title_magazine

La première étoile

di Lucien Jean-Baptiste

La montagna

Un padre, tre figli e una nonna di origini creole si confrontano nell’insolita cornice delle Alpi francesi con il tema complesso della differenza: questa la situazione che si crea nella commedia La première étoile (La prima stella, 2009) diretto da Lucien Jean-Baptiste, attore originario della Martinica, che firma il suo primo film come regista e sceneggiatore. Dopo aver interpretato molti ruoli diversi per il cinema e per la televisione (De l’amour, 2001, di Jean-François Richet; Les oiseaux du ciel/Après l’océan, 2005, di Eliane de Latour) Jean-Baptiste si è confrontato con una commedia e si è messo in gioco su un terreno difficile perché si è confrontato con temi delicati come il métissage culturale in un film pensato e costruito per il grande pubblico.


bande annonce par Filmtrailer.com

Jean Gabriel è sposto con Suzy e hanno tre figli. Jean passa da un lavoretto a un altro e trascorre il suo tempo al bar dove ogni tanto mette alla prova la fortuna scommettendo sulle corse dei cavalli. Un giorno, per far piacere a sua figlia, Jean promette di portarli in vacanza sulla neve ma Suzy che non sopporta più le promesse non mantenute e i comportamenti infantili del marito gli dice che se non manterrà la promessa lo lascerà. Inizia per Jean Gabriel un periodo nel quale dovrà dar prova di maturità e nel quale accadranno una serie di rocambolesche disavventure.

Le vacanze sulla neve di Jean Gabriel e della sua famiglia diventano il pretesto per l’esplosione di vecchie dinamiche familiari e per una serie di gag comiche allo stesso tempo. La forza de La première étoile sta sicuramente nella scelta del soggetto e nella scrittura, più che nella regia corretta ma priva di spunti originali. La sceneggiatura è rigorosa e i dialoghi mantengono il giusto equilibrio tra l’ironia e una seria riflessione sul razzismo. La coppia mista di Jean Gabriel e Suzy fa parte ormai del tessuto della società francese ma allo stesso tempo si vivono ancora discriminazioni e pregiudizi che Jean-Baptiste sceglie di raccontare senza scene shock, elementi violenti, ma piuttosto con dolcezza e mettendo in gioco la sua personale esperienza. Il dialogo tra Jean Gabriel e la figlia davanti allo specchio mentre si lavano i denti, riassume la riflessione dolce e delicata sul razzismo: la piccola discute con il padre sul fatto che sarebbe meglio se fosse bianca e alle rassicurazioni del padre risponde «Allora perché tu hai sposato la mamma»?

La première étoile colpisce nel segno riscendo a unire l’ironia adatta a un pubblico vasto senza però cadere nella trappola del luogo comune che svilirebbe il tema di fondo del film. In questo contesto s’inserisce anche la canzone nazional-popolare che fa da filo conduttore alla storia di Jean Gabriel e della sua famiglia, La Montagne di Jean Ferrat, omaggio alla Francia contadina che ha vissuto l’allontanamento dai paesi e che nel film viene utilizzata come metafora per la nostalgia e la sofferenza degli immigrati: «ils quittent un à un le pays, pour s’en aller gagner leur vie, Loin de la terre où ils sont nés» («lasciano uno ad uno il paese per andare a guadagnarsi da vivere, lontano dalla terra dove sono nati…»).
La première étoile di Lucien Jean-Baptiste è uscito nelle sale francesi a marzo del 2009 e in Germania a fine anno mentre non è ancora prevista l’uscita in Italia per ora e forse non sarebbe una commedia facile da presentare e comprendere in un paese dove s’inizia da poco a riflettere nel cinema sul métissage, eppure nel testo de La Montagne si riconoscerebbero in molti.

Alice Casalini

Cast & CreditsLa première étoile
Regia: Lucien Jean-Baptiste; sceneggiatura: Lucien Jean-Baptiste, Marie-Castille Mention-Schaar; fotografia: Myriam Vinocour; suono: Dominique Levert, Sylvain Lasseur; montaggio: Hachdé; scenografia: Hérald Najar; costumi: Laurence Benoît; interpreti: Jacques Frantz, Edouard Montoute, Cyril Couton, Marie Parouty, Yannig Samot, Monique Mauclair, Clémence Lassalas, Baldo Gueye, Denis Maréchal, Marie-Thérèse Joseph, Marie Mergey, Joby Valente, Maïmouna Gueye; origine: Francia, 2009; formato: 35 mm, 1.85, Dolby Srd; durata: 95’; produzione: Vendredi Film, France 2 Cinéma, Mars Films, Rhône-Alpes Cinéma, Canal + (France), CinéCinémas; distribuzione: Mars Distribution; sito ufficiale: lapremiereetoile.fr

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
mercoledì 19 settembre 2018

On line il sito Missing at the Borders

E’ on line il sito https://missingattheborders.org/ che intende dare voce e dignità alla famiglie (...)

mercoledì 19 settembre 2018

In sala La libertà non deve morire in mare

Esce nelle sale giovedì 27 settembre con Distribuzione Indipendente il documentario La libertà (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: alle GdA due premi per Joy

Alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia ben due premi sono andati a Joy della (...)

lunedì 10 settembre 2018

Venezia75: premiato 1938 Diversi

Presentato fuori concorso a Venezia 75 - in sala dall’11 ottobre e il 23 ottobre su Sky Arte - (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha