title_magazine

Extrema - Al limite della vendetta

di Talia Lugacy

La legge di Maya

Dal 17 marzo, esce direttamente in homevideo, dopo essere stato annunciato in distribuzione theatrical, Extrema – Al limite della vendetta (2007), opera prima di Talia Lugacy, newyorkese doc come la protagonista Rosario Dawson, astro sempre più luminoso della galassia black american, all’ennesima prova accanto alla Lugacy, dopo aver interpretato e prodotto con la sua Trybe Productions il primo corto (Bliss Virus, 2000), e il successivo Little Black Dress (2005). Gli imbarazzi e le incertezze della giovane donna protagonista di quest’ultimo, alle prese con il suo primo party di lavoro, vestita in un vertiginoso miniabito nero, sono le stesse di Maya, brillante laureanda in psicologia alla NYU, ma la sorte ha in serbo per lei un’esperienza ben più traumatica.

Apprezzata dai suoi docenti per il suo talento, Maya si presenta troppo tardi per aver una borsa di assistente ed è costretta ad aspettare un anno. Nella vita affettiva, le cose non le vanno meglio. Seguita a distanza dalla madre, preoccupata per la sua timidezza, Maya stenta a farsi amici e soprattutto a costruirsi un legame affettivo, frenata da una sorta di blocco psicologico nei confronti dell’altro sesso. Quando a una festa viene abbordata dallo sfrontato Jared (Chad Faust), un belloccio giocatore della squadra di football del college, inizialmente reagisce come d’abitudine, poi il savoir faire del giovane e un certo spirito di sfida a superare i propri limiti hanno la meglio. Al secondo appuntamento, Maya lo raggiunge nel suo superattico con vista astrale e si lascia sedurre, per poi ritrarsi, ma Jared non si ferma e la violenta.

Passano i mesi. Laureata, Maya si concede una serata disco e si risveglia ubriaca in casa di un DJ energumeno, Adrian (Marcus Patrick), che la inizia ai piaceri della notte. Inizia così una sorta di doppia vita, che le permette di scoprire e soddisfare energie lungamente represse, trovando una nuova forma d’equilibrio e una sicurezza che le permettono di affermarsi anche in università. Finché un giorno, in aula, non ritrova Jared. Superate le paure iniziali, architetta un piano per vendicarsi del suo stupratore, applicando la legge del contrappasso.

Girato in parallelo con Grindhouse (2007), Descent, così il titolo originale, è un feminist revenge drama dalla grana grossa, ma che poco ha da spartire con i furori ludici e cinefili dell’episodio tarantiniano, con cui peraltro condivide, oltre alla presenza centrale della Dawson, anche Vanessa Ferlito, qui in un cameo. Lo script, calibrato sul punto di vista di Maya, è scandito dal passaggio fra le stagioni in tre atti (lo stupro, l’iniziazione, la vendetta), e appesantito da passaggi dialogici sentenziosi e letterari. La scrittura filmica si limita perlopiù a impaginare le performance degli interpreti, ma la sua presenza magnetica non basta a rendere memorabile l’interpretazione della Dawson, alle prese con un ruolo meno articolato e complesso di quanto era lecito aspettarsi. Interessanti un paio di sequenze di montaggio nel capitolo centrale, girate in locali notturni e costruiti intorno a uno score ipnotico e a movimenti sinuosi della cinepresa.

Quanto alla prospettiva femminista, posta una corretta – ma peraltro scontata – misura nel racconto dell’episodio dello stupro, lascia perplessi l’imperfetta simmetria dell’epilogo, che pure, volutamente, non redime né consola: Miss Vendetta, oltre a farsi giustizia da sé, sfruttando la vanità dello stupratore, finisce per coinvolgere un non meno inquietante Adrian, così che la punizione si trasforma in un feroce rituale di punizione tutto declinato al maschile.
L’edizione homevideo è piuttosto spartana, comprendendo solo il trailer e una gallery fotografica.

Leonardo De Franceschi

Cast & CreditsExtrema - Al limite della vendetta (Descent)
Regia: Tania Lugacy; sceneggiatura: Tania Legacy, Brian Priest; fotografia: Jonathan Furmanski, Christopher LaVasseur; montaggio: Frank Reynolds; suono: Eric Offin; musica: Alex Moulton; origine: USA, 2007; durata: 100’; produzione: Rosario Dawson, Morris S. Levy, Tania Lugacy per Trybe Films; distribuzione homevideo: Medusa Home Entertainment; data di uscita: 17 marzo 2009; sito ufficiale: descent-movie.com; scheda del film: medusahe.it
DVD nella confezione: 1; supporto: DVD9 – singolo lato doppio strato; regione: 2; formato video: widescreen; formato audio: Dolby Digital 5.1; tracce audio: Inglese (originale), italiano; sottotitoli: italiano, italiano per i non udenti; contenuti extra: trailer, gallery fotografica.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha