title_magazine

Insieme per forza

di Frank Coraci

Eccitante, meravigliosa, romantica

L’esotismo è un elemento chiave che spesso viene utilizzato come motore per le commedie e in particolare le commedie romantiche, come in Un piano perfetto (Un plan parfait, 2012), di Pascal Chaumeil, solo per citare uno dei film più recenti. In particolare l’esotismo legato al continente africano è uno dei cliché più comuni da trovare: il primo elemento che si nota è la considerazione dell’Africa come unità senza che i luoghi scelti per le location vengano mai definiti e distinti gli uni dagli altri. Il secondo elemento è quello che si limita a sfruttare la “terra selvaggia” e il suo fascino come unico aspetto d’interesse, come se l’Africa fosse solo un posto di grandi spazi, con animali esotici e persone del luogo che hanno come unico scopo quello di far divertire e star bene i turisti.
Questo è quello che si (ri)trova nell’ultimo film del regista statunitense Frank Coraci, Insieme per forza (Blended) dal 2 luglio anche nelle sale italiane. Per questa occasione Coraci, a 16 anni da Prima o poi me lo sposo, mette ancora una volta insieme la coppia Drew Barrymore e Adams Sandler: il risultato però è piuttosto deludente.

Insieme per forza si apre con una sequenza che mostra un incontro al buio tra Lauren, giovane donna divorziata con due figli, e Jim, vedovo con tre figlie. Il primo appuntamento è un disastro, ma il destino li porta a farli incontrare pochi giorni dopo in un negozio dove si aiutano a vicenda a fare degli acquisti per i loro figli. La migliore amica di Lauren, Jen, si rifiuta di partire con il suo nuovo fidanzato, che guarda caso è il capo di Jim, e i suoi cinque figli. Questa rinuncia è l’occasione per Lauren e Jim di fare una vacanza e di ritrovarsi, senza saperlo, a condividere una suite lussuosa in un resort da sogno. La convivenza forzata porta i due protagonisti ad avvicinarsi e si riapre la possibilità per un rapporto che sembrava non essere neppure degno di un inizio.

La commedia firmata da Coraci non riesce mai a decollare veramente: nella prima parte del film, ambientata negli Stati Uniti, la sceneggiatura mette in piedi un’impalcatura sulla quale proseguire, delineando le caratteristiche dei due genitori soli e in difficoltà che dovranno mixare le loro famiglie. Due famiglie atipiche che si uniscono, nella migliore tradizione disneyana: non è caso forse che la figlia maggiore di Jim, Hilary, detta Larry per la sua abilità nel giocare a basket, sia interpretata da una delle star di Disney Channel, Bella Thorne che per questa occasione è stata trasformata nella classica adolescente informe e piena di complessi ed insicurezze che deve trovare qualcuno che l’aiuti a sbocciare.

L’arrivo nel barocco resort in Sudafrica è segnato dall’intervento dell’addetto all’accoglienza dell’hotel, Mafana, che rassicura Jim e Lauren ricordando loro che quella che stanno per vivere sarà una vacanza “eccitante, meravigliosa e romantica”. Da questo momento partono tutti i possibili e immaginabili cliché legati all’Africa. Una nota a parte è da dedicare all’imbarazzante ruolo di Terry Crews, l’ex giocatore di football americano, approdato al cinema nel 2000 lavorando nel film Il 6° giorno di Roger Spottiswoode. Crews interpreta un ruolo simile a quello di un capo animatore che appare insieme al suo coro a sottolineare, con canzoni e balletti imbarazzanti, alcuni momenti “cruciali” all’interno del film.
In una cornice tanto carica, al limite del kitsch, si consumano gag prevedibili e prive di fantasia. Forse l’unico elemento d’interesse del film è la riflessione sulla nuova concezione di famiglia che lancia tra le righe, per il resto Insieme per forza è un film privo di originalità che con il suo esotismo rimane ancorato alla logica del potere coloniale.

Alice Casalini

Cast & CreditsInsieme per forza (Blended)
Regia: Frank Coraci; sceneggiatura: Ivan Menchell, Clare Sera; fotografia: Julio Macat; musiche: Rupert Gregson-Williams; montaggio: Tom Costain; scenografia: Alan Au, Andrew Orlando; costumi: Christine Wada; interpreti: Adam Sandler, Drew Barrymore, Terry Crews, Joel McHale, Wendi McLendon-Covey, Kevin Nealon, Bella Thorne, Lauren Lapkus, Anna Colwell, Emma Fuhrmann, Susan Yeagley; origine: Usa, 2014; formato: 35 mm, 1.85, Dolby Digital; durata: ‘117; produzione: Warner Brothers, Happy Madison Productions, Karz Entertainment; distribuzione: Warner Bros.; sito ufficiale: http://www.blendedmovie.com/; sito italiano: http://www.warnerbros.it/scheda-film-53182/the-family-moon

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 18 aprile 2018

Cannes 71: DuVernay e Nin in giuria

Annunciata anche la Giuria ufficiale del prossimo Festival di Cannes (8-19 maggio), presieduta (...)

martedì 17 aprile 2018

Cannes 71: Mohamed Ben Attia alla Quinzaine

Il film tunisino Weldi (Mon cher enfant) di Mohamed Ben Attia sarà presentato in prima mondiale (...)

venerdì 13 aprile 2018

Cannes 71: per i 100 anni di Nelson Mandela

Nelson Mandela avrebbe compiuto 100 anni nel 2018. Tra le anticipazioni del programma del (...)

venerdì 13 aprile 2018

Cannes 71: Meryem Benm’Barek al Certain (...)

Un’altra giovane regista africana selezionata al Festival di Cannes nella sezione Un Certain (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha