title_magazine

16 HRNs. Rifugiati, migrazioni e conflitti nel cinema

di Leonardo De Franceschi

Al via da oggi il festival Human Rights Nights (6-15 maggio 2016)

Viene inaugurata oggi la sedicesima edizione del festival Human Rights Nights, vetrina del cinema sui diritti umani creata nel 2001 per iniziativa della Cineteca di Bologna, in collaborazione col Comune e con l’Università di Bologna, con la direzione artistica di Giulia Grassilli. Il film d’apertura è il francese Human di Yann Arthus-Bertrand, girato in oltre 60 paesi e presentato allo scorso festival di Cannes. Quet’anno il festival rinnova la sua attenzione ai temi di più stringente attualità, concentrandosi sulla crisi globale dei rifugiati che chiama in causa i modelli di sviluppo e convivenza della comunità internazionale.

Con più di 60 milioni di rifugiati nel mondo costretti a fuggire dalle proprie case a causa di guerre, conflitti, persecuzioni, povertà e cause ambientali, siamo davanti al più alto numero di migrazioni forzate dalla seconda guerra mondiale. Più della metà dei rifugiati sono bambini. Data la situazione di emergenza umanitaria, il festival di quest’anno è stato infatti dedicato al tema Rifugiati, migrazioni e conflitti per riaffermare il dovere al rispetto dei diritti umani, al di là dello status di ‘migrante legale’, nazionalità o origine. I recenti interventi di controllo alle frontiere e le politiche di respingimento, costringono a vie di fuga sempre più pericolose e a rischio di vita.

È un dato di fatto che la nostra società sia ormai plurale e demograficamente sempre più ricca di una ‘diversità’, che è ormai una ‘normalità’. Questo è chiaramente visibile in tutti i luoghi della nostra città e nella ricchezza culturale ed energia che ne deriva, espressione delle creatività contemporanee, dal cinema alla musica e l’arte. Il programma di quest’anno di Human Rights Nights si ispira a questa seppur complessa ma meravigliosa pluralità.

Oltre 40 film sui diritti umani, anteprime, conferenze, dibattiti e workshops con registi, attivisti e ONG, studiosi e giornalisti saranno presentati al Cinema Lumiére, Cinema Rialto, MAST.Auditorium, ‘9mq’, Università di Bologna. Dopo l’inaugurazione, il festival prosegue con le ultime produzioni sui diritti umani, con una speciale attenzione dedicata al tema delle migrazioni e rifugiati nel mondo. Tra le proiezioni-evento legate all’Africa e gli afrodiscendenti, da segnalare Long Road to the Hall of Fame di Reda Zine, Mediterranea di Jonas Carpignano, Sta per piovere di Haider Rashid, il collettivo Benvenuti in Italia, To Whom It May Concern di Zakaria Mohamed Ali, Fuocoammare di Gianfranco Rosi, Stateless e Lampedusa in Berlin di Mario Mondello, Asmarina di Alan Maglio e Medhin Paolos, They Have to Kill Us First - Malian Music in Exile di Johanna Schwartz, A Hunting History di di Femke e Ilse Van Velzen e Devil Comes to Koko di Alfie Nze.

Alcune di queste proiezioni rientrano nel progetto progetto Diversity Digital Filmmaking, vincitore del bando MigrArti-Cinema, promosso da MiBACT e UNAR. Ideato da una rete sociale e culturale, il progetto prevede un ricco programma di film, workshops e incontri per promuovere la produzione di cinema da parte delle nuove generazioni in italia.

Tra questi, la conferenza su Digital Diversity Filmmaking - Diversity & Media, in programma venerdì 13 maggio alla Biblioteca Renzo Renzi della Cineteca di Bologna, in cui si parlerà di politiche culturali per la diversità. Intervengono i registi Reda Zine, Suranga D. Katugampala, Medhin Paolos, Alfie Nze; Fred Kudjo Kuwornu (#DiversityInMediaMatters), Leonardo De Franceschi (Cinemafrica/Cinemafrodiscendente) Pina Lalli (Università di Bologna), Luca Jourdan (Università di Bologna), Miles Gualdi (Comune di Bologna), Paolo Masini (MiBACT – Ministero Beni Culturali), professionisti industria del cinema e televisione.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

giovedì 6 settembre 2018

Retrospettiva Ouédraogo a Torino

Il Museo Nazionale del Cinema di Torino rende omaggio a Idrissa Ouédraogo, regista burkinabé (...)

giovedì 6 settembre 2018

Venezia75: i premi Final Cut

Si è chiusa il 3 settembre la sesta edizione di Final Cut in Venice, il Workshop in supporto (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha