title_magazine

FCAAAL27: A Day for Women

di Kamla Abou Zekri

Il diritto di essere felici

Tra le molte anteprime italiane dell’ultimo FCAAAL di Milano c’è stato A Day for Women di Kamla Abou Zekri: l’ultimo lungometraggio della regista egiziana è stato presentato al BFI di Londra del 2016.
Il precedente lungometraggio di Kamla Abou Zekri, Un-Zéro, era stato presentato alla Mostra Internazionale Cinematografica di Venezia nel 2009 e seguiva le vite di otto personaggi durante la finale della Coppa d’Africa. Dopo sette anni, A Day for Women racconta come l’apertura di una piscina “popolare” irrompe nella vita del quartiere e innesca una serie di cambiamenti nelle vite di tutti gli abitanti e in particolare di tre donne: ancora una volta un film corale nel quale le storie dei personaggi s’incontrano, si scontrano e s’intrecciano con ironia.

A Day for Women è ambientato in un quartiere popolare de Il Cairo dove nel marzo del 2009 viene aperta al pubblico una piscina e si decide che la domenica sarà il giorno in cui potranno andare solo le donne. All’inizio l’unica entusiasta frequentatrice è la giovane Azza che vive sola con la nonna malata. Si compra un costume e si libera di ogni costrizione e pensiero nelle acque limpide. Ben presto la domenica in piscina diventa un appuntamento fisso per tutte le donne del quartiere, anche per Lula e Shamiya. Lula vende profumi in un piccolo negozio e passa i suoi giorni in silenzio tormentandosi per la morte di suo figlio e suo marito, Shamiya posa per gli artisti ed è rimasta sola aspettando il suo grande amore che proprio in questo periodo è rientrato in città ma che è sposato e con due figli. La novità rappresentata dalla piscina smuove la vita sempre uguale del quartiere e riapre ferite, fa nascere nuovi amori e risveglia tutta la popolazione, nel bene e nel male.

La regista mette al centro della sua storia tre donne che difendono con tutta la loro forza il loro diritto ad essere felici. Con una costruzione narrativa non particolarmente complessa e stratificata, in cui alcuni personaggi sembrano delle caricature, arriviamo alla soluzione dei nodi problematici presenti nella sceneggiatura in modo didascalico. Nonostante questo, l’energia di Azza coinvolge e commuove: il personaggio della giovane ragazza dai modi da “maschiaccio” è interpretata da Nahed El Sebai che ha vinto il riconoscimento come miglior attrice per A Day for Women all’ultimo Cairo International Film Festival. La regista tra l’altro torna a lavorare sia con la El Sebai che con Nelly Karim (Lula) con le quali aveva già collaborato in Un-Zéro.

Kamla Abou Zekri sfrutta l’apertura della piscina per mettere a nudo le emozioni, i desideri e le paure delle donne del quartiere ma anche degli uomini: le donne si trovano libere di parlare e confrontarsi riunendosi e ricostruendo una forte comunità tutta al femminile; gli uomini si trovano spiazzati davanti a questi cambiamenti, alla piscina aperta per le donne e alle libertà a cui non sono abituati. Gli uomini entrano in crisi, le loro certezze vacillano e i più deboli, come il fratello di Lula che usa la forza per nascondere le sue fragilità, si trovano spiazzati.

L’acqua purifica e rigenera, può portare a una rinascita, come nel caso di Lula e allo stesso modo il vento e l’aria presa sul volto di Azza in una corsa in moto porta via il passato e le paure legate a ciò che è stato e che finalmente può cambiare. Semplici ma efficaci simbolismi che portano con ironia, strizzando l’occhio al pubblico, alla soluzione dei conflitti interni, quando riferiti ai singoli personaggi, ed esterni, se riferiti alla comunità del quartiere.

Alice Casalini | 27. Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina

Cast & CreditsA Day for Women
Regia: Kamla Abou Zekri; sceneggiatura: Hanaa Attia; fotografia: Nancy Abdel Fattah; suono: Ahmed Gaber; montaggio: Mutaz Al Kateb; interpreti: Elham Shahin, Mahmoud Hemeda, Nelly Karim, Ayad Nassar, Farouk El Fishawy, Ahmed El Fishawy, Ahmed Dawood, Nahed El Sebai, Hala Sedki, Ragaa Hussein; origine: Egitto, 2016; durata: 111’; produzione: Shahin Film Production; distribuzione: MAD Solutions

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
martedì 25 aprile 2017

Lo scaffale di Cinemafrica alla Griot

Da alcuni giorni è partita una piccola iniziativa realizzata dalla Libreria Griot di Roma in (...)

giovedì 20 aprile 2017

Cannes 70: Carpignano alla Quinzaine

Jonas Carpignano è un giovane regista italo-afro-americano che si è fatto notare da tempo dalla (...)

venerdì 14 aprile 2017

Cannes 70: un’opera prima dall’Algeria

Un’altra buona notizia dal prossimo Festival di Cannes (18-27 maggio): nella sezione Un Certain (...)

giovedì 13 aprile 2017

Cannes 70: Ben Hania al Certain Regard

Sono stati annunciati oggi i titoli selezionati per la selezione ufficiale del 70. Festival di (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha