title_magazine

Le avventure di Zarafa – Giraffa giramondo

di Rémi Bezançon, Jean-Christophe Lie

La libertà prima di tutto

Dopo poco più di un anno dalla presentazione alla 62a edizione della Berlinale, esce anche nelle sale cinematografiche italiane Le avventure di Zarafa – Giraffa Giramondo (2012), commovente e coinvolgente storia di un’amicizia tra un bambino del Sudan e una giraffa nei primi anni dell’Ottocento. Diretto da Rémi Bezançon e Jean-Christophe Lie, Le avventura di Zarafa è un film d’animazione che non segue la moda del 3D e di un’animazione che sembra oramai troppo spesso omologata sia da un punto di vista artistico legato ai disegni e alla grafica, sia per quanto riguarda le sceneggiature. Il film ha avuto una lunga storia, Bezançon che è anche sceneggiatore ha scritto la storia nel 2001 con Alexander Abela. Il progetto è poi stato accantonato e ripreso nel 2008. Le avventure di Zarafa – Giraffa Giramondo prendono spunto da una storia vera, quella della giraffa Zarafa che nel 1827 venne offerta in dono dal Sultano d’Egitto al Re Carlo X nella speranza di migliorare le relazioni con i francesi. L’arrivo in Francia della prima giraffa suscitò stupore e clamore e Zarafa divenne molto popolare tanto da dare inizio a una vera a propria “giraffomania”. I due sceneggiatori partendo da questa storia hanno immaginato un viaggio dall’Africa all’Europa durante il quale un bambino e una giraffa scoprono un mondo diverso, incontrano amici, scoprono la morte e lottano per la libertà.

Le avventure di Zarafa – Giraffa Giramondo inizia sotto un albero di baobab all’ombra del quale il vecchio saggio di un villaggio racconta ai bambini la storia di Zarafa e del suo piccolo amico Maki, un bambino di dieci anni scappato dal mercante di schiavi che l’ha catturato per portarlo in Francia e venderlo. Maki incontra un gruppo di giraffe. La mamma di una piccola giraffa viene uccisa dal mercante che insegue Maki. Il bambino viene salvato da un misterioso berbero, Hassan, che però prende la giraffa per portarla in Francia per conto del Sultano d’Egitto. Maki che ha promesso alla madre della piccola giraffa di riportarla a casa, segue Hassan nel deserto. Inizia così l’avventura di Maki e Zarafa che si troveranno catapultati dall’Africa alla Francia, dove entrambi sono visti come oggetti esotici da osservare con curiosità, nel caso di Zarafa, e da sfruttare come schiavo, come succede a Maki.

Bezançon è riuscito a rielaborare la vera storia di Zarafa trasformandola in un’avventura coinvolgente, nonostante la mancanza di effetti speciali ai quali siamo oramai assuefatti: il viaggio dal deserto al Nord della Francia a bordo di una mongolfiera che attraversa il deserto, il mar mediterraneo e le alpi è affascinante e rappresenta un lento passaggio da un mondo libero ad un altro legato a regole dettate dalla società moderna che lo rende chiuso e grottesco. La scelta di un determinato periodo storico, quello della restaurazione borbonica, ha dunque il sapore di un sfida: i temi che s’intrecciano nel corso del film, la schiavitù, la mancanza di libertà del mondo moderno, sempre più legato a status sociali dettati dall’alto che obbligano a determinati atteggiamenti, come la “giraffomania”, la mentalità chiusa di un mondo che si crede superiore. La critica a un determinato modello di società appare più evidente quando viene sottolineata dalle reazioni stupite dei bambini del villaggio che ascoltano la storia dal vecchio griot. In Italia il griot ha la voce di Vinicio Capossela che per il film ha scritto anche una canzone, Zarafa Giraffa.

Le avventure di Zarafa – Giraffa Giramondo è un’avventura tra fantasia e realtà, tra sogno e cruda verità che si distanzia da un certo modo di rappresentare il mondo dei recenti film d’animazione, dalla saga di Madagascar ad esempio. Maki, Hassan, Zarafa, la piratessa Bouboulina, e l’aviatore Malaterre sono i protagonisti di una fiaba che mostra le storture del mondo moderno attraverso gli occhi intelligenti, curiosi e privi di pregiudizi di un bambino proveniente dal cuore dell’Africa.

Alice Casalini

Cast & CreditsLe avventure di Zarafa – Giraffa Giramondo
Regia: Rémi Bezançon, Jean-Christophe Lie; sceneggiatura: Rémi Bezançon, Alexander Abela; montaggio: Sophie Reine; scenografia: Olivier Raoux; colonna sonora originale: Laurent Perez Del Mar; interpreti: Max Renaudin, Mostefa Stiti, Clara Quilichini, Déborah François; origine: Francia, 2012; formato: 2.35:1 colore, DTS Dolby Digital; durata: 78’; produzione: Prima Linea Productions, Pathé, France 3 Cinéma; distribuzione: Good Films; sito ufficiale: zarafa-lefilm.com; sito italiano: zarafailfilm.it

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha