title_magazine

L’uomo con i pugni di ferro

di RZA

RZA Unchained

Nel 1999 Robert Diggs, in arte RZA, compone la colonna sonora di Ghost Dog di Jim Jarmush. Questa esperienza apre definitivamente la strada verso il mondo del cinema a RZA, rapper di fama mondiale fondatore e leader del collettivo Wu-Tang Clan, produttore musicale, dal 1989 rappresentante della controcultura musicale statunitense. Dal 1999 RZA inizia anche la sua avventura cinematografica che lo porta ad avere sia ruoli da attore, da Coffee and Cigarettes (2003) sempre di Jarmush, a The Next Three Days (2010) di Paul Haggis, sia numerose partecipazioni a colonne sonore - famose in particolare le collaborazioni con Quentin Tarantino in quelle di Kill Bill (2003) e di Django Unchained (2012). A quattordici anni dal suo esordio nel mondo del cinema, il vulcanico RZA firma la sua prima regia con L’uomo dai pugni di ferro (The Man with the Iron Fits), uscito in questi giorni anche in Italia: un film che mescola generi, tra western, action e arti marziali, ispirandosi esplicitamente a Tarantino che non a caso ha sostenuto il progetto, coproducendo il film.

L’uomo con i pugni di ferro è ambientato nella Cina del XIX secolo in un piccolo villaggio, Jungle Village, nel quale vive uno straniero dal passato misterioso che si è fermato a vivere nella piccola cittadina facendo il fabbro. A Jungle Village però si vive in un continuo stato di paura e violenza a causa dei conflitti tra diversi clan che si contendono il potere e che obbligano il fabbro a costruire armi sempre più pericolose ed elaborate. La notizia dell’arrivo dell’oro dell’imperatore nella città e l’omicidio del capo del clan dei Lions scatenano una guerra che porta il fabbro a trasformare se stesso in una vera e propria arma umana e ad allearsi con eroi solitari contro clan spietati e assetati di potere e denaro.

L’uomo con i pugni di ferro vuole essere un omaggio al cinema di arti marziali degli anni Settanta al quale RZA mescola western e action-movie in una sceneggiatura scritta a quattro mani con Eli Roth, regista e sceneggiatore che ha collaborato con Tarantino. RZA ritaglia per sé il ruolo del fabbro, dello straniero arrivato in Cina dopo una fuga dal mondo della schiavitù nel sud degli Stati Uniti. Un flashback racconta il passato dell’uomo solitario e misterioso che vive a Jungle City: è lo stesso fabbro/RZA, voce narrante di tutta la storia raccontata nel film, a svelare il suo misterioso passato e a lanciare un evidente richiamo a Django Unchained. RZA si avvale delle performance di numerosi attori honkonghesi e cinesi che sostengono le scene d’azione con le loro eleganti evoluzioni, di un Russel Crowe, inglese al servizio dell’imperatore, eccessivo, sia nella stazza che nell’atteggiamento esibizionista e di un cameo di Pam Grier, nel ruolo della madre di RZA.

Il mondo di Tarantino e il suo modo di mescolare e rivisitare i generi è più che altro copiato da RZA che non riesce a dare una propria impronta stilistica tanto da trovare sempre durante tutto il film somiglianze fin troppo esplicite con Kill Bill e Django Unchained. Rimane originale e funzionale la colonna sonora firmata da Howard Drossin, autore di numerose colonne sonore per vari film e per moltissimi video giochi: un insieme di generi che ha unito collaborazioni di vari artisti tra i quali, ovviamente lo stesso RZA, i Black Keys, John Frusciante, Kanye West, Wiz Khalifa, My Chemical Romance e la cantante cinese Sally Yeh.
Alla sua prima prova da regista, RZA non convince del tutto soprattutto per la mancanza di originalità e di autoironia che lasciano a L’uomo con i pugni di ferro il marchio di tarantinata non riuscita.

Alice Casalini

Cast & CreditsL’uomo con i pugni di ferro (The Man with the Iron Fists)
Regia: RZA; sceneggiatura: RZA, Eli Roth; fotografia: Chi Ying Chan; colonna sonora: Howard Drossin, RZA; montaggio: Joe D’Augustine; scenografia: Drew Boughton; costumi: Thomas Chong; interpreti: Russell Crowe, Jamie Chung, Lucy Liu, RZA, Pam Grier, Rick Yune, Cung Le, Dave Bautista, Gordon Liu, Zhu Zhu; origine: USA/Hong Kong, 2012; formato: 35 mm, 2.35:1, Dolby Digital; durata: 95’; produzione: Arcade Pictures, Iron Fists; distribuzione: Universal Pictures; sito ufficiale: ironfists.com; sito italiano: luomoconipugnidiferro.it

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha