title_magazine

Cadillac Records

di Darnell Martin

Back to Black Music

Anni Cinquanta, Stato dell’Illinois: in pieno clima di violenze razziali, i neri sono normalmente chiamati niggers dai cittadini bianchi e persino dai poliziotti che non esitano a stuzzicarli e malmenarli se non sono foraggiati con dollari contanti. Addirittura gli spettatori dei concerti erano divisi tra bianchi e neri… In questa pesante atmosfera comincia a muovere i primi passi la musica Blues, con interpreti del calibro di Muddy Waters, Bo Diddley, Sonny Boy Williamson, Willie Dixon, Howlin’ Wolf, John Lee Hooker, B.B. King.


Film al cinema de Filmtrailer.com

Cadillac Records (id., Darnell Martin, 2009) comincia con l’incontro tra Leonard Chess (Adrien Brody, premio Oscar per Il pianista di Roman Polanski) e Muddy “Mississippi” Waters (Jeffrey Wright, The Manchurian Candidate, Broken Flowers, Syriana). Chess dopo alterne fortune con un locale notturno, che alla fine viene dato alle fiamme, si accorge delle potenzialità musicali di Muddy, passato dai cori nelle piantagioni a strimpellare con una chitarra amplificata nelle vie di Chicago. Nasce così la Chess Records, un’importante etichetta discografica che segna un’epoca portando al successo i più famosi artisti Soul e R&B. Gli affari vanno sempre meglio, i dischi degli artisti della Chess scalano agevolmente le classifiche, grazie anche all’aiuto dei dj radiofonici che dietro laute mance non esitano a spingere le canzoni richieste. I due amici, scherniti dalla forze dell’ordine - all’epoca non erano ben visti insieme due persone con colore di pelle diversa - viaggiano per il sud degli Stati Uniti a bordo di sfavillanti Cadillac, le auto da sogno dell’epoca, cambiando modello e colore ad ogni nuovo 45 giri venduto.

Sono tanti i mostri sacri della musica black che incontriamo: il rapper ed attore Mos Def (Be Kind Rewind - Gli acchiappafilm) emula perfettamente il famoso passo d’anatra di Chuck Berry, Cedric the Entertainer (La bottega del barbiere, The Original Kings of Comedy, Talk to Me) veste i panni dell’autore Willie Dixon, mentre lo scorbutico Howlin’Wolf è interpretato da Eammon Walker. La protagonista femminile, Etta James, ha le sembianze di Beyoncé Knowles, che con forme più rotonde - sembra sia ingrassata di dieci chili per calarsi meglio nel ruolo - interpreta bene la grande vocalist, dal carattere violento e dedita all’eroina. L’attuale regina del R&B e dell’ hip hop non è nuova a queste prove cinematografiche e bissa il successo ottenuto dando voce e volto a Deena, ipotetica cantante soul degli anni Sessanta, in Dreamgirls (2006), dove recita accanto ad Eddy Murphy. Beyoncé prima di cominciare le riprese del film ha frequentato la Phoenix House, centro di disintossicazione di New York, per conoscere i tossicodipendenti e la loro mentalità, ed alla fine ha voluto devolvere il suo ricco compenso alle organizzazioni per il recupero delle persone dedite alla droga. Sulle pagine del Giant Magazine ha detto: «Ho voluto restituire ciò che mi è stato dato».

La regista è Darnell Martin, che dopo un inizio come aiuto cameraman in Fa la cosa giusta di Spike Lee (1989), debutta alla regia con il film Così mi piace (1994), diventando la prima afroamericana donna a lavorare per una major. Ottima la ricostruzione dell’atmosfera anni Cinquanta con vestiti eleganti, pettinature cotonate ed auto sgargianti, ma l’anima vera e propria di Cadillac Records non può prescindere assolutamente dalla musica, onnipresente in ogni scena. Ben raccontata l’evoluzione del Blues: prima Country-Rural, poi Urban, fino al più veloce Rhythm’n Blues. Chi scrive non ha potuto fare a meno di apprezzare le famose hit dell’epoca ben reinterpretate da Beyoncé, (“At Last”, “Once In A Lifetime”), Mos Def (“Nadine”) e Jeffrey Wright (l’apripista “I’m A Man”, “I’m Your Hoochie Coochie Man”).
Uscito negli Stati Uniti il 5 dicembre, potrete vederlo (e sentirlo…) nelle sale italiane a partire dal 29 maggio.

Giorgio Sgarbi

Cast & CreditsCadillac Records (id.)
Regia: Darnell Martin; sceneggiatura: Darnell Martin; fotografia: Anastas N. Michos; montaggio: Peter C. Frank; musica: Terence Blanchard; scenografia: Linda Burton; costumi: Johnetta Boone; interpreti: Adrien Bodry, Jeffrey Wright, Beyoncé Knowles, Cedric the Entertainer, Gabrielle Union, Columbus Short, Emmanuelle Chriqui, Mos Def, Eric Bogosian, Marc Bonan, Natasha Ononogbo; origine: USA, 2009; formato: 35 mm, 1:2.35; durata: 109’; produzione: Andrew Lack e Sofia Sondervan per Parkwood Pictures, Sony Music; distribuzione: Sony Pictures Releasing Italia; data uscita Italia: 29 maggio 2009; sito ufficiale: cadillacrecordsmovie.com.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha