title_magazine

Inside Man

di Spike Lee


Quattro persone mascherate da imbianchini fanno irruzione nell’edificio della Manhattan Trust, caposaldo finanziario di Wall Street, prendendo in ostaggio cinquanta persone tra impiegati e clienti della prestigiosa banca. Il detective Keith Frazier viene incaricato di gestire il negoziato con il capo della banda, Dalton Russell, un uomo estremamente intelligente e dai nervi saldi con un piano completamente imprevedibile e ben studiato…

Dopo esser stato per più di due mesi, tra aprile e maggio, in vetta alle classifiche di gradimento del pubblico cinematografico, esce in homevideo l’ultimo film di Spike Lee, Inside Man, originale spy-story con un pizzico di thriller.
L’attenzione verso il cinema mainstream è sempre stata forte nell’estetica dell’autore afroamericano, lo si nota soprattutto nei suoi ultimi lavori, come La 25ma ora, e risalendo fino ai primi anni ’90 con il cult-movie Malcolm X. Eppure, si tratta di una via stilistica, quella praticata da Spike Lee, in grado di coniugare a canovacci e storie finemente elaborate in fase di script una messa in scena e una direzione degli attori decisamente anti-classica. In tal senso, sarà interessante confrontare la colonna audio originale con il doppiaggio che vi è stato sovrapposto per riconoscere lo Spike Lee degli esordi, di Do the right thing, ben lontano oggi dall’abbandonare le scelte registiche, i dialoghi e il modello recitativo che ne ha segnato gli esordi, il suo cinema “sociale” nato ormai vent’anni or sono.

Chissà che la scelta di Denzel Washington e Chiwetel Eijofor, nei panni del detective Keith Frazier e del suo vice, non sia lo specchio dell’infinita ricerca tematica di Spike Lee. Washington, già visto in panni non poi così diversi, paradossalmente, nei classici Philadelhia e John Q, è un buono a tutti gli effetti, dal carattere profondamente umano, inserito però all’interno di un meccanismo rigido ed esclusivo in cui è necessario muoversi con destrezza. Questo ne fa un carattere controverso, che ben si adatta all’astrattezza mistificatoria del plot. Washington è l’ideale per un personaggio così finemente scontornato, del quale non sapremo mai tutta la verità. E non a caso, sembra essere proprio questa impossibilità di sapere il filo rosso che lega le “tappe” del pattern narrativo.

Di certo più destabilizzante è la sordida faccendiera Madeleine White per Jodie Foster. La star di innumerevoli cult movies, da Taxi Driver a Il silenzio degli innocenti, in Inside Man mette in gioco il suo personaggio esagitato, smette la maschera del terrore di fronte a una minaccia spesso occulta, per calarsi in un ruolo misuratissimo. Bella ed elegante, sembra l’opposto dei suoi precedenti personaggi. Di lei e del suo losco gioco sappiamo tutto, il pesante giudizio che cala sul suo atipico lavoro taglia le gambe al thriller, ma ci propone una visione del mainstream molto personale e moderna di chi, come Spike Lee, non sembra dimenticare le sue radici indipendenti.

Bravissimo anche Clive Owen, il quarantaduenne attore è il capo della banda di criminali, che nel suo braccio di ferro con Denzel Washington riesce a tenere in scacco l’irruenza della polizia, incarnata dall’inquietante personaggio di Willem Dafoe. Un criminale in realtà molto à la Lupin III: il suo sangue è solo ketchup; per fare una rapina si porta dietro un furgoncino, ben consapevole che gli attrezzi da scasso non sono solo fucili e bombe; i suoi "colleghi" sembrano usciti dal dopolavoro dell’ENEL. Che sia questa l’ultima provocazione anti-classica dello Spike Lee versione mainstream?

Simone Moraldi

Cast & Credits
Inside Man (Id.)
Regia: Spike Lee; sceneggiatura: Russell Gewirtz; fotografia: Matthew Libatique; montaggio: Barry Alexander Brown; musica: Terence Blanchard; interpreti: Denzel Washington, Clive Owen, Jodie Foster, Chiwetel Eijofor, Kim Director, Carlos Andrés Gòmez, Christopher Plummer; origine: USA, 2006; durata: 123’; produzione: Universal Pictures, Imagine Entertainment; distribuzione homevideo: Universal; data di uscita: 6 settembre 2006; sito ufficiale: http://www.insideman.net/index.php; sito italiano: www.uip.it/insideman
DVD nella confezione: 1; supporto: DVD9 – singolo lato doppio strato; regione: 2; formato video: 2.35:1 anamorfico; formato audio: Dolby Digital 5.1; tracce audio: Inglese (originale), Italiano, Tedesco, Spagnolo; lingue sottotitoli: Inglese, Italiano, Tedesco, Spagnolo, Croato, Portoghese, Sloveno, Turco

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha