title_magazine

Un piano perfetto

di Pascal Chaumeil

La seconda volta

A quasi un anno di distanza dall’uscita nelle sale francesi, arriva anche in Italia Un piano perfetto (Un plan parfait, 2012), di Pascal Chaumeil. La coppia di attori protagonisti della seconda commedia diretta dal regista francese è composta da Dany Boon e Diane Kruger. Daniel Hamidou, in arte Dany Boon, figlio di un pugile algerino e di madre cattolica, cresciuto nel nord della Francia, dopo una lunga gavetta, arriva al successo nel 2008 con Giù al nord che gli apre la strada per tornare dietro la macchina da presa e dirigere nel 2010 l’acuto e divertente Niente da dichiarare?: con Un piano perfetto Boon torna al puro ruolo di attore comico. La bella e algida Diane Kruger, modella e attrice, è invece la rivelazione di Un piano perfetto perché mostra il suo lato comico che forse non ci sarebbe aspettato di vedere. Chaumeil per questo sua seconda commedia segue le tracce del suo primo successo, Il truffacuori (L’Arnacoeur, 2010), capovolgendo però i ruoli dei due protagonisti: questa volta a truffare sarà la bella e avvenente Isabelle, interpretata da Diane Kruger, che si prenderà gioco di un goffo ed ingenuo redattore di guide turistiche, Jean-Yves (Dany Boon).

Un piano perfetto è la storia di Isabelle, giovane donna innamorata del suo fidanzato Pierre con il quale condivide tutto. Isabelle però non vuole sposare Pierre perché la sua famiglia è afflitta da una maledizione: tutti i primi matrimoni finiscono male. Per aggirare questa maledizione, su consiglio della sorella, Isabelle cerca un uomo da sposare e dal quale divorziare subito così da sposare Pierre come secondo marito ed evitare il fallimento del matrimonio. Per attuare il suo piano Isabelle parte e in un rocambolesco viaggio che passa per Copenaghen e finisce in Kenya, incontra Jean–Yves, divertente, bizzarro e goffo redattore di guide turistiche che si lascia sedurre. Per attuare fino in fondo il suo piano Isabelle dovrà seguire l’imprevedibile Jean-Yves fino a Mosca e non tutto, ovviamente, andrà come previsto.

Il racconto della storia d’Isabelle è fatto dalla sua famiglia riunita per Natale ed è quindi un lungo flashback che sembra oscillare tra favola e leggenda. Già nelle premesse poco credibili la sceneggiatura sembra non avere strumenti sufficientemente robusti per sostenere tutto il film: vuoti narrativi, snodi poco curati e risolti in fretta senza lavorare sulla psicologia dei personaggi fanno di Un piano perfetto una commedia riuscita solo in parte. Il cambiamento dei personaggi, e in particolare, quello d’Isabelle, avviene in modo troppo repentino: la sceneggiatura sembra più un susseguirsi di momenti comici isolati tra loro. Chaumeil prende di mira in modo quasi spietato il personaggio di Jean-Yves, forse per evitare di lasciarsi andare ad eccessivi momenti di dolcezza che interromperebbero il ritmo comico: riducendo al minimo i momenti da commedia sentimentale, il regista non riesce comunque ad ottenere un risultato di una commedia perfettamente equilibrata e riuscita.

Quello che funziona sono molte delle gag e la coppia di attori che le sostiene: Boon fa tesoro della sua esperienza di mimo e di attore teatrale che lo sostiene, assieme alla sua fisicità, nelle prove da slapstick comedy che si susseguono nel film, mentre la Kruger si rivela un’ottima spalla. Un piano perfetto si avvale anche dello sfruttamento del fascino esotico del Kenya e della Russia per arricchire le gag comiche: dalla zuppa con l’occhio di capra, al matrimonio dei Masai, passando per le danze russe, la neve e la vodka. Un potpourri multietnico nel quale i luoghi comuni sono usati a fini comici, non sempre efficaci.
Con Un piano perfetto, Chaumeil, pur avvalendosi degli stessi sceneggiatori de Il truffacuori e dei produttori di Quasi amici (Intouchables, 2011), come maledizione spesso vuole, a doppiare il successo della sua prima commedia.

Alice Casalini

Cast & CreditsUn piano perfetto (Un plan parfait) Regia: Pascal Chaumeil; sceneggiatura: Laurent Zeitoun, Yohan Gromb; fotografia: Glynn Speeckaert; suono: Jean Goudier; montaggio: Dorian Rigal-Ansous; scenografia: Hervé Gallet; musiche: Klaus Badelt; interpreti: Dany Boon, Diane Kruger, Robert Plagnol, Alice Pol, Jonathan Cohen, Bernadette Le Saché, Etienne Chicot, Laure Calamy, Malonn Lévana, Olivier Claverie, Jean Yves Chilot, Muriel Solvay; origine: Francia, 2012; formato: 1:2.35, colore; durata: 104’; produzione: Quad Productions, TF1 Films Production, Scope Pictures; distribuzione: Medusa Film; sito ufficiale: universalpictures-film.fr/film/un-plan-parfait; sito italiano: unpianoperfetto.libero.it

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
venerdì 12 gennaio 2018

Viaggio in Italia con il cinema tunisino

A 50 anni dal primo passaggio di Roberto Rossellini in Tunisia per le riprese de Gli atti degli (...)

martedì 2 gennaio 2018

Terminate in Marocco le riprese di Sofia

Sono terminate a dicembre le riprese di Sofia, primo lungometraggio della cineasta (...)

lunedì 4 dicembre 2017

I premi del RIFF

Sono stati annunciati ieri i vincitori della XVI edizione del RIFF – Rome Independent Film (...)

lunedì 4 dicembre 2017

Balon e Talien premiati al TFF

Alla cerimonia di chiusura del trentacinquesimo Torino Film Festival che si è svolta lo scorso 2 (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha