title_magazine

Teza

di Haile Gerima

Uscito il 27 marzo nelle sale (vedi lo speciale), dal 1° dicembre l’ultimo capolavoro di Haile Gerima è disponibile finalmente anche in homevideo. Ancora una volta, grazie a Ripley’s Film, coraggiosa etichetta di frontiera, si tratta di un’anteprima mondiale, nel senso che si tratta della prima edizione in DVD messa sul mercato. Una scelta importante, che rappresenta un’occasione da non perdere per riscoprire e acquisire alla propria cineteca domestica uno dei film-faro del cinema africano contemporaneo.

Premiato in tutti i continenti, Teza (id., 2008) racconta la parabola, personale e generazionale al contempo, di un biologo etiope, Anberber, che si forma in Germania, coltivando il progetto di contribuire, con il proprio sapere, alla rinascita spirituale e politica del paese, dopo la deposizione di Haile Selassié. Ma quello che trova in Etiopia, quando torna alla metà degli anni ’70 e agli inizi dei ’90, è un paese lacerato, schiacciato da millenni di feudalesimo, in cui le élite continuano a combattersi usando ragazzi e contadini come carne da cannone. Eppure, è con questa realtà che Anberber dovrà imparare a fare i conti, e con la propria debolezza, che è quella di chi sa comunque che verrà una generazione in grado di assumersi le proprie responsabilità. E che forse è già nata, e in marcia.

Scritto, prodotto, girato e montato dall’etiope-americano Gerima, Teza rappresenta probabilmente il vertice massimo della sua parabola espressiva, ed ha il fascino inconfondibile dei film-laboratorio – dei film che, cioè, si presentano come saggi di un’idea di cinema e di un metodo di lavoro unici e riconoscibili – senza rinunciare in nulla alla forza espressiva e all’efficacia comunicativa. In questo senso, fondamentale, dopo la distribuzione in sala, sarà, per chi l’avesse visto in italiano, riscoprirlo nella versione originale: Teza deve la sua energia emozionale anche a un impasto linguistico frammisto di amarico, tedesco e inglese che, unitamente alle musiche, scelte con la consueta, meticolosa attenzione da Gerima, compone una partitura armonica magica e sofisticata.

L’intervista compresa nell’edizione RHV, curata da Giancarlo Mancini e lunga circa venti minuti, ci permette una volta di più di entrare nell’officina di Gerima, scoprendo quelle che sono le motivazioni personali all’origine del progetto, la sua lettura impietosa di quelle che sono state le colpe di un’intera generazione cui appartiene («L’élite degli anni ’70 non contemplava il cambiamento al suo interno. Molti leader etiopi e africani non hanno mai affrontato una metamorfosi personale. Erano convinti di conoscere la verità e volevano cambiare il mondo. Per me, è stato questo a creare il caos»), le sfumature poetiche complesse del titolo, ma anche di cogliere il senso della sua pratica – anti-dogmatica, maieutica, orizzontale – di insegnamento, un’esperienza che gli permette di condividere la sua esperienza di filmmaker totale, facendo i conti con i propri fantasmi. «Chi trarrà beneficio dalla mia passione?»: si chiede infatti ancora un’Haile/Anberber che non ha mai smesso di mettersi in discussione, né ha rinunciato a vivere con un piede in Africa e uno in Occidente.

Leonardo De Franceschi

Cast & CreditsTeza (id.)
Regia: Haile Gerima; sceneggiatura: Haile Gerima; fotografia: Mario Masini; montaggio: Halile Gerima, Loren Hankin; scenografia: Patrick Dechesne, Alain-Pascal Housiaux, Seyum Ayana; musiche: Vijay Iyer, Jorga Mesfin; interpreti: Aaron Arefe, Abeye Tedla, Takelech Beyene; origine: Etiopia/Germania/Francia, 2008; formato: 35 mm, 1:1,85; durata: 140’; produzione: Haile Gerima e Karl Baumgartner per Pandora Film Produktion, Negod-gwad Production, Unlimited, Westdeutscher Rundfunk; produzione homevideo: Ripley’s Film; distribuzione homevideo: Cecchi Gori Home Video.
DVD nella confezione: 1; supporto: DVD9 – singola faccia doppio strato; regione: 2; formato video: 1:1.85 (16/9); formati audio: Italiano (5.1), Originale (Amarico/tedesco/inglese, 5.1); lingue sottotitoli: Italiano, Italiano per non udenti; contenuti extra: trailer cinematografico, spot tv 15", spot tv 30", intervista ad Haile Gerima.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha