title_magazine

Zulu Dawn

di Douglas Hickox

Africa, 1879. Il governo londinese invia il governatore sir Henry Bartle Frere a trattare con gli Zulu del capo Cetshwayo che hanno manifestato l’intenzione di vivere indipendenti. Il colonnello Durnford cerca con la sua assennatezza di scongiurare la strage e di proteggere i suoi uomini, ma con intransigenza il Generale Lord Chelmsford ordina alla guarnigione di 480 soldati inglesi del 24° reggimento di aprire il fuoco contro un esercito di 25.000 Zulu forti e determinati a non farsi soggiogare dal nemico.

Gli schemi di combattimento dell’esercito di Sua Maestà sono troppo rigidi per riuscire a fare i conti con l’astuzia di un popolo alla ricerca della propria libertà, e l’esercito inglese, facendo mostra di un atteggiamento tipico delle rappresentazioni della mentalità europea ottocentesca, sottovaluta la forza, l’intelligenza tattica, il vigore e la foga indipendentista dei guerrieri Zulu guidati dal Cetedeve, Re del Natal, dando luogo a quello che si rivelerà il più grande massacro che l’Impero britannico abbia mai subito: la sconfitta di Isandhlwana.

Zulu Dawn, coproduzione americana e olandese di fine anni ‘80, una delle rievocazioni storiche più vivide del massacro che macchiò indelebilmente l’allora prestigio internazionale della più grande potenza coloniale in una delle epoche più buie della cultura occidentale, esce finalmente in dvd. Un kolossal post-litteram, così potremmo definire quest’opera che solcando il terreno di certo cinema americano post-classico che si dice “libero” dall’etnocentrismo in cui sembravano del tutto sprofondati i grandi lavori della tradizione hollywoodiana, mette in scena con profusione di mezzi la grande disfatta che compromise definitivamente la leadership dell’impero coloniale inglese, dando di fatto avvio al processo di de-colonializzazione che culminò nel ‘900, dopo decenni di lotte e di morti, con la conquista della libertà da parte dei paesi del Terzo Mondo.

Zulu Dawn naviga dunque a vele spiegate nell’attualità: gli effetti della foga colonialista del XIX secolo, con il suo etnocentrismo, la sete di sangue e l’ignoranza dei diritti civili manifestata dai popoli occidentali sono ben visibili aprendo i giornali del 2008 e apprendendo delle decine di guerre che ancora insanguinano il Terzo Mondo; o assistendo ai patetici tentativi dell’odierno Occidente di perpetrare, mutatis mutandis, la stessa perversa ideologia.

Ma Zulu Dawn è anche una lussuosa passerella di star che hanno dato voce e corpo ai personaggi del film: uno splendido Burt Lancaster nell’età in cui raggiunse il grande fascino che tutti noi abbiamo amato nei film, tra i tanti, di Luchino Visconti, veste i panni del Colonnello Durnford, l’unico che sembra aver capito che la scelta repressiva sarebbe stato un errore colossale. Tra i ranghi inglesi riconosciamo Peter O’Toole (L’Ultimo Imperatore, Lawrence d’Arabia) nei panni del feroce Generale Chelmsford, Bob Hoskins (Chi ha incastrato Roger Rabbit?, Hook) è il Maggiore Williams, Denholm Elliot (Settembre, Camera con vista) il Colonnello Pulleine. Solo alcuni tra i tanti, grandi nomi che imperlano il cast del film. Zulu Dawn ritorna in dvd in un’edizione molto agile e ad un prezzo davvero molto interessante. Nei contenuti speciali, fruibile naturalmente in lingua originale con dei comodi sottotitoli, i trailers originali del film.

Simone Moraldi

Cast & Credits

Zulu Dawn (id.)
Regia: Douglas Hickox; soggetto: John Prebble, Cy Enfield; sceneggiatura: Anthony Storey, Cy Endfield; fotografia: Ousama Rawi; montaggio: Malcolm Cooke; suono: Don Sharpe; musiche: Elmer Bernstein; interpreti: Burt Lancaster, Peter O’Toole, Simon Ward, Denholm Elliott, Peter Vaughan, James Faulkner, Christopher Cazenove, Bob Hoskins, Phil Daniels; origine: USA/Sudafrica/Olanda, 1979; durata: 110’; produzione: Nate Kohn per Samarcand, Zulu Dfnv, Lamitas; distribuzione homevideo: Mondo Home Entertainment; data di uscita: 5 marzo 2008

DVD nella confezione: 1; supporto: DVD5 singolo strato; regione: 2 (Europa); video: 16:9; audio: Inglese, Italiano (Dolby Digital 2.0); sottotitoli: Italiano; extra: trailers.


Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha