title_magazine

Annie - La felicità è contagiosa

di Will Gluck

Annie al tempo dei social network

Tra le uscite cinematografiche di questa estate emerge il remake del classico film di John Huston e del suo omonimo musical di Thomas Meehan, Annie - La felicità è contagiosa (Annie, 2014), nelle sale italiane dal 1 luglio.
Per l’occasione di questo apparentemente ghiotto remake, la produzione ha unito il regista e sceneggiatore Will Gluck (Easy Girl, 2010 e Amici di letto, 2011) e l’attrice rivelazione Quvenzhané Wallis che nel 2013 si è guadagnata una candidatura all’Oscar per la sua interpretazione nel film di Benh Zeitlin, Re della Terra Selvaggia.

Dal fumetto degli anni ’20 Little Orphan Annie di Harold Gray ai palchi di Broadway fino al film di Huston, la storia della piccola Annie, orfana in cerca dei suoi genitori e animata da un incrollabile ottimismo, ha segnato l’infanzia di milioni di bambini.
Gluck attualizza la storia di Annie portandola ai giorni nostri e inserendola nell’America di Obama e non in quella della grande depressione, ma non riesce a creare un coinvolgente mix tra interpretazioni, musiche e dialoghi.

Annie è una bambina vivace ottimista che è stata abbandonata dai genitori. Vive con Miss Hannigan a cui è stata affidata. La Signorina Hannigan è un donna disillusa dalla vita, mancata star del pop, ospita diverse bambine per avere l’assegno mensile dallo stato. Un giorno la vita di Annie s’imbatte in quella di William Stucks, magnate delle telecomunicazioni che sta tentando di diventare sindaco di New York. Uno scontro che finisce subito sui social porta i due consiglieri di Stucks, Grace, presidente della società e Guy, consulente per la campagna elettorale, a convincere l’imprenditore/candidato a prendere Annie in affidamento. Annie entra così a far parte della vita di Stucks e Grace e man mano la situazione cambia per tutti.

Un remake non è mai cosa facile: nell’attualizzare Annie Gluck ha provato ad immaginare una storia che potesse appartenere, seppur nell’ambito della favola, alla New York del nuovo secolo, mantenendo tutti i personaggi, compreso il cane Sandy, e lanciando subito all’inizio del film un richiamo al film di Huston. Annie – La felicità è contagiosa, inizia con la fine della scuola e con Annie che spiega cantando alla classe perché il suo presidente preferito è Franklin Delano Roosevelt per la politica del New Deal. Attualizzarlo agli States di oggi vuol dire attualizzare all’era Obama e dunque ecco la scelta di far diventare Annie una bambina di origini afroamericane, abbandonata ma con lo spirito sempre ottimista che per sua fortuna incontra un imprenditore ricchissimo, interpretato da Jamie Foxx. Un uomo solo e chiuso che viene da una realtà povera e che ha lottato duramente per cambiare: le origini e la sua infanzia le nasconde per non essere vulnerabile ma le rivela solo alla piccola Annie nella quale si riconosce.
In questo senso Opportunity il nuovo brano aggiunto alle celebri canzoni note a tutti - come Tomorrow, solo per citarne una - sottolinea il sogno americano, del paese, in particolare la città di New York, che può darti tutto se sai cogliere l’occasione, farla tua e migliorarti. Tutto forse troppo semplice e un po’ troppo politicamente corretto.

Non c’è un approfondimento dei personaggi, i cambiamenti, come nel caso di Miss Hannigan, sono repentini, ma lo spirito di Annie rimane intatto e anche la sua favola.

Alice Casalini

Cast & CreditsAnnie. La felicità è contagiosa
Regia: Will Gluck; sceneggiatura: Will Gluck e Aline Brosh McKeenna; fotografia: Michael Grady; musiche: Charles Strouse; montaggio: Tia Nolan; scenografia: Marcia Hinds; costumi: Renée Erlich Kalfus; interpreti: Jamie Foxx, Quvenzhané Wallis, Rose Byrne, Bobby Cannavale, Adewale Akinnuye-Agbaje, David Zayas, Cameron Diaz; origine: Usa, 20014 formato: 35 mm, 1.85, Dolby Srd; durata: 118’; produzione: Sony Pictures Entertainment, Overbrook Entertainment, Marcy Media Films, Olive Bridge Entertainment; distribuzione: Warner Bros. Enertainment Italia; sito ufficiale: http://www.annie-movie.com/discanddigital/; sito italiano: http://www.warnerbros.it/content/annie-la-felicità-è-contagiosa

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha