title_magazine

26 JCC. Coming of Age

di Teboho Edkins

Crescere sulle montagne del Lesotho

Nella “Compétition Officielle Documentaire”, sezione che si rivolge al documentario arabo e africano sviluppando nuovi sguardi su un continente in continua trasformazione, è stato presentato ieri Coming of Age, un breve e intenso racconto che proviene da uno degli stati più piccoli e meno conosciuti dell’Africa australe, il Regno del Lesotho. Il regista, Teboho Edkins, statunitense per nascita e cosmopolita per vocazione, è cresciuto in Lesotho e con quest’ultimo lavoro torna sulle fredde montagne dell’enclave del Sudafrica. Coming of Age è stato selezionato sia alla Berlinale 2015 che al Festival di Locarno 2015, ottenendo la menzione speciale nella sezione Open Doors.

Il Regno del Lesotho si trova in mezzo al sistema montuoso dei Drakensberg, la principale catena montuosa dell’Africa meridionale, ed è qui, nel piccolo villaggio di Ha Sekake, che incontriamo i quattro adolescenti che stanno vivendo il passaggio verso l’età adulta. Lefa e Senate sono amiche inseparabili, trascorrono le giornate a deridersi e a raccontarsi senza segreti, mentre nelle alture più elevate i ragazzi pascolano le greggi di pecore e montoni vivendo isolati e a temperature bassissime. Alla fine dell’estate le ragazze scelgono licei diversi e, nonostante la tristezza della separazione, sappiamo dai titoli finali che la loro amicizia è ancora forte. I giovani uomini, invece, hanno dovuto lasciare la scuola per aiutare la famiglia con il bestiame e continuano a trascorrere le loro giornate in una porzione di montagna circondati dagli animali e dal silenzio più assordante.

Teboho Edkins ha seguito per due anni i quattro adolescenti riuscendo a costruire in questo modo un racconto fluido, senza filtri documentaristi dichiarati, operando in modo invisibile eppure rispettoso. Il regista coglie, nelle ripetizioni di gesti sempre uguali, i piccoli cambiamenti che si svolgono nelle vite dei giovani, responsabili del loro futuro. Il titolo diviene così la chiave di lettura e il filo rosso che percorre il film: coming of age in Lesotho.

Ricostruire la realtà quando si ha come materia prima la vita placida e apparentemente marginale di un gruppo di adolescenti è una sfida difficile e in qualche modo coraggiosa. Il giovane regista statunitense rifugge ogni possibile sguardo esotico e africanista, consegnando a un ritratto intimo e particolaristico un respiro universale.

Valentina Lupi | 26. Journées Cinématographiques de Carthage

Cast & CreditsComing of Age
Regia: Teboho Edkins; sceneggiatura: Teboho Edkins; fotografia: Samuel Lahu; suono: Teboho Edkins, Magnus Kossmann; montaggio: Rune Schweitzer; origine: Regno del Lesotho, Sudafrica, 2015; durata: 63’; produzione: STEPS, dffb

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha