title_magazine

Black Snake Moan

di Craig Brewster

Peccato e redenzione: l’anima del blues

Il profondo sud, il Mississippi, il dolore, le pene d’amore, il peccato, la redenzione e soprattutto la forza del blues sono gli elementi che compongono Black Snake Moan (id., 2007) di Craig Brewer. Dopo il successo di Hustle & Flow (id., 2005), prodotto anch’esso da John Singleton e Stephanie Allain per l’indipendente Southern Cross the Dog, il regista di Memphis è tornato dietro la macchina da presa con una storia di amore, di amicizia e di fede, ma per riuscire a comprenderne fino a fondo la forza e il significato si deve attraversare la buia strada violenta dei peccati e dei vizi che insidiano l’animo fragile, debole degli uomini.

Black Snake Moan inizia mettendoci di fronte alla voce e alle immagine del musicista Son House che spiega come il dolore che spesso nasce delle forti e appassionate storie d’amore è l’anima della musica blues. La storia è quella dell’incontro di due anime sole e dimenticate, quella di Rea, una giovane e affascinate ragazza interpretata da una sorprendente Christina Ricci, che si sente sola e abbandonata dopo la partenza del ragazzo per l’Iraq, e quella di un anziano uomo di colore, Lazarus, agricoltore e musicista blues che viene abbandonato dalla moglie. I due s’incontrano nel momento di massima disperazione e s’incontrano e si salvano aiutandosi a vicenda.

In un film che segue i ritmi della musica blues, Brewer fa incontrare le due realtà, il mondo dei bianchi e dei neri, dimostrando come le persone sole e dimenticate, i poveri, si aiutino a prescindere dalla loro appartenenza e dalla loro cultura. Alla base di tutto c’è il blues che nasce dal dolore e dalla sofferenza comune a tutti gli uomini: la musica del profondo sud e la musica che adora Brewer, il quale costruisce il film seguendo il ritmo della musica, suonata rigorosamente dal vivo in tutte le scene. Black Snake Moan è un film dai toni forti a partire dai colori marcati, sottolineati dai contrasti definiti tra luce e ombra: Brewer gioca con l’eccesso sia nei dialoghi, carichi e spesso volgari, sia nelle scelte di regia non risparmiando scene violente.

Un titolo da non perdere, anche perché inedito, questo Black Snake Moan, distribuito dalla Paramount Vantage: un’edizione monodisco nella quale però oltre al film sono presenti numerosi extra nei quali, oltre alla usuale presenza delle scene eliminate e della galleria fotografica, si vuole ricostruire il processo creativo e produttivo del film a partire dal Commento dello sceneggiatore/regista Craig Brewer nel quale si ripercorre tutto il film dall’inizio alla fine accompagnati dalla sua voce che spiega le caratteristiche per le quali sono stati scelti i vari attori, le location, le musiche e le inquadrature. Questo fin troppo dettagliato percorso nelle scelte di regia è affiancato da un’altra indagine sulle realizzazione del film (Contrasti: le riprese del film), nel quale oltre al regista sono raccolte le testimonianze del cast artistico e tecnico del film che parlano della loro esperienza durante le genesi e le riprese di Black Snake Moan.

Due sono i contenuti speciali dedicati in modo specifico alla musica: il primo (Radici Profonde nel Blues) ripercorre le scelte musicali e riprende e intervista il regista e i musicisti blues riuniti per il film nello studio di registrazione dove lavorano; il secondo (Il Lamento del serpente nero) spiega invece l’origine del titolo Black Snake Moan, che è appunto quello di una conzone del musicista cieco Blinde Leman Jefferson.

Black Snake Moan è un film originale nel quale Brewer racconta, rivisitandolo, il proprio mondo: nei contenuti speciali si scopre che molti personaggi sono interpretati da amici e musicisti dei locali della sua città. Il regista si racconta provocando lo spettatore e se stesso con una storia nella quale i personaggi arrivano alla redenzione ma passando attraverso fasi che sono socialmente sconvenienti: Brewer non giudica, ma racconta un mondo e una musica che conosce bene e questa urgenza di trasportare sullo schermo un certo mondo è particolarmente esplicita.

Alice Casalini

Cast & Credits

Black Snake Moan (id.)
Regia, sceneggiatura: Craig Brewer; fotografia: Amelia Vincent; montaggio: Billy Fox; costumi: Paul Simmons; musica: Scott Bomar; interpreti: Samuel L. Jackson, Christina Ricci, Justin Timberlake, S. Epatta Merkerson; origine: USA, 2006; formato: 35 mm, 1.85, Dolby Srd; durata: 111’; produzione: John Singleton e Stephanie Allen per New Deal, Southern Cross the Dog; distribuzione: Paramount Vantage; sito ufficiale: www.moanmovie.com

DVD nella confezione: 1; supporto: DVD 9, singolo lato, doppio strato; regione: 2; formato audio: Dolby Digital 5.1; tracce audio: italiano, inglese (originale); lingue sottotitoli: italiano, inglese; contenuti extra: Commento dello scrittore/regista Craig Brewer, Contrasti: le riprese del film, Radici profonde nel blues, Il lamento del serpente nero, Scene eliminate, Galleria fotografica.


Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha