title_magazine

La fine del mondo

di Ranald MacDougall

Due uomini e una donna

Il 2012 è ormai alle nostre spalle ma il mondo del cinema non ha perso l’occasione di sfruttare l’immaginario che si era creato attorno alla profezia dei Maya, su tutti ovviamente 2012 di Roland Emmerich.
Quale sarà la catastrofe mondiale che distruggerà la terra e cosa resterà dopo? A questa domanda cinema e letteratura di fantascienza hanno sempre cercato di rispondere, in particolare si è creato un vero e proprio filone de “il giorno dopo” che ha lavorato sull’immaginarsi cosa resterebbe della terra e sulla terra dopo una catastrofe mondiale.

È il 1959 quando Ranald MacDougall scrive e dirige La fine del mondo (The World, the Flesh and the Devil), film di fantascienza ispirato al romanzo di M.P. Shiel, The Purple Cloud e al racconto di Ferdinand Reyher, End of the World. Protagonista de La fine del mondo è il cantante e attore di origini giamaicane Harry Belafonte che nel ’59 era probabilmente all’apice del suo successo.
Nel 2012 la Sinister Film ha deciso di riscoprire alcune pellicole di fantascienza tra le quali appunto La fine del mondo, uscito nell’edizione homevideo proprio a dicembre del 2012. Privo di particolari contenuti extra, fatta eccezione per una Photogallery, il dvd de La fine del mondo rimane un’occasione per riscoprire un film interessante.

Un minatore afroamericano, Ralph Burton, rimane intrappolato per cinque giorni in un tunnel di una miniera. Sopravvissuto a un crollo, aspetta con fiducia i soccorsi, ma quando perde le speranze inizia a scavare e riesce ad uscire. Una volta fuori si ritrova in un mondo devastato da una catastrofe nucleare: Ralph parte alla volta di New York nella speranza di trovare altri sopravvissuti. Nella città trova una radio, scopre quello che è accaduto e decide di provare a salvare la memoria del genere umano recuperando opere e libri. Un giorno però Ralph scopre di non essere solo, a New York si è salvata anche Sarah Crandall una giovane e bella ragazza, della quale s’innamora. I due provano a ricominciare una nuova vita nella speranza di rintracciare altre persone. Un giorno nelle acque di New York arriva un’imbarcazione sulla quale si trova Benson Thacker. Allora i sopravvissuti sono tre, due uomini e una donna e gli equilibri iniziano ad incrinarsi.

La fine del mondo è un film stratificato che all’interno della cornice della fantascienza sviluppa sia un filone intimista, soprattutto nella prima parte del film quando Ralph crede di essere l’ultimo uomo rimasto sulla terra, per poi trasformarsi in una dramma sentimentale che si sviluppa attorno alla riflessione sul razzismo. Ralph, interpretato da Harry Belafonte, e Sarah (Inger Stevens) s’innamorano ma apparentemente il loro è un amore impossibile perché Sarah è una donna “libera , bianca e maggiorenne” mentre Ralph è un “negro, un uomo di colore con la pelle nera”. Il loro è un rapporto impossibile che non sarebbe neppure stato immaginabile senza la distruzione del mondo. Ralph e Sarah portano al centro del film un tema caldo, soprattutto se si guarda al contesto socio-culturale di quegli anni, quando i matrimoni interrazziali erano proibiti in molti stati e si facevano avanti con sempre maggior forza i movimenti per i diritti civili.

Il film di MacDougall non è dunque solo un precursore dei film de “il giorno dopo”, ma al suo interno ha un focolaio di temi caldi e coinvolgenti che lo caratterizzano e che meglio si adattano al titolo originale The World, the Flesh and the Devil.

Alice Casalini

Cast & CreditsLa fine del mondo (The World, the Flesh and the Devil)
Regia: Ranald Macdougall; sceneggiatura: Ranald Macdougall; fotografia: Harold J. Marzorati; montaggio: Harold F. Kress; musiche: Miklós Rózsa; scenografia: Paul Groesse, William A. Horning; interpreti: Harry Belafonte, Inger Stevens, Mel Ferrer; origine: USA, 1959; durata: 95’; produzione: HarBel Productions; produzione homevideo: Sinister Film; distribuzione homevideo: CG Homevideo; data di uscita: dicembre 2012;
DVD nella confezione: 1; supporto: DVD9 – singolo lato doppio strato; regione: 2; formato video: 2.35:1; formato audio: Dual Mono; tracce audio: Inglese, Italiano; lingue sottotitoli: Italiano; contenuti extra: Photogallery

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
venerdì 12 gennaio 2018

Viaggio in Italia con il cinema tunisino

A 50 anni dal primo passaggio di Roberto Rossellini in Tunisia per le riprese de Gli atti degli (...)

martedì 2 gennaio 2018

Terminate in Marocco le riprese di Sofia

Sono terminate a dicembre le riprese di Sofia, primo lungometraggio della cineasta (...)

lunedì 4 dicembre 2017

I premi del RIFF

Sono stati annunciati ieri i vincitori della XVI edizione del RIFF – Rome Independent Film (...)

lunedì 4 dicembre 2017

Balon e Talien premiati al TFF

Alla cerimonia di chiusura del trentacinquesimo Torino Film Festival che si è svolta lo scorso 2 (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha