title_magazine

Rachel sta per sposarsi

di Jonathan Demme

La giovane Kym esce dal centro di riabilitazione per partecipare al matrimonio della sorella Rachel. L’arrivo di Kym, tossicomane e alcolizzata che persegue il faticoso cammino per disintossicarsi, sconvolge i preparativi delle nozze. Questo è il soggetto di Rachel Getting Married (Rachel sta per sposarsi, 2008) scritto da Jenny Lumet, figlia del regista Sydney Lumet, e diretto da Jonathan Demme. Il film presentato all’ultima Mostra Cinematografica di Venezia, uscito in sala nel novembre 2008, è ora disponibile nella versione homevideo edita dalla Sony Pictures Home Entertainement.

Il regista di The Silence of the Lambs (Il silenzio degli innocenti, 1991) che negli ultimi anni si è dedicato ai documentari, The Manchurian Candidate (id., 2004), The Agronomist (id., 2003) e Jimmy Carter: Man from Plains (2007) catturato dalla sceneggiatura di Jenny Lumet torna a dirigere un film di finzione: Rachel sta per sposarsi restituisce, attraverso la preparazione di un matrimonio multietnico che si presenta come un vero e proprio melting pot culturale, il quadro dei rapporti complessi e burrascosi di una famiglia della borghesia americana. Kym è la chiave d’accesso in questo mondo: il suo carattere forte, i suoi atteggiamenti aggressivi dovuti alle paure, alle insicurezze affettive e a un dramma con il quale tutta la famiglia dovrà fare i conti per sempre, rendono quello che sarebbe dovuto essere un week-end di festeggiamenti, un cumulo di tensioni, liti, rancori e dolori che non sono mai stati assopiti né profondamente affrontati.

Demme gira Rachel sta per sposarsi con uno stile ibrido, tra documentario e finzione: camera a mano e musica rigorosamente dal vivo, luci naturali e dialoghi serrati, spietati ma carichi di una disarmate umanità. Il film, a basso costo per gli standard delle megaproduzioni hollywoodiane, è stato girato in 33 settimane con scene per le quali è bastato un solo ciak, frutto questo di una perfetta fusione tra un riuscito gruppo di attori tra i quali Anne Hathaway e Rosmarie DeWitt, nei rispettivi ruoli di Kym e Rachel, e di Bill Irwin e Debra Winger nei ruoli dei genitori delle due ragazze. Il metodo di lavoro e le scelte stilistiche sono al centro della ricca sezione dei contenuti extra dell’edizione homevideo che non è limitata all’aggiunta delle scene tagliate e il trailer originale: le due sezioni chiamate genericamente Commenti Vari e Filmati vari contengono strumenti utili per entrare nell’atmosfera del film, per comprendere come è stato girato e il lavoro con gli attori.

Nella sezione commenti vari è possibile rivedere tutto il film con il commento a tre della sceneggiatrice, del montatore e della produttrice (Commento del produttore Nadia Arman, della sceneggiatrice Jenny Lumet, del montatore Tim Squyres) che intrecciano in un dialogo animato e divertente i loro rispettivi punti di vista sul film, raccontando aneddoti e svelando alcuni dietro le quinte. Molto più introverso, più intimo e personale è il commento dell’attrice Rosmarie DeWitt (Commento dell’attrice Rosmarie DeWitt) che si concentra ovviamente di più sul lavoro dell’attrice e degli attori con il regista. Demme vuole creare situazioni nelle quali gli attori si sentano liberi di agire e si scopre così che non ha voluto comparse che da contratto non possono parlare proprio per permettere a chi partecipava alle riprese d’inserirsi e interagire.

Nella sezione chiamata filmati vari ci si concentra soprattutto sul ruolo della musica sempre presente, sempre suonata dal vivo mentre in altre stanze si giravano scene delle quali i musicisti erano per lo più all’oscuro. Nelle interviste a Demme e agli attori per svelare i dietro le quinte si scoprono molte curiosità, come i vari interventi della cena pre-matrimoniale, dove solo alcuni dei discorsi erano scritti e previsti. Allo stesso modo nell’incontro del regista e di alcuni membri della troupe al Jacobs Burns Center Pleasantville New York, avvenuto qualche giorno dopo la presentazione a Venezia, si svelano alcuni particolari, legati anche alla produzione, che permettono di entrare nello spirito del gruppo creato da Demme: più volte si trova l’aneddoto su Anne Hathaway che zittisce, stravolgendo il copione, i musicisti che secondo il regista devono suonare sempre durante il film.
Una vera maratona d’interviste, commenti, aneddoti, curiosità che permettono però di comprendere a fondo il progetto di Jenny Lumet e la visione di Jonathan Demme di Rachel sta per sposarsi.

Alice Casalini

Cast & CreditsRachel sta per sposarsi (Rachel Getting Married)
Regia: Jonathan Demme; sceneggiatura: Jenny Lumet; fotografia: Declan Quinn; musica: Zefer Tawil, Donald Harrison Jr.; montaggio: Tim Squyres; scenografia: Ford Wheeler; costumi: Susan Lyall; interpreti: Anne Hathaway, Rosmarie DeWitt, Mather Zickel, Bill Irwin, Anna Deavere, Anisa George, Tunde Adebimpe, Debra Winger, Jerome LePage, Beau Sia, Dorian Missick, Kyrah Julian, Carol Jean Lewis, Herreast Harrison, Gonzales Joseph, Paul Lazar, Donald Harrison Jr., Robert W. Castle, Fab 5 Freddy; origine: USA, 2008; formato: 35 mm, 1.85, Dolby Srd; durata: 116’; produzione: Clinica Estetico, Marc Platt Productions; distribuzione: Sony Pictures Releasing Italia; sito ufficiale: http://www.sonyclassics.com/rachelgettingmarried
DVD nella confezione: 1; supporto: DVD9 – singolo lato doppio strato; regione: 2; formato video: 1:85.1 Panoramico – anamorfico 16:9; formato audio: Dolby Digital; tracce audio: Inglese (originale), Italiano (5.1), spagnolo; lingue sottotitoli: Italiano, inglese per non udenti, danese, finlandese, hindi, italiano, norvegese, olandese, portoghese, spagnolo, svedese; contenuti extra: Commenti vari – commento del produttore Nadia Arman, della sceneggiatrice Jenny Lumet, del montatore Tim Squyres – commento dell’attrice Rosmarie DeWitt, Filmati vari – Il gruppo musicale della cerimonia – Uno sguardo dietro le quinte di Rachel sta per sposarsi – Domande & Risposte: cast e cineasti al Jacobs Burns Center Pleasantville New York – scene tagliate – trailer cinematografico; data uscita: 28/04/2009

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha