title_magazine

Vado a scuola

di Pascal Plisson

La lunga strada verso scuola

Il mese di settembre in Italia è segnato dal rientro degli studenti nelle amate, odiate e temute aule scolastiche: la campanella suona per milioni di bambini e ragazzi che hanno l’obbligo di presenza almeno fino ai 16 anni di età. Le cose sono molto diverse in tante parti del mondo: e proprio alla fine di settembre è uscito nelle sale italiane Vado a scuola (Sur le chemin de l’école) di Pascal Plisson, un documentario che racconta il cammino verso la scuola di quattro ragazzi provenienti da quattro angoli diversi del mondo. Vado a scuola è stato il film di chiusura dell’ultimo Festival di Locarno dove ha ottenuto una calda accoglienza da parte del pubblico e ora, grazie alla distribuzione Academy Two, è possibile vederlo nei cinema.

Vado a scuola inizia seguendo Jackson, bambino keniota di 11 anni, che prende l’acqua e lava la sua divisa scolastica. Jackson e sua sorella Salome ogni giorno percorrono 15 chilometri a piedi nella savana, rischiando di essere attaccati dagli elefanti, per raggiungere la loro scuola. Zahira, 12 anni, abita sulle montagne dell’Atlas in Marocco, e ogni lunedì percorre, insieme alle sue amiche Zineb e Noura, 22 chilometri a piedi per raggiungere la scuola dove rimane fino al venerdì. Carlito, 11 anni, vive nel cuore della Patagonia e ogni giorno percorre a cavallo un sentiero di 18 chilometri, irto e pericoloso, con sua sorella Micaela. Infine Samuel, 13 anni, abita in India nel golfo del Bengala: Samuel non può camminare e ogni giorno i due fratelli, Emmanuel e Gabriel, lo portano a scuola trascinando per 4 chilometri di strada sterrata la sedia a rotelle sulla quale siede Samuel.
Questo è il tema di Vado a scuola: quattro viaggi tanto ordinari se si pensa alla meta, quanto straordinari se si pensa al percorso necessario per raggiungere la scuola.

Pascal Plisson ha diretto questo documentario cercando di mostrarsi il meno possibile, ha lasciato che i bambini si raccontassero da soli in un riuscito intreccio di documentario e finzione all’interno del quale il regista francese ha scelto, per la maggior parte del tempo, di lasciarsi andare e lasciare che i personaggi, i luoghi e le storie lo stupissero. Plisson sceglie di concentrare il film sul tragitto, non tanto sulla scuola, perché in effetti è la straordinarietà dei percorsi che questi ragazzi affrontano quotidianamente a rendere le loro storie speciali.

La volontà di questi piccoli ragazzi di voler studiare è eccezionale quanto la consapevolezza che l’istruzione sarà l’unica arma che avranno per sopravvivere alla povertà e aiutare le loro famiglie: il coraggio con cui i quattro protagonisti affrontano i loro viaggi verso la scuola è sorprendente e Plisson lascia che gli spettatori si stupiscano, senza troppi interventi. Allo stesso modo colpisce anche il coraggio e la forza delle famiglie di questi ragazzi che, nonostante la povertà e l’ambiente nel quale vivono, scelgono di lasciare andare i figli a scuola consapevoli di dare loro una possibilità di vita e di scelta. Il grande lavoro del regista con i giovani protagonisti è evidente e la realizzazione del film è durata due anni, in collaborazione con l’associazione Aide et Action che ha aiutato Plisson a trovare questi bambini.

Solo al termine del film il regista sceglie di far parlare i quattro protagonisti direttamente in camera per esprimere i loro sogni e i loro desideri: se da un lato questo passaggio “didascalico” toglie a Vado a scuola una certa omogeneità e fluidità, dall’altro cala lo spettatore nella realtà che vivono Jackson, Zahira, Samuel e Carlito, dando concretezza alle quattro storie raccontate.

Alice Casalini

Cast & CreditsVado a scuola (Sur le chemin de l’école)
Regia: Pascal Plisson; sceneggiatura: Marie-Claire Javoy, Pascal Plisson; fotografia: Simon Watel; suono: Emmanuel Guionet; montaggio: Sarah Anderson, Sylvie Lager; musiche originali: Laurent Ferlet; interpreti: Jackson, Salome, Zahira, Carlito, Micaela, Samuel, Emmanuel, Gabriel; origine: Francia, Cina, Sudafrica, Brasile, Colombia, 2013; formato: 1.85:1, colore; durata: 75’; produzione: Winds, Ymagis, Wild Bunch; distribuzione: Academy Two; sito ufficiale: http://www.kpsule.me/surlechemindelecole/; sito italiano: http://www.academytwo.com/vadoascuola.php

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 18 aprile 2018

Cannes 71: DuVernay e Nin in giuria

Annunciata anche la Giuria ufficiale del prossimo Festival di Cannes (8-19 maggio), presieduta (...)

martedì 17 aprile 2018

Cannes 71: Mohamed Ben Attia alla Quinzaine

Il film tunisino Weldi (Mon cher enfant) di Mohamed Ben Attia sarà presentato in prima mondiale (...)

venerdì 13 aprile 2018

Cannes 71: per i 100 anni di Nelson Mandela

Nelson Mandela avrebbe compiuto 100 anni nel 2018. Tra le anticipazioni del programma del (...)

venerdì 13 aprile 2018

Cannes 71: Meryem Benm’Barek al Certain (...)

Un’altra giovane regista africana selezionata al Festival di Cannes nella sezione Un Certain (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha