012 ha portato alla realizzazione di un lungometraggio dedicato alla sua misteriosa e affascinante esistenza. Marsupilami esiste oppure no? Questa è la domanda dalla quale sono partiti Alain Chabat e Jeremy Doner per scrivere Marsupilami (Sur la Piste du Marsupilami), commedia grottesca che è arrivata anche nei cinema italiani. Chabat, regista, attore, sceneggiatore e anche produttore di origini algerine, è al suo settimo lungometraggio come regista e come nei suoi altri film è anche interprete: da Didier (1997) ad Asterix e Obelix: Missione Cleopatra (2002) fino a questo ultimo lavoro, tratto ancora una volta da un celebre fumetto.

Marsupilami è un animale leggendario, nessuno sa se esista veramente o no: nelle terre della Palombia vive il mito di questa piccola creatura. Il giornalista Dan Geraldo viene mandato nei territori della Palombia per trovare Marsupilami e presentare un clamoroso scoop nel programma televisivo nel quale lavora. Le cose non vanno però secondo i piani e Don Gerlado si trova nel mezzo di un’incredibile avventura nella quale verrà aiutato da una guida locale, Pablito, che ha sempre sostenuto di aver avuto un incontro con Marsupilami. I due si trovano nel mezzo di uno scontro tra la tribù locale che vuole proteggere Marsupilami e un professore avido che ha trovato tramite il piccolo animaletto l’elisir dell’eterna giovinezza. Non sarà facile dunque per Don Gerlando e Pablito riuscire a dimostrare l’esistenza di Marsupilami.

Portare sullo schermo un fumetto che ha già alle spalle diverse serie televisive, e dunque un immaginario che lo rappresenta, non è certo un’operazione facile. Chabat segue in qualche modo i ritmi incalzanti e cadenzati del fumetto, ma li mescola a una comicità che non ha nulla a che vedere con il personaggio e la storia originale e che spesso lascia a desiderare, nonostante il vivace duetto Chabat (Don Geraldo), Jamel Debbouze (Pablito). I toni della commedia sono simili a quelli di Asterix e Obelix: missione Cleopatra nel quale tra gli interpreti figura sempre Debbouze.
Chabat mescola musiche, realtà, finzione e animazione: gioca con il grottesco e la satira, prendendosi gioco della società occidentale ossessionata dal mito dell’eterna giovinezza, non a caso la pubblicità del programma di Don Geraldo è una crema anti-invecchiamento. Chabat mescola generi, commedia, action movie e musical attraverso una crescente parabola trash e kitch che arriva all’esasperazione: come nel caso del generale e dittatore dell’immaginaria Palombia che è innamorato di Céline Dion che venera come dea e che imita in modo quasi perfetto.

Marsupilami dunque si muove su un terreno facile da un alto, commedia e semplice costruzione narrativa, e più complesso dall’altro: il mix di generi e la deriva trash non gioca sempre a favore del film ma forse il simpatico e dispettoso Marsupilami conquisterà comunque il giovane pubblico.

Alice Casalini

Cast & CreditsMarsupilami (Sur la piste du Marsupilami)
Regia: Alain Chabat; sceneggiatura: Alain Chabat, Jeremy Doner; fotografia: Laurent Dailland; suono: Niels Barletta; montaggio: Maryline Monthieux; scenografia: Olivier Raoux; costumi: Olivier Bériot; interpreti: Jamel Debbouze, Alain Chabat, Fred Testot, Lambert Wilson, Géraldine Nakache; origine: Francia, Belgio 2012; formato: 2.35:1 colore; durata: 105’; produzione: Chez Wam, Pathé, TF1 Films Production, Scope Pictures; distribuzione: Made in Italy srl; sito ufficiale: marsupilami.com/film; sito italiano: marsupilamiadventuresfilm.it

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha