title_magazine

Off and Running

di Nicole Opper

L’insolito mondo di Avery

Essere, crescere e comportarsi come un’ebrea bianca di Brooklyn ma avere la pelle nera, questo è l’insolito e complesso intreccio d’identità che la giovane Avery si trova a vivere ed affrontare e che Nicole Opper ha raccontato nel suo documentario Off and Running (id., 2009), presentato in anteprima mondiale all’ultimo Tribeca Film Festival. La regista e la giovane protagonista del film sono state ospitate a Roma in occasione della presentazione di Off and Running durante la seconda edizione del Senza Frontiere Film Festival (Without Borders Film Festival, www.withoutbordersfilm.org) che si è svolta dal 1 al 3 luglio alla Casa del Cinema.

Avery nasce nel 1990, la madre naturale l’affida ad un’agenzia che si occupa di adozione e la piccola cresce in una famiglia insolita e particolare, composta da una coppia di donne ebree lesbiche di Brooklyn e dai loro due figli entrambi adottati. Avery è campionessa di atletica, fa parte della squadra del suo Liceo, l’Erasmus, frequentato per la maggior parte da studenti afroamericani. La ricerca dell’identità tipica della fase adolescenziale per Avery è complicata da due fattori: il desiderio di conoscere la madre naturale e quello di scoprire le sue radici afroamericane. Una crisi che la porta ad allontanarsi dalla famiglia e dalla scuola e che è aggravata dalla partenza per il college del fratello maggiore, al quale è molto legata.

La Opper ha seguito Avery per tre anni: è entrata nella sua famiglia riuscendo a conquistare la fiducia di tutti i membri in modo tale da rendere ogni incontro, ogni discussione e ogni intervista naturale, emotivamente coinvolgente, senza mai manipolare i momenti più forti e drammatici. La regista ha seguito Avery e la sua famiglia affiancata sempre e solo dal direttore della fotografia che è riuscito a sua volta a essere discreto, sfruttando in modo deciso ed efficace la luce naturale, senza alterare l’ambiente e senza interferire nelle scene. Sulla fiducia reciproca si basa tutto il film dal quale si percepisce il rispetto, la stima e la conoscenza profonda che hanno permesso di realizzare un’operazione così delicata senza cadere nella trappola della strumentalizzazione di scene, persone e temi.

La Opper ha conosciuto Avery nella scuola ebraica dove era andata per un laboratorio cinematografico. Avery aveva dieci anni e si dimostrò subito entusiasta ed è stata dunque, come ha dichiarato la regista, la sua prima allieva di cinema. Solo qualche anno dopo, con il tempo e la conoscenza, la Opper e Avery Klein-Cloud hanno sviluppato l’idea per Off and Running, soprattutto perché alla Opper interessava lavorare sul tema delle adozioni.

La protagonista del film è senza dubbio Avery, ma attraverso la sua storia si affrontano tre diversi temi sociali di fondamentale importanza: l’adozione, la ricerca dell’identità culturale e il riconoscimento delle coppie omosessuali. Off and Running ha una sceneggiatura equilibrata e omogenea: ci presenta la famiglia di Avery serena e felice mentre festeggia l’Hanukkah ma l’equilibrio raggiunto nel tempo dalla famiglia Klein-Cloud viene messo in crisi dal bisogni di Avery di cercare la sua madre naturale e di scoprire le sue radici afroamericane. Questa crisi ha investito anche la Opper che ha sofferto e si è trovata in difficoltà nel momento in cui Avery è quasi scomparsa. Una soluzione alla crisi della ragazza - per quanto precaria, provvisoria e in fieri - ci accompagna infine alla conclusione del documentario.

Off and Running è un documentario commovente, duro e a tratti fin troppo diretto, mette a nudo persone e fatti, arriva nel cuore dei problemi e ne mostra tutte le contraddizioni eppure in tempi di sospetti, paure e crisi come questi che viviamo porta sullo schermo una storia d’amore sofferto, voluto e costruito nonostante pregiudizi e difficoltà.

Alice Casalini | 2. Senza Frontiere Film Festival

Cast & CreditsOff and Running
Regia: Nicole Opper; sceneggiatura: Nicole Opper, Avery Klein-Cloud; fotografia: Jacob Okada; musiche: Daniel Bernard Roumain; montaggio: Cheree Dillon Music; origine: Usa, 2009; formato: video, colore; durata: 78’; produzione: Sharese Bullock, Nicole Opper; sito ufficiale: http://offandrunningthefilm.com/

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
lunedì 21 maggio 2018

Cannes 71: premiato Spike Lee

Spike Lee, lanciato nel 1986 proprio dal Festival di Cannes con Lola Darling, si è aggiudicato (...)

mercoledì 18 aprile 2018

Cannes 71: DuVernay e Nin in giuria

Annunciata anche la Giuria ufficiale del prossimo Festival di Cannes (8-19 maggio), presieduta (...)

martedì 17 aprile 2018

Cannes 71: Mohamed Ben Attia alla Quinzaine

Il film tunisino Weldi (Mon cher enfant) di Mohamed Ben Attia sarà presentato in prima mondiale (...)

venerdì 13 aprile 2018

Cannes 71: per i 100 anni di Nelson Mandela

Nelson Mandela avrebbe compiuto 100 anni nel 2018. Tra le anticipazioni del programma del (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha