title_magazine

Roma FF11. La Caja Vacia

di Claudia Sainte-Luce

Interno notte a due

È proprio una “cassa vuota” quella presentata nella selezione ufficiale del Festival del Cinema di Roma da Claudia Sainte-Luce, giovane regista messicana. Il titolo rispecchia fedelmente l’andamento del film, una cassa anonima inquadrata all’inizio su un carrello trasportatore. La cassa in questione non è altro che la vita della protagonista, la stessa regista, che con chiari spunti autobiografici ci racconta gli spaccati della sua vita quotidiana. Ci racconta il difficile rapporto con il padre, vecchio e malato di demenza senile, brutta malattia degenerativa che lo fa tornare bambino. Il dialogo tra i due è ridotto al minimo, probabilmente non c’è mai stato veramente… Addirittura i ruoli si invertono, ora non è più lui a dire cosa sia giusto, cosa bisogna fare e come comportarsi, ora è lei a prendersi cura di entrambi. Jazmin lo chiama semplicemente Touissant, non si azzarda a chiamarlo papà, rifiuta quasi ogni parentela e somiglianza, tanto da gridargli in faccia “io non ho nulla di tuo…”.

Touissant è interpretato magistralmente dall’afroamericano Jimmy Jean-Louis, già incontrato ne L’Ultima Alba (2003) e in Joy (2015). Il settantenne haitiano vive tra ricordi/allucinazioni più o meno piacevoli che si accavallano a episodi di vita reale, in un miscuglio imperscrutabile con momenti sempre meno frequenti di lucidità, dove alterna dialoghi in francese e inglese. Gli unici suoi veri capisaldi sono la tv a circuito a chiuso che inquadra la porta di casa e le musiche caricate sul telefono cellulare. L’atmosfera è sempre cupa, una scelta fotografica con colori scuri che accentua se possibile la solitudine e la malinconia delle vite di padre e figlia. Lui non si è mai fermato, non ha mai messo radici in alcun posto, e vorrebbe continuare a cambiare, cambiare, cambiare, ma la malattia prende il sopravvento e non lascia altra scelta all’anziano se non quella di andare a vivere insieme alla figlia. Convivenza non facile, dialoghi ridotti al minimo con numerosi scambi di monosillabi. Touissant non riesce a comprendere le abitudini di Jazmin, è troppo lontana dalle sue origini, dalla sua esistenza da eterno girovago, ma alla fine i due troveranno in qualche modo un punto d’incontro.

La Caja Vacia, secondo lungometraggio di Claudia Sainte-Luce (qui in veste anche di sceneggiatrice ed interprete), prima di Roma è stato presentato al Toronto International Film Fest.

Giorgio Sgarbi | 11. Festa del Cinema di Roma

Cast & CreditsLa Caja Vacia
Regia: Claudia Sainte-Luce; sceneggiatura: Claudia Sainte-Luce; fotografia: Maria Secco; musiche: Axel Munoz; montaggio: Emma Tusel; suono: Vincent Anardi, Frédéric Le Louet; interpreti: Claudia Sainte-Luce, Jimmy Jean-Louis, Pablo Sigal; origine: Messico, 2016; formato: DCP, colore; durata: 101’; produzione: Jaqueca Films SA de CV, Canibal Networks SA de CV, Equipment & Film Design SA de CV, Sampek Productions SAS; distribuzione internazionale: Pyramide International; Facebook: lacajavaciapelicula

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha