title_magazine

The Best Man Holiday

di Malcolm D. Lee

Amici come prima

The Best Man Holiday di Malcolm D. Lee è uscito nelle sale italiane nel periodo che è considerato il peggiore per le uscita al cinema nel nostro paese: una tragicommedia natalizia che crea un certo spaesamento vedere a luglio, nel pieno dell’estate. Scelta distributiva che colpisce e che forse dipende dal fatto che non si è creduto a sufficienza in questo film. The Best Man Holiday di Lee è il sequel del film The Best Man che nel 1999 aprì la strada al nuovo ciclo del cosiddetto cinema buppie (black yuppie) del nuovo millennio: il film del 1999 venne prodotto da Spike Lee, celebre cugino del regista. Sono passati 15 anni da The Best Man e dalle vicende che hanno coinvolto un gruppo di amici del college in occasione del matrimonio di Lance e Mia, e sono passati molti anni anche nella sceneggiatura del sequel per il quale il regista ha richiamato gli stessi attori.

The Best Man Holiday è il racconto dell’incontro di un gruppo di amici del college che dopo tanti anni si ritrovano nella lussuosa residenza di uno di loro, Lance, diventato un famosissimo giocatore di football. La rimpatriata è organizzata da Mia, moglie di Lance, che manda un invito a tutti gli amici per vedersi in un weekend prima di Natale. In questi anni tutti i membri del gruppo di amici hanno fatto strada, ad esempio, Harper è uno scrittore, Jordan una produttrice televisiva di successo. Durante il week end emergono nuovamente passioni, invidia, rancori e molto altro. Una terribile notizia destabilizza tutti e mette sotto un’altra luce tutte le loro discussioni. Il passato è passato. La vita continua.

Lee per prima cosa si preoccupa di ricordare con un prologo, durante il quale scorrono i titoli di testa, cosa è accaduto nel film precedente, per dare gli strumenti necessari per seguire la storia del sequel a tutti gli spettatori. Finito il prologo, si entra subito nel vivo delle vicende dei protagonisti. Lee costruisce una serie di situazioni nelle quali mischia costantemente tragedia e commedia cercando un giusto equilibrio. I ricchi amici maneggiano smartphone, tablet, vestiti costosi, grandi auto, vivono in case da sogno: non è chiaro quanto sia forte la critica a un certo arrivismo degli afroamericani yuppie.

Non decolla mai veramente The Best Man Holiday che cerca di essere graffiante mostrando spogliarelli e canne e usando un linguaggio sessualmente esplicito, per poi virare verso il sentimentalismo con un canto di Natale eseguito da due bambine, figlie di Mia e Lance e di Shelby, che lo intonano con voci perfette e celestiali. Anche il pranzo servito la vigilia di Natale per i meno fortunati contrasta con il lusso, al limite del kitsch, in cui vivono i protagonisti. Emerge anche una certa ossessione per l’estetica del corpo, sia maschile che femminile, e ne è un esempio il balletto, offerto dai quattro amici, vestiti di tutto punto (Harper, Lance, Julian e Quentin) alle loro signore, sotto le note di Can You Stand the Rain del gruppo R&B, New Edition. Tutto questo si svolge mentre il film si tramuta in un tragico cancermovie che però trova lo spazio per la necessaria rinascita che serve, in perfetto clima natalizio, a dare speranza e un prevedibile happy end.

The Best Man Holiday sfrutta una serie di cliché per criticarli velatamente da un lato, e per portare avanti una storia senza originalità dall’altro. Lee dopo aver diretto le commedie Scary Movie 5 e soprattutto il riuscito Soul Men, si perde nel tentativo di realizzare un sequel che evidentemente ha preso ispirazione dal padre di un certo genere di film, il Il Grande Freddo di Lawrence Kasdan.

Alice Casalini

Cast & CreditsThe Best Man Holiday (id.)
Regia: Malcolm D. Lee; sceneggiatura: Malcolm D. Lee; fotografia: Greg Gardiner; musiche: Stanley Clarke; montaggio: Paul Millspaugh; scenografia: Aleksandra Marinkovich; costumi: Danielle Hollowell; interpreti: Taye Diggs, Nia Long, Morris Chestnut, Harold Perrineau, Terrence Howard, Monica Calhoun, Melissa De Sousa, Regina Hall, Sanaa Lathan, Eddie Cibrian; 3: Usa, 2014; formato: 35 mm e D-Cinema 2.35 : 1, SDDS, Datasat e Dolby Digital; durata: ‘123; produzione: Universal Pictures, Blackmaled Productions, Sean Daniel Company; distribuzione: Universal Pictures; sito ufficiale: http://www.best-man.com/

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 18 aprile 2018

Cannes 71: DuVernay e Nin in giuria

Annunciata anche la Giuria ufficiale del prossimo Festival di Cannes (8-19 maggio), presieduta (...)

martedì 17 aprile 2018

Cannes 71: Mohamed Ben Attia alla Quinzaine

Il film tunisino Weldi (Mon cher enfant) di Mohamed Ben Attia sarà presentato in prima mondiale (...)

venerdì 13 aprile 2018

Cannes 71: per i 100 anni di Nelson Mandela

Nelson Mandela avrebbe compiuto 100 anni nel 2018. Tra le anticipazioni del programma del (...)

venerdì 13 aprile 2018

Cannes 71: Meryem Benm’Barek al Certain (...)

Un’altra giovane regista africana selezionata al Festival di Cannes nella sezione Un Certain (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha