title_magazine

L'Africa vista dalla Festa, anno due

di Leonardo De Franceschi

A un paio di settimane dalla fine di questa attesa edizione numero due della Festa di Roma, è possibile tirare le somme con uno sguardo che, pur rimanendo dichiaratamente parziale, sia filtrato da una focale più ampia, in grado di valutare l’offerta panafricana della Festa in un orizzonte più generale. Alla luce di quanto presentato in quest’annata dai festival principali – dal Sundance a Torino - difficile dire che il cinema panafricano goda di buona salute, e se analizziamo nello specifico la sorte dei film diretti da registi africani, valutando la presenza in selezioni ufficiali e i riconoscimenti, possiamo parlare propriamente di un annus horribilis.

Non è questo il luogo per articolare, dati alla mano, un’analisi puntuale della questione, né tantomeno per avanzare delle spiegazioni: certo è che, aggiungendosi a limiti e povertà strutturali, l’avvento del digitale ha incoraggiato il fiorire di un’ondata di mediocri produzioni a basso costo, e ad ancor minore tasso di ricerca espressiva, pensate ormai sempre più per il piccolo schermo. Dall’altra parte, a Cannes che festeggia i suoi sessant’anni con un film collettivo (Chacun son cinéma, riproposto dalla Festa) che relega l’Africa a due episodi (un non esaltante Chahine e l’altro diretto da un non africano, Wim Wenders), risponde Torino che inaugura la stagione Moretti con una selezione praticamente priva di titoli panafricani (salvo un documentario firmato a quattro mani da Nevina Satta), e uno staff scandalosamente privo di corrispondenti per l’area africana e araba.

Fatto sta che, come nel 2006, anche quest’anno l’unico segno di presenza panafricano nel Concorso romano è legato a un film diretto da un regista europeo (allora l’onesto Herbiet di Mon colonel, ora il ritrovato Mazzacurati di La giusta distanza). E meno male che dopo il successo planetario di Tsotsi, il sudafricano Gavin Hood ha avuto abbastanza potere contrattuale per scritturare Jake Gyllenhall e Reese Witherspoon, così da risultare appetibile per il divistico red carpet di Première. Non rimane che consolarsi anche quest’anno con la riserva indiana di Extra, che già l’anno scorso aveva dato diversi segnali di interesse nei confronti della galassia panafricana.

In quest’edizione numero due, il capotribù Sesti ha tirato fuori dal cappello anzitutto il kolossal panafricano di Charles Burnett (Namibia: the Struggle for Liberation) e tre titoli nonfiction di pregio come In Prison My Whole Life di Marc Evans (che, grazie a Fandango, vedremo anche nelle sale), War Dance degli americani Sean e Andrea Fine e New Home Movies from the Lower 9th Ward di Jonathan Demme. Di più, nell’offerta polimorfica della sezione, hanno trovato posto anche due piccoli saggi di recitazione Actors Studio come Dutchman (Anthony Harvey, 1967), e Black Like Me (Carl Lerner, 1964), che è purtroppo saltato all’ultimo momento e speriamo di recuperare il prossimo anno, magari proiettato in una sala più grande. A questo proposito, l’auspicio che formuliamo è che titoli come quelli menzionati, red carpet o no, siano valorizzati maggiormente, nel palinsesto generale, e in quello delle proiezioni per la stampa, così da conquistarsi l’attenzione che meritano.

Due importanti restauri hanno arricchito la selezione di Extra. Dopo l’anteprima di Cannes, Scorsese ha portato a Roma il film con cui ha lanciato la sua World Cinema Foundation, il documusical Transes (1981), diretto da quell’Ahmed Maanouni che proprio quest’anno è tornato a firmare un nuovo lungometraggio (Coeurs brulés) con cui ha vinto il Festival National du Film de Tanger. E poi La rabbia (1963), il cinesaggio firmato a quattro mani da Pasolini e Guareschi, rimasterizzato dalla Raro Video in vista di un’attesa edizione homevideo: un’opera bifronte, da rivedere come documento di un’Italia spaccata in due dalla guerra fredda, che annuncia al contempo il terzomondismo de La battaglia di Algeri e gli esecrabili pamphlet neofascisti di Jacopetti e Prosperi. Ma anche gli under 18 di Alice nella città hanno avuto un paio di visioni panafricane: se hanno mostrato di apprezzare – tanto da attribuirgli il massimo premio – la bioblaxploitation di Pride, diretto dallo zimbabwese Sunu Gunera, e interpretato dal talentoso Terrence Howard, con non meno trasporto hanno rivissuto il viaggio di Cristina Comencini e Carola Cerquetti nel paese delle mille colline (Il nostro Rwanda).

All’appello manca un piccolo ma importante segno di promozione del nuovo cinema africano, lanciato lo scorso anno da New Cinema Network, con il sostegno della Unidea-Unicredit Foundation. Certo, 33 mila euro sono, se si vuole, un contributo trascurabile, nell’economia di un film sia pure a basso budget, ma tanti colleghi di Ayouch, Gamboa e Matabane ne avrebbero approfittato volentieri. Un segnale in controtendenza, in una fase in cui, dall’Olanda alla Germania, dalla Francia alla Spagna, sorgono o si rafforzano programmi di cooperazione mirati al sostegno delle cinematografie del sud. Meno male che, a rappresentare l’Italia nella sezione New Cinema Network sono stati quest’anno filmmakers tunisini di nascita (Mohsen Melliti – che si è poi aggiudicato il Premio Siae al miglior progetto italiano, per l’adattamento di un classico della letteratura palestinese come Ritorno ad Haifa di Ghassan Kanafani) o sudisti militanti come Agostino Ferrente (L’orchestra di piazza Vittorio), Giovanni Piperno (This is my sister) e Domenico Distilo, quest’ultimo con un progetto (Quando gli elefanti combattono), già presentato al Talent Project Market della Berlinale, che riguarda la tragedia senza fine della guerra in Sudan.

In chiusura, ricorrendo al pirandelliano cannocchiale rovesciato, lo scrivente si permette qualche considerazione più generale sull’identità della Festa di Roma e sui suoi rapporti, che continuano a non essere idilliaci, con Venezia e Torino. Mi limito a formulare una modesta proposta per ridurre al massimo le dinamiche di attrito fra i tre maggiori festival italiani e correggere il vizio di ma-anchismo originario che continua ad affliggere (anche) la Festa veltroniana. Posto che il calendario non offre grandi margini di spostamento, l’unico agreement possibile riguarda una ridefinizione dei punti identitari irrinunciabili e una conseguente divisione delle zone di intervento nell’industry. Per chi vi scrive, Roma dovrebbe puntare in modo esclusivo sulla dimensione popolare (Premiere, retrospettive, cinema italiano, un vero e proprio premio del pubblico sul modello di Locarno) e sul mercato, entrambi inaccessibili a Venezia e Torino, lasciando alla Mostra concorsi e premi e al TFF il talent scouting di opere prime e autori indipendenti.
Ridefinire dei punti identitari in funzione di una concorrenza virtuosa mi sembra l’unica mossa per contrastare la minaccia di una progressiva marginalizzazione ed esclusione dal circuito internazionale dei festival che contano, minaccia che incombe su Roma ma anche, inevitabilmente, su Venezia e Torino.

Gli altri articoli sulla 2. Festa Internazionale di Roma

Festa di Roma 2007: l’Africa virtuale

Dutchman, di Anthony Harvey
La giusta distanza, di Carlo Mazzacurati
Houcine, di Leonardo Di Costanzo
Il nostro Rwanda, di Cristina Comencini e Carola Cerquetti
In Prison My Whole Life, di Marc Evans
Namibia. The Struggle for Liberation, di Charles Burnett
New Home Movies from the Lower 9th Ward, di Jonathan Demme
Pride, di Sunu Gonera
Rendition, di Gavin Hood
War Dance, di Sean Fine e Andrea Nix Fine

Un film dallo spirito panafricano. Incontro con Charles Burnett
Nei panni dell’arabo in Italia, con onore. Conversazione con Ahmed Hafiane

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
venerdì 12 gennaio 2018

Viaggio in Italia con il cinema tunisino

A 50 anni dal primo passaggio di Roberto Rossellini in Tunisia per le riprese de Gli atti degli (...)

martedì 2 gennaio 2018

Terminate in Marocco le riprese di Sofia

Sono terminate a dicembre le riprese di Sofia, primo lungometraggio della cineasta (...)

lunedì 4 dicembre 2017

I premi del RIFF

Sono stati annunciati ieri i vincitori della XVI edizione del RIFF – Rome Independent Film (...)

lunedì 4 dicembre 2017

Balon e Talien premiati al TFF

Alla cerimonia di chiusura del trentacinquesimo Torino Film Festival che si è svolta lo scorso 2 (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha