title_magazine

Pride

di Sunu Gonera

Orgoglio contro pregiudizio

Cinema. Festa Internazionale di Roma

"Non ci sono scorciatoie per i sogni": in questa frase è racchiusa l’esperienza dell’allenatore di nuoto Jim Ellis raccontata in Pride (Orgoglio, 2007) di Sunu Gonera, presentato nella sezione Alice nella Città della seconda edizione di Cinema. Festa Internazionale di Roma e vincitore del Premio del Consiglio dei Bambini.

Pride è il primo lungometraggio di Sunu Gonera, originario dello Zimbabwe. Il giovane regista, dopo aver girato diversi spot pubblicitari, nel 2006 ha presentato il suo cortometraggio Riding with Sugar (id., 2006) alla 59. edizione del Festival di Cannes. La Lionsgate ha quindi affidato a Gonera una sceneggiatura tratta dalla vera storia dell’allenatore di nuoto afroamericano Jim Ellis, che, all’inizio degli anni ’70, ha ristrutturato il centro ricreativo di un ghetto nero della periferia di Philadelphia, nel quale ha formato e allenato la prima squadra di campioni di nuoto afroamericani. Il centro ricreativo e la piscina esistono ancora oggi e Jim Ellis continua ad allenare i ragazzi del quartiere: un uomo e il suo sogno diventano un film e si cristallizzano, entrando nell’Olimpo delle fantastiche storie di Hollywood.

L’appassionante storia, poco nota, del riscatto di Ellis e dei suoi ragazzi rappresenta un arma a doppio taglio per Pride e per il suo successo: se da un lato è la chiave che permette di lasciarsi coinvolgere - mettendo da parte ogni pregiudizio - dall’altro se non fossero realmente esistiti Ellis e il suo centro ricreativo, il film verrebbe identificato come opera commerciale imprigionata in schemi fissi e stereotipi. Pride è infatti l’esempio di come la più classica delle formule hollywoodiane, quando ben utilizzata, riesca a coinvolgere ed appassionare portando avanti la sua “causa”. La vita di Jim Ellis, interpretato da Terrence Howard, è il perfetto soggetto per un blaxploitation movie, perché racchiude in sé tutti gli ingredienti necessari, dal quartiere degradato alla voglia di riscatto dei ragazzi: ogni personaggio incarna e sviluppa un aspetto del mondo descritto nel film, creando un puzzle omogeneo nel quale tutti gli elementi ruotano attorno alla forza vitale di Jim Ellis. Allo stesso tempo, se Pride non fosse ispirato alla vera storia dell’allenatore, i dialoghi sembrerebbero forzati e tutti gli elementi drammatici potrebbero essere interpretati come escamotage narrativi tipici del genere. Non è un caso che Gonera senta l’esigenza di svelare il trucco e mostrare il vero Jim Ellis, attivo ancora oggi nel suo centro: dare al personaggio il suo vero volto per dichiarare l’autenticità della storia.

Pride è a tutti gli effetti un film classico, sia nella sceneggiatura che nelle scelte di regia, che riesce a seminare alla giusta distanza l’uno dall’altro messaggi, si può permettere di essere didascalico senza lasciarsi trascinare nel vortice di banalità e luoghi comuni. La forza del film diretto da Gonera si trova proprio nella consapevolezza di saper rivolgersi al pubblico al momento opportuno, dosando ai toni della commedia, i momenti drammatici nei quali l’orgoglio dei protagonisti diventa la forza per inseguire il sogno con la fatica e il sudore. Pride riesce a ricostruire con la giusta forza emotiva sul grande schermo la storia di Jim Ellis e il suo centro ricreativo, diventato simbolo del riscatto sociale non solo del quartiere alla periferia di Philadelphia, e il Premio del Consiglio dei Bambini è la prova che Gonera sia riuscito ad aprire il giusto canale di comunicazione con il pubblico.

Alice Casalini

Cast & CreditsPride
Regia: Sunu Gonera; soggetto: Michael Gozzard, Kevin Michael Smith; sceneggiatura: Norman Vance Jr., Michael Gozzard, Kevin Michael Smith, J. Mills Goodloe; fotografia: Matthew F. Leonetti; musica: Aaron Zigman; montaggio: Billy Fox, Edward R. Abroms; scenografia: Steve Saklad; costumi: Paul Simmons; interpreti: Terrence Howard, Bernie Mac, Kimberly Elise, Tom Arnold, Brandon Fobbs, Alphonso McAuley, Regine Nehy, Nate Parker, Kevin Phillips, Scott Reeves, Evan Ross, Gary Anthony; origine: Stati Uniti, 2007; formato: 35 mm, colore; durata: 104; produzione: Fortress Entertainment, Lions Gate Films, Cinered Internazionale, Filmproduktionsgesellschaft MBH6 Co.1., Beteiliungs Kg, Elements Films; sito ufficiale: www.pridefilm.com

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha