title_magazine

La casa sulle nuvole

di Claudio Giovannesi

Tre passi nel deserto

Seguire le orme nel deserto per cercare di trovare qualcuno sembra un’impresa impossibile, un tentativo senza senso, a volte però è dalla ricerca, dalla volontà d’indagare e vedere con i propri occhi la realtà che nasce la possibilità dell’incontro con l’altro. Proprio questa esperienza di ricerca segna l’esistenza di Michele, Lorenzo e Dario, i tre protagonisti de La casa sulle nuvole (2008), lungometraggio d’esordio del giovane regista romano Claudio Giovannesi, figlio del Centro Sperimentale di Cinematografia.

Michele e Lorenzo sono due fratelli che vivono soli in una casa alle porte di Roma. Il padre li ha lasciati ormai da dodici anni, senza lasciare traccia, scomparso. Michele alleva i cani e Lorenzo suona e sta per partire alla volta di New York per realizzare il suo sogno. Un giorno i due fratelli scoprono che la casa è stata venduta dal legittimo proprietario, Dario Raggi, loro padre, a un uomo che vive a Marrakech e partono alla ricerca del padre per cercare di convincerlo a cambiare idea.

Il soggetto del film porta alla mente immediatamente Marrakech Express (1989) di Gabriele Salvatores e il recente Last Minute Marocco (2007) di Francesco Falaschi poiché intreccia la struttura del romanzo di formazione al tema degli italiani in fuga all’estero per lasciarsi alle spalle un paese nel quale faticano a riconoscersi e che li ha delusi. Per fortuna Giovannesi si distingue da entrambi i film citati: La casa sulle nuvole si presenta come un originale intreccio di temi, dall’incontro culturale e la scoperta dell’altro, tema già affrontato dal regista nel mediometraggio Welcome Bucarest (2008), alle difficili dinamiche familiari, ma il film compie soprattutto un passo decisivo prendendo nettamente le distanza da una visione esotica del Marocco.

Giovannesi mantiene uno sguardo onesto ed equilibrato nel mostrare la realtà complessa del paese maghrebino nel quale ha trascorso molto tempo, documentando e incontrando gli italiani che ci vivono, intervistandoli per un progetto che è diventato un documentario, Appunti per un film in Marocco. Una ricerca che mostra i suoi frutti sin dalla prima scena ambientata in Marocco: l’incontro sul pullman tra i due fratelli e il giovane Rachid che lavora in Italia in una fabbrica tessile e che ascolta musica rap araba a tutto volume. La musica è elemento fondante del film, curata dallo stesso regista che è anche musicista e che lavora per una commistione tra i ritmi del jazz, le sonorità tradizionali marocchine e quelle moderne, del rap e del pop e dei video che guardano tutti i giovani marocchini, a casa come nei fastfood dei centri commerciali dove si ritrovano.

L’anima contraddittoria e complessa del Marocco emerge in poche significative sequenze che basterebbero da sole a definire il quadro nel quale si svolge l’azione. Il film non si concentra sula ricerca del padre che i due ragazzi incontrano già durante il loro primo giorno a Marrakech, La casa sulle nuvole si concentra infatti sulla lenta scoperta dei personaggi che imparano a conoscersi straniati da una realtà diversa e distante dalla loro. La casa sulle nuvole pecca di ridondanza, di qualche ingenuità nei dialoghi nel tentativo di non tralasciare elementi fondamentali finisce a volte per esagerare, per dire e mostrare elementi non proprio necessari. Giovannesi si distingue per uno stile basato sui contrasti come la mongolfiera che spunta lentamente da dietro una duna nel mezzo del deserto assolato, altra idea folle di Dario Raggi e la prima sequenza nella discoteca dove, in un ambiente squallido peno di stranieri in cerca di amori esotici, emergono le differenze e i caratteri dei tre protagonisti interpretati da Adriano Giannini, Emanuele Bosi, Emilio Bonucci.

La casa sulle nuvole, dall’8 maggio nelle sale italiane, si presenta come un esordio interessante e ricco di spunti di riflessione di un giovane regista che proverà a lottare e resistere tra Fast and Furious e X Men - Le origini: Wolverine.

Alice Casalini

Cast & CreditsLa casa sulle nuvole
Regia: Claudio Giovannesi; sceneggiatura: Claudio Giovannesi, Francesco Apice, Matteo Berdini, Filippo Gravino; fotografia: Tommaso Borgstrom; suono: Valentino Giannì; montaggio: Giuseppe Trepiccione; musiche originali: Claudio Giovannesi ed Enrico Melozzi, Edizioni Warner Chappell Music Italiana s.r.l.; scenografia: Alessandro Vannucci; costumi: Gianni Addante; interpreti: Adriano Giannini, Emanuele Bosi, Emilio Bonucci, Faten Ben Haj Hassen, Paolo Sassanelli, Ninni Bruschetta; origine: Italia, 2009; formato: 35 mm, 1.85, Dolby Srd; durata: 96’; produzione: Shooting Stars, Istituto Luce, Centro Sperimentale di Cinematografia, in collaborazione con Rai Cinema; distribuzione: Istituto Luce; sito ufficiale: lacasasullenuvole.it

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha