title_magazine

Munyurangabo

di Lee Isaac Chung

Festival di Cannes: il genocidio, e dopo?

Nell’ambito della riflessione cinematografica sulla memoria e l’oblio in Africa – e sulla possibilità di ricominciare a vivere dopo l’orrore della guerra – si può far rientrare, accanto ai titoli già noti di Ezra e Daratt, anche un’interessante opera prima presentata a Cannes nella sezione Un Certain Regard, a completare il panorama di cinema africano in cartellone sulla Croisette. Si tratta di Munyurangabo, girato in Ruanda dal giovane regista americano di origini coreane Lee Isaac Chung, che ha anche prodotto il film con una casa di produzione indipendente creata con i suoi amici e collaboratori (Samuel Anderson e Jenny Lund).

La storia produttiva del film è semplice, ma sintomatica di un interesse profondo verso la realtà ruandese e di un “colpo di fulmine” cinematografico. Dopo studi in biologia, Chung si è infatti avvicinato al cinema alla Yale University, dove ha conosciuto i suoi compagni di avventura. Nel corso di uno stage di cinema tenuto in Ruanda nell’estate del 2006, in un’associazione di volontariato cristiana, Chung e i suoi collaboratori hanno deciso di realizzare un film che raccontasse l’esperienza dei ragazzi di strada, orfani del genocidio, con i quali avevano lavorato. Girato in 11 giorni, nelle zone di campagna intorno a Kigali, con tutti attori non professionisti incontrati in fase di preparazione del film, Munyurangabo è anche il primo film girato interamente in Kynyarwanda, la lingua nazionale del Ruanda.

Il regista ha scelto di raccontare in modo semplice e poco costruito il dramma del genocidio, visto con gli occhi di chi è sopravvissuto, ma ha altre ferite da far rimarginare: quelle della memoria, della giustizia e del desiderio di vendetta. Anche grazie a un iter produttivo del tutto singolare e indipendente, il film è però basato in gran parte sull’improvvisazione, a partire da un semplice canovaccio che poi è stato man mano rivisto durante le riprese. La macchina da presa si “limita” a pedinare – tra neorealismo ed esistenzalismo da nouvelle vague – i due giovani protagonisti Munyurangabo e Sangwa (interpretati da veri orfani del genocidio), alla ricerca dei genitori e della vendetta. La loro sete di giustizia li porta lontano da Kigali, a casa della famiglia di Sangwa e poi nella casa dell’assassino del padre. Ma alla fine della strada, forse la vendetta non ha più senso.

Più che raccontarci una storia con un inizio e una fine, Chung sceglie di mostrarci la possibilità e la difficoltà di ogni incontro: i due protagonisti, amici per la pelle, dovranno affrontare i pregiudizi di chi ancora continua a dividere il popolo ruandese tra hutu e tutsi. Ma l’incontro sta anche tra le quinte del film: nelle dinamiche comunicative che si sono messe in atto tra un regista americano, di origine coreana e che non parla assolutamente il knyarwanda, e i non-attori che hanno recitato nella propria lingua, mettendo in scena se stessi di fronte alla macchina da presa. Un evento filmico che forse diviene anche un mezzo per esorcizzare il dolore subito. Come nel bellissimo e lunghissimo piano sequenza in cui un poeta ruandese canta guardando in macchina la canzone-poesia che ha composto per la fine del genocidio e che ha effettivamente cantato alla cerimonia per il giorno della liberazione, per celebrare la speranza e la nascita di un nuovo Ruanda.

Il regista sta addosso ai suoi attori, ci fa percepire il loro corpo e i loro movimenti confusi in un paesaggio che ancora porta i segni dell’orrore. Il fuori campo e l’ellissi sono i due segni di stile che la narrazione assume per darci un senso accettabile e comprensibile del reale: ma anche – forse – l’unico strumento per tradurre cinematograficamente lo straniamento di uno sguardo straniero in Ruanda. Uno sguardo che riesce, nonostante qualche ambiguità, a non fare spettacolo con il dolore. E che forse aiuterà a dare un futuro al cinema in Ruanda: il regista ha infatti annunciato che tornerà a Kigali per creare una scuola di cinema e una casa di produzione, perché possano nascere altri film, realizzati da registi ruandesi.

Maria Coletti

Cast & CreditsMunyurangabo (Liberation Day)
Regia: Lee Isaac Chung; sceneggiatura: Lee Isaac Chung, Samuel Gray Anderson; fotografia: Lee Isaac Chung; suono: Jenny Lund; montaggio: Lee Isaac Chung; musica: Claire Wibabara; interpreti: Jeff Rutagengwa, Eric Ndorunkundiye, Jean Marie Vianney Nkurikiyinka, Narcicia Nyirabucyeye, Jean Pierre Harerimana, Edouard Bamporiki; origine: Usa, 2007; formato: 35 mm; durata: 85’; produzione: Almond Tree Films; sito ufficiale: www.almondtreefilms.com

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha