title_magazine

Codice: Genesi

di Allen e Albert Hughes

Il cammino della speranza

A due anni dall’avventura di Will Smith in Io sono leggenda (I Am Legend, 2008) di Francis Lawrence esce nelle sale Codice: Genesi (The Book of Eli, 2010) diretto dai fratelli Hughes e interpretato da Denzel Washington. Le analogie tra i due film sono varie, a partire dallo scenario apocalittico di quel che resta del mondo: un uomo solo si trova a lottare in quel che resta del mondo e in entrambi i film, confermando l’influenza nel mondo del cinema del fenomeno Obama, l’eroe è afroamericano. Inoltre tra i produttori di Codice: Genesi c’è lo stesso Denzel Washington che ha alle spalle diverse esperienze come produttore, dal suo primo film da regista Antwone Fisher (id., 2002) a The Great Debaters (2007), come allo stesso modo Smith ha prodotto Io sono leggenda.
A dieci anni dal loro ultimo film, La vera storia di Jack lo Squartatore (From Hell, 2001), Albert e Allen Hughes tornano a dirigere un film nel quale seguono un filone religioso e moralista, tendenza che sembra sempre più di moda nell’industria cinematografica hollywoodiana.


Trailer fornito da Filmtrailer.com

Codice: Genesi, traduzione poco efficace del più incisivo, e meno inutilmente esplicito, The Book of Eli, è ambientato nel 2040 in un mondo distrutto dall’ultima guerra, dalla quale sono passati trent’anni. Eli, un uomo, solo, un guerriero, cammina lungo le strade desolate dell’America in mando a bande spietate. La terra è popolata da uomini persi, che si uccidono per un paio di scarpe, molti dei quali non ricordano o non hanno mai visto il mondo prima della guerra. Eli combatte le bande e prosegue il suo cammino verso ovest, terra promessa, proteggendo quello che considera la speranza per il futuro. La fede dà a Eli la forza per proseguire il suo cammino e l’autorizza a fare quello che deve, anche uccidere, per portare a termine la propria missione. Il cammino di Eli si complica quando in una cittadina s’imbatte in Carnegie, despota che controlla la città e che comprende il potere di Eli e di ciò che l’uomo protegge, e della figliastra Solara che viene affascinata dell’uomo solitario che prosegue senza timore il proprio cammino.

La fede, il cammino di Dio, la salvezza verso l’Ovest, il potere della parola di Dio che deve essere usato solo da chi ha l’animo puro per non strumentalizzarne la forza, sono questi gli elementi tematici attorno ai quali ruota Codice: Genesi, che si ripetono nella sceneggiatura ricca di cliché, scritta dall’esordiente Gary Whitta. Da un punto di vista visivo e di messa in scena il film è sicuramente più interessante: i riferimenti espliciti al western possono essere interpretati come omaggio al genere o come ispirazione rielaborata senza troppa originalità del western - per citarne una, la scena in cui Eli, eroe solitario, che arriva nella città di confine dove tutti lo guardano con sospetto. L’eroe si batte seguendo i movimenti delle arti marziali orientali ma in un mondo grigio, senza colori, in un terreno deserto e ostile, sulle terre di confine, senza regole. Danzel Washignton è il guerriero solitario e per rendere credibile questo ruolo, si è allenato per sei mesi al fine d’imparare i movimenti per le scene di combattimento. Eli si muove in un terreno ostile nel quale la musica lo salva dei momenti di solitudine, ricordo di un mondo ormai scomparso. Proprio la musica è altro elemento d’interesse nel film perché molto presente e anche in questo caso con un uso che si richiama a quello dei film di Sergio Leone, fatta eccezione per i momenti nei quali è diegetica e diventa elemento di rottura e shock poiché richiama qualcosa che non ha nulla a che vedere con la realtà del mondo nel quale vivono i protagonisti.

Codice: Genesi, quinta prova dei fratelli Hughes dal loro esordio a Cannes nel 1993 con Nella giungla di cemento (Menace II Society) può funzionare come film d’intrattenimento, ma utilizza, in modo poco condivisibile e superficiale, temi delicati.

Alice Casalini

Cast & CreditsCodice: Genesi (The Book of Eli)
Regia: Albert Hughes, Allen Hughes; sceneggiatura: Gary Whitta; fotografia: Don Burgess; montaggio: Cindy Mollo; scenografia: Gae S. Buckley; costumi: Sharen Davis; interpreti: Denzel Washington, Gary Oldman, Mila Kunis, Jennifer Beals, Michael Gambon; origine: USA, 2010; formato: 35 mm, 1.85, Dolby Srd; durata: 117’; produzione: Silver Pictures; distribuzione: 01 Distribution; sito ufficiale: thebookofeli.warnerbros.com; sito italiano: www.multiplayer.it/codicegenesi.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
lunedì 21 maggio 2018

Cannes 71: premiato Spike Lee

Spike Lee, lanciato nel 1986 proprio dal Festival di Cannes con Lola Darling, si è aggiudicato (...)

mercoledì 18 aprile 2018

Cannes 71: DuVernay e Nin in giuria

Annunciata anche la Giuria ufficiale del prossimo Festival di Cannes (8-19 maggio), presieduta (...)

martedì 17 aprile 2018

Cannes 71: Mohamed Ben Attia alla Quinzaine

Il film tunisino Weldi (Mon cher enfant) di Mohamed Ben Attia sarà presentato in prima mondiale (...)

venerdì 13 aprile 2018

Cannes 71: per i 100 anni di Nelson Mandela

Nelson Mandela avrebbe compiuto 100 anni nel 2018. Tra le anticipazioni del programma del (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha