title_magazine

New Waves al Festival di Cinema Africano di Verona

di Maria Coletti

XXXIV edizione - Verona, 7-16 novembre 2014

Verona è stata la prima città in Italia a proporre un focus sul cinema africano, nel 1970. E ora il Festival di Cinema Africano - che inizia venerdì 7 e si svolgerà fino al 16 novembre - è giunto alla sua 34esima edizione, grazie a una manifestazione che si configura sempre più come un mosaico di collaborazioni, stimoli, immagini ed emozioni che attraverso lo schermo si riversano sul tessuto sociale e lo rivitalizzano.
Come tutti coloro che si occupano di cinema e Africa sanno, non è sempre facile guardare il continente africano con uno sguardo libero da visioni distorte, condizionate dagli equilibri, a volte espliciti ma per lo più nascosti, che la politica, l’economia e l’informazione determinano e veicolano. Di qui la necessità e il piacere di posare l’attenzione sui film e sui registi che più lavorano sugli intrecci, gli scambi, le ibridazioni e gli attraversamenti di ogni frontiera, reale o immaginaria che sia.

«Guardare alle new waves del cinema africano significa, pertanto – così recita la bella presentazione del festival – porre attenzione alle produzioni metropolitane, ai nomadi-viaggiatori-migranti, in sostanza agli afropolitani, come vengono spesso definiti i giovani autori e artisti di origine africana, vissuti ed emigrati nelle più grandi capitali del mondo. Significa fare emergere in questi registi l’esigenza di sperimentare nuove modalità di espressione e generi, il desiderio di uscire da un itinerario cinematografico ben definito. In tutto questo c’è anche la libertà di proporre un nuovo approccio in rapporto all’immagine, senza dimenticare i nuovi assetti produttivi e distributivi, ideati da molti giovani, dalle strategie di finanziamento come il crowdfunding (finanziamento collettivo) alle nuove modalità di distribuzione in rete, che hanno permesso a molti autori di esprimersi diversamente, perché il cinema, come la vita, non è mai statico ma lascia spazio alle evoluzioni della fantasia».

Tre le sezioni principali e tre gli eventi speciali che caratterizzano il ricco cartellone dei film in programma in questa edizione.

In Panoramafrica troviamo 10 film, di cui 6 in prima visione italiana: Dakar trottoirs di Hubert Laba Ndao (Senegal, 2013), L’esclavage moderne de Fatou di Pepiang Toufdy (Ciad/Francia, 2012), La Marche di Nabil Ben Yadir (Belgio/Francia/Svizzera, 2013), Ni Sisi di Nick Reding (Kenya, 2013), O Espinho da Rosa di Filipe Henriques (Portogallo/Guinea Bissau, 2013) e Printemps Tunisien di Raja Amari (Francia/Tunisia 2014), che segna il ritorno di una talentuosa giovane regista tunisina (Satin rouge, Dowaha).
Già presentati in altri festival italiani e da non perdere sono altri tre film della sezione: Des étoiles di Dyana Gaye (Senegal/Belgio/Francia, 2013), Factory Girl di Mohamed Khan (Egitto, 2013) e Rock The Casbah di Laïla Marrakchi (Marocco, 2013).

Nella sezione Africa Short troviamo altri dieci titoli, molti dei quali in prima visione italiana e che sono già stati apprezzati nei festival internazionali.
Parliamo soprattutto dell’afrofuturista Afronauts di Frances Bodomo (Ghana, 2014), sul progetto spaziale lanciato in Zambia nel 1969; di Twaga di Cédric Ido (Burkina Faso/Francia, 2013), ambientato nel Burkina Faso dell’anno cruciale 1987, anno in cui venne ucciso Thomas Sankara; e di Zakaria di Leyla Bouzid (Francia/Tunisia, 2013), sul tema dell’emigrazione e del ritorno a casa.
Molto interessanti sulla carta anche il corto di animazione Les trois vérités di Louisa Beskri & Adehan Wakili (Algeria/Bénin, 2013) e gli altri cortometraggi della sezione.

Molto eterogenea per formati e durate è la sezione Viaggiatori e migranti, in cui si mescolano film diretti in prima persona da registi di origine africana con altri film in cui registi europei si confrontano con le tematiche della migrazione e della diaspora africana nel mondo.
Tra i titoli più interessanti ricordiamo: (In)visible cities di Gianpaolo Bucci e Beatrice Kabutakapua (Italia / UK / USA 2014), un viaggio attraverso le seconde generazioni e i migranti africani in diverse città del mondo, come Cardiff, Los Angeles, New York e Istanbul; Grooving Lampedusa di Mario Badagliacca (Italia, 2012), che racconta il ritorno di Zakaria Mohamed Ali, rifugiato dalla Somalia, a Lampedusa, dove è sbarcato nel 2008 (e su cui ha realizzato il documentario To Whom It May Concern); Limbo di Matteo Calore e Gustav Hofer (Italia 2014), sui C.I.E. (Centri di Identificazione ed Espulsione) di Torino, Trapani e Roma, e delle famiglie che attendono, in un limbo, di sapere se i propri cari torneranno a casa o saranno mandati via dall’Italia; Orizzonti mediterranei. Storie di migrazioni e violenze di Maria Grazia Lo Cicero & Pina Mandolfo Italia 2014, in cui, attraverso interviste e immagini di repertorio, viene data voce ai migranti e alle loro drammatiche storie per superare le mille difficoltà insite nel percorso migratorio.

Negli eventi speciali, troviamo infine tre film: Andalousie, mon amour! di Mohamed Nadif (Marocco, 2011), la migrazione raccontata attraverso una insolita commedia; Mandela: Long Walk to Freedom di Justin Chadwick (Gran Bretagna/Sudafrica, 2013), il ritratto intimo di un’icona mondiale, interpretato dal divo nascente Idris Elba; Khumba di Anthony Silverston (Sudafrica, 2013), un poetico e divertente film d’animazione che lavora sulla bellezza delle differenze.

Per informazioni più dettagliate sul programma, rimandiamo al sito ufficiale del festival:
http://festivalafricano.altervista.org/festival/

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha