title_magazine

La Trahison

di Philippe Faucon

Una storia senza fine

In una notte del marzo del 1960 nei vicoli stretti di un villaggio nel deserto roccioso del sud dell’Algeria si muovono furtivi degli uomini: ombre in fuga e luci che sembrano lucciole nella notte profonda e silenziosa. Phlippe Faucon ha scelto il buio, il suo mistero e la sua protezione per le prima scene di La Trahison (id., 2005), film tratto dall’omonimo romanzo di Claude Sales (Paris, Le Seuil, 1999), nel quale si segue l’evoluzione dei rapporti nel gruppo di soldati dell’esercito francese stanziati in un piccolo e sperduto villaggio algerino durante la Guerra d’Algeria.

Nel 1958 nasce in Marocco, da madre algerina, Philippe Faucon, nello stesso anno Claude Sales veniva inviato, all’età di 28 anni, in Algeria. La Trahison è il racconto autobiografico dell’esperienza della guerra di Sales che Faucon ha adattato per il grande schermo. Il film, uscito nelle sale francesi nel gennaio del 2006, è stato recentemente programmato su TV5 e su Arte France.

Dopo sei anni di guerra, il luogotenente Roquet è a capo di un gruppo di trenta uomini in un avanposto militare isolato nel deserto con il compito di assicurare la sicurezza ai piccoli villaggi di pastori della zona. Nel suo gruppo ci sono anche quattro soldati algerini, quattro harki, con il compito di fare da interpreti per l’esercito francese. A due anni dalla fine di una guerra che ha lasciato ferite ancora da rimarginare, i sospetti, la paura, le insicurezze, i dubbi s’insinuano e gli amici di ieri possono facilmente trasformarsi in nemici.

Faucon nel 2000 si è imposto nel panorama cinematografico francese e internazionale grazie alla storia della giovane beurette Samia (2000), e nel suo ultimo film per il grande schermo, Dans la vie (2007) raccontava l’amicizia tra un’immigrata algerina musulmana e un’esule algerina ebrea che in Francia s’incontrano grazie all’amore per la terra lontana. Già con La Trahison, Faucon si è avvicinato all’Algeria investendosi di un compito particolarmente arduo. Molti sono stati e continuano ad essere i film dedicati al conflitto franco-algerino. Ma il regista è riuscito, probabilmente anche grazie alla storia circoscritta nello spazio e nel tempo, a restituire un quadro appassionato ma composto ed equilibrato della situazione. Faucon racconta come in meno di 15 giorni il rapporto di fiducia instaurato tra il luogotenente e i suoi soldati algerini entra in crisi. Il dubbio, l’incertezza si sviluppano da entrambe le parti, se Roquet guarda a poco a poco con sospetto i soldati che rappresentano, in quanto traduttori, la sua voce presso la popolazione locale, i quattro giovani iniziano a domandarsi qual è il loro vero posto, il loro compito.

La Trahison ha due punti di forza: i dialoghi e la luce. I dialoghi riescono a essere quasi sempre essenziali e funzionali tranne quando, per necessità di contestualizzazione storica, eccedono in informazioni didascaliche. Faucon gioca sul contrasto tra il giorno e la notte, tra le ombre e l’oscurità, che favorisce l’insidiarsi del dubbio, e la luce che permette di vedere, sentire osservare, razionalizzare. La Trahison è un film dialettico: parlano il giorno e la notte che si passano complici il testimone, ma parlano anche i primi piani intensi sui volti sempre meno sicuri dei protagonisti che si logorano e i piani nei quali si descrive la vita quotidiana di un campo e le sua attività come schedare e fotografare tutti gli abitanti della zona. Questi contrasti sostengono l’insinuarsi del dubbio, portano alla luce la ferocia della guerra che tutto permette e giustifica, violenze e torture, e nel silenzio e nella desolazione del deserto, in un microcosmo che isola e amplifica ogni azione senza mai esagerare o strumentalizzare.

Alice Casalini

Cast & CreditsLa Trahison
Regia: Philippe Faucon; sceneggiatura: Philippe Faucon, Soraya Nini, Claude Sales; fotografia: Laurent Fenart; suono: Benoît Schlosberg; montaggio: Sophie Mandonnet; costumi: Isabelle Blanc, El Boukhari Habbel; interpreti: Vincent Martinez, Ahmed Berrhama, Cyril Troley, Walid Bouzham, Medhi Yacef, Mehdi Idriss, Patrick Descamps, Luc Thuillier; origine: Francia/Belgio, 2005; formato: 35 mm, Dolby Digital, colore; durata: 80’; produzione: Kinok Films, Créations du Dragon, Diba Films; distribuzione: Pyramide Distribution, Les Grands Films Classiques (GFC); scheda del film: www.pyramidefilms.com

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha