title_magazine

Berlinale 2008: lungo la linea del colore

di Leonardo De Franceschi

Sul piano meramente quantitativo, la piazza della Berlinale ha confermato di rappresentare un appuntamento irrinunciabile per chi, sconfinando di continuo tra selezione ufficiale e mercato come abbiamo fatto in questi undici giorni, vuole tastare il polso al cinema mondiale, sondare tendenze, snodi ricorrenti e modi di rappresentazione dell’Africa e delle sue diaspore, segnalare qualche titolo degno di nota. Considerando anche gli incontri organizzati quest’anno nell’ambito del Talent Campus, talvolta appannaggio dei soli giovani ospiti (come Hot Spot Africa), il calendario offriva in media una decina di appuntamenti al giorno, tra proiezioni e conferenze stampa.

Visto che a tutti i film più significativi presentati in selezione ufficiale abbiamo dedicato una recensione, non rimane che qualche considerazione da fare a margine, e a mente fredda. Le visioni berlinesi hanno confermato che il cinema africano se la passa male, stretto fra la tentazione di omologarsi a modelli narrativi efficaci ma impersonali (Jerusalema), e l’orgoglio di approfittare delle possibilità del digitale per riaffermare una vitale, ma fin troppo anarchica, necessità di cinema (Divizionz). Resistere alla contingenza non felice è possibile solo decantando con pazienza e rigore una poetica riconoscibile, come fa l’egiziano Yousry Nasrallah in L’aquarium, così da interrogare ragioni e umori del presente senza rinunciare a provocare la pigrizia estetica dello spettatore mainstream.

Ma l’Africa continua soprattutto ad essere terra di conquista, rifugio e verifica dell’immaginario dominante. Che si parli di bambini soldato o pugili da strada, famiglie in crisi o malattie endemiche, la tentazione dell’ancoraggio al tema forte, trasformando il case study in eroe per un giorno, è dura a morire. Le sceneggiature dei contenuti dell’audiovisivo globale tendono a presentare format e schemi narrativi sempre più vincolanti e seducenti nella loro efficacia. La scommessa di Falorni in Feuerherz (Heart of Fire), controversa ma più che difendibile sul piano documentale, e pur ancorata a un congruo realismo linguistico, fallisce nella pretesa di raggiungere un universalismo essenzialista, riducendo quello che sulla carta (la biografia di Senait G. Mehari) è un fluviale e doloroso romanzo di formazione, a uno schematico apologo pacifista.

Meglio allora piuttosto la mitografia del reduce, in War Child, o per meglio dire, la disponibilità a scompaginare le aspettative dello spettatore – anche qui, il bambino soldato va a combattere perché quella in cui si impegna con il suo clan in Sud Sudan è una guerra di popolo –, ricostruendo tra storia personale e collettiva i percorsi di formazione di un eroe della sopravvivenza, Emmanuel Jal, che sulla memoria degli anni di guerra ha costruito il suo successo di hiphop star. Ad essere premiata è sempre la capacità di ascolto e sospensione del giudizio, che si tratti delle one dollar babies congolesi di Victoire Terminus, Kinshasa, pugilesse per passione e voglia di riscatto, pedinate durante gli allenamenti e nelle dinamiche domestiche, o degli inquieti soldati di leva di Mafrouza, punte d’iceberg di un microcosmo ricco di aneddoti, tradotti dallo schermo prima di diventare vere e proprie storie.

Sul versante diaspore, la violenza nelle periferie urbane continua ad essere uno dei temi privilegiati, offrendosi al contempo come catalizzatore di plot plurali, spezzati, tenuti insieme da uno score che talvolta risulta diegeticamente fuso con l’azione, e in qualche caso dà luogo a vere e proprie coreografie acustico-visive. Di Regarde-moi, più che la costruzione narrativa ad incastro rimarranno soprattutto la riflessione sul bullismo femminile e la rivelazione di un nuovo talento d’attrice. Il Brasile continua purtroppo a lucrare sulle formule facili di City of God, con un mix di estetizzazione della violenza e iperinvestimento simbolico sulla musica: se questa è la tendenza, più del melenso West side story in chiave favela Maré, nossa historia (Panorama) di Lucia Murat, più efficace e compatto è parso l’altro musical, Ó pai ó di Monique Gardenberg, visto all’European Film Market, mentre assai sopravvalutato ci è parso l’Orso d’oro 2008 Tropa de elite.

Anche in terra statunitense, la musica nera continua ad essere un ricettacolo di motivi e atmosfere ricche di forza evocatrice, dal jazz di Fats Waller in Be Kind Rewind al blues anni cinquanta di Honeydripper (visto all’EFM), anch’esso starred by Danny Glover e diretto da un John Sayles in stato di grazia. Ed è sempre lavorando su una densa partitura di impasti musicali e inserti visivi dalla forza lancinante, che Isaac Julien ci racconta quello che resta dell’eredità di Jarman in Derek. Quanto alla musica che si suona nel belpaese, un paio di film iperindipendenti inseriti in cartellone fanno ben sperare sulle sorti di un immaginario plurale, contaminato, e attento alle storie che si portano dietro i nuovi italiani: Corazon de mujeres (Panorama), opera del collettivo Kiff Kosoof, stando incollato in un road movie da camera, ai due protagonisti, porta a casa un grumo di verità cui non arriva La terramadre (Forum), dell’esordiente Nello La Marca, nonostante i chiaroscuri espressivi di Tarak Ben Abdallah: il viaggio in patria di una marocchina in cerca di una (letterale) nuova verginità, nel dialogo con il bisessuale estetista che a Casablanca ritrova un figlio negato, porta più lontano dell’irrisolto confronto a distanza tra il ragazzino di Palma di Montechiaro che non vuole emigrare in Germania e l’immigrato tunisino costretto a una fuga senza fine.

Gli altri articoli sul 58. Internationale Filmfestspiele Berlin

L’Aquarium (Genenet al asmak), di Yousry Nasrallah
Ballast, di Lance Hammer
Be Kind Rewind, di Michel Gondry
Cidade dos homens (City of Men), di Paulo Morelli
Derek, di Isaac Julien
Divizionz, di Yes! That’s Us
Dunya & Desie, di Dana Nechushtan
Feuerherz (Heart of Fire), di Luigi Falorni
Jerusalema, di Ralph Ziman
Mafrouza/Coeur, di Emanuelle Demoris
My Brother’s Wedding, di Charles Burnett
Regarde moi, di Audrey Estrougo
Victoire Terminus, Kinshasa, di di Renaud Barret e Florent De La Tullaye
War Child, di Christian Karim Chrobog

Un silenzio rumoroso. Conversazione con Yousry Nasrallah
La nascita di una coscienza. Conversazione con Luigi Falorni

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
lunedì 21 maggio 2018

Cannes 71: premiato Spike Lee

Spike Lee, lanciato nel 1986 proprio dal Festival di Cannes con Lola Darling, si è aggiudicato (...)

mercoledì 18 aprile 2018

Cannes 71: DuVernay e Nin in giuria

Annunciata anche la Giuria ufficiale del prossimo Festival di Cannes (8-19 maggio), presieduta (...)

martedì 17 aprile 2018

Cannes 71: Mohamed Ben Attia alla Quinzaine

Il film tunisino Weldi (Mon cher enfant) di Mohamed Ben Attia sarà presentato in prima mondiale (...)

venerdì 13 aprile 2018

Cannes 71: per i 100 anni di Nelson Mandela

Nelson Mandela avrebbe compiuto 100 anni nel 2018. Tra le anticipazioni del programma del (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha