title_magazine

Off and Running

di Nicole Opper

L’insolito mondo di Avery

Essere, crescere e comportarsi come un’ebrea bianca di Brooklyn ma avere la pelle nera, questo è l’insolito e complesso intreccio d’identità che la giovane Avery si trova a vivere ed affrontare e che Nicole Opper ha raccontato nel suo documentario Off and Running (id., 2009), presentato in anteprima mondiale all’ultimo Tribeca Film Festival. La regista e la giovane protagonista del film sono state ospitate a Roma in occasione della presentazione di Off and Running durante la seconda edizione del Senza Frontiere Film Festival (Without Borders Film Festival, www.withoutbordersfilm.org) che si è svolta dal 1 al 3 luglio alla Casa del Cinema.

Avery nasce nel 1990, la madre naturale l’affida ad un’agenzia che si occupa di adozione e la piccola cresce in una famiglia insolita e particolare, composta da una coppia di donne ebree lesbiche di Brooklyn e dai loro due figli entrambi adottati. Avery è campionessa di atletica, fa parte della squadra del suo Liceo, l’Erasmus, frequentato per la maggior parte da studenti afroamericani. La ricerca dell’identità tipica della fase adolescenziale per Avery è complicata da due fattori: il desiderio di conoscere la madre naturale e quello di scoprire le sue radici afroamericane. Una crisi che la porta ad allontanarsi dalla famiglia e dalla scuola e che è aggravata dalla partenza per il college del fratello maggiore, al quale è molto legata.

La Opper ha seguito Avery per tre anni: è entrata nella sua famiglia riuscendo a conquistare la fiducia di tutti i membri in modo tale da rendere ogni incontro, ogni discussione e ogni intervista naturale, emotivamente coinvolgente, senza mai manipolare i momenti più forti e drammatici. La regista ha seguito Avery e la sua famiglia affiancata sempre e solo dal direttore della fotografia che è riuscito a sua volta a essere discreto, sfruttando in modo deciso ed efficace la luce naturale, senza alterare l’ambiente e senza interferire nelle scene. Sulla fiducia reciproca si basa tutto il film dal quale si percepisce il rispetto, la stima e la conoscenza profonda che hanno permesso di realizzare un’operazione così delicata senza cadere nella trappola della strumentalizzazione di scene, persone e temi.

La Opper ha conosciuto Avery nella scuola ebraica dove era andata per un laboratorio cinematografico. Avery aveva dieci anni e si dimostrò subito entusiasta ed è stata dunque, come ha dichiarato la regista, la sua prima allieva di cinema. Solo qualche anno dopo, con il tempo e la conoscenza, la Opper e Avery Klein-Cloud hanno sviluppato l’idea per Off and Running, soprattutto perché alla Opper interessava lavorare sul tema delle adozioni.

La protagonista del film è senza dubbio Avery, ma attraverso la sua storia si affrontano tre diversi temi sociali di fondamentale importanza: l’adozione, la ricerca dell’identità culturale e il riconoscimento delle coppie omosessuali. Off and Running ha una sceneggiatura equilibrata e omogenea: ci presenta la famiglia di Avery serena e felice mentre festeggia l’Hanukkah ma l’equilibrio raggiunto nel tempo dalla famiglia Klein-Cloud viene messo in crisi dal bisogni di Avery di cercare la sua madre naturale e di scoprire le sue radici afroamericane. Questa crisi ha investito anche la Opper che ha sofferto e si è trovata in difficoltà nel momento in cui Avery è quasi scomparsa. Una soluzione alla crisi della ragazza - per quanto precaria, provvisoria e in fieri - ci accompagna infine alla conclusione del documentario.

Off and Running è un documentario commovente, duro e a tratti fin troppo diretto, mette a nudo persone e fatti, arriva nel cuore dei problemi e ne mostra tutte le contraddizioni eppure in tempi di sospetti, paure e crisi come questi che viviamo porta sullo schermo una storia d’amore sofferto, voluto e costruito nonostante pregiudizi e difficoltà.

Alice Casalini | 2. Senza Frontiere Film Festival

Cast & CreditsOff and Running
Regia: Nicole Opper; sceneggiatura: Nicole Opper, Avery Klein-Cloud; fotografia: Jacob Okada; musiche: Daniel Bernard Roumain; montaggio: Cheree Dillon Music; origine: Usa, 2009; formato: video, colore; durata: 78’; produzione: Sharese Bullock, Nicole Opper; sito ufficiale: http://offandrunningthefilm.com/

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha