title_magazine

Kuwornu e il suo Inside Buffalo negli States

di Leonardo De Franceschi

E’ da poco terminato il tour promozionale del regista afroitaliano Fred Kuwornu che, con il suo documentario Inside Buffalo, è stato impegnato per tutto febbraio negli Stati Uniti.
Il mese di febbraio, negli USA chiamato “Black History Month”, è un mese dedicato alla memoria e alla celebrazione della storia del popolo afroamericano attraverso innumerevoli iniziative legate alla cultura, al cinema, all’arte. Per questo motivo Inside Buffalo, che narra le vicende reali della divisione di soldati afroamericani che combatterono in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale, resa nota dal film di Spike Lee Miracolo a Sant’Anna, ha trovato un’attesa ed un’attenzione del tutto particolari.

Il documentario, che narra inoltre le vicende inedite del rapporto di amicizia e fratellanza sorto nella Toscana del 1944 tra truppe afroamericane e civili e partigiani italiani, per questa ragione è diventato un’icona del legame duraturo tra Stati Uniti ed Italia nato nel terribile periodo delle atrocità della guerra. «L’America mi ha accolto a braccia aperte, nei templi delle istituzioni più prestigiose, per un lavoro che riguarda la memoria; sedi dove a volte nemmeno i più famosi registi americani hanno accesso per presentare i loro lavori... Sono convinto che ha stupito molto che un italiano avesse deciso di raccontare una storia prettamente americana e forse per questo tutti erano così curiosi e disponibili».

Fred ha presentato infatti il suo progetto alla Library of Congress, al quartiere generale del Dipartimento dei Veterani, all’Accademia Militare di West Point, al Forte Belvoir, alla Martin Luther King Jr. Library di Washington DC, alla Boston Public Library, al Museo afroamericano della California, al Presidio di San Francisco, al Museo del Cinema afroamericano di Harlem, senza trascurare il Pan African Film Festival di Los Angeles e il Texas Black Film Festival di Dallas.

E’ già in pre-produzione in questi giorni il prossimo progetto, dal titolo 18-ius soli, questa volta un film documentario sul tema della cittadinanza per le Seconde Generazioni. Grazie a un contributo dell’Associazione Amici di Giana e al supporto della Cineteca di Bologna ed altre Fondazioni che si stanno inserendo sarà possibile per Fred raccontare la nuova realtà di italiani, quella che il Presidente Gianfranco Fini, che Fred vorrebbe avere tra gli intervistati, ha definito la “Generazione Balotelli”.

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
giovedì 21 marzo 2019

Rappresentare le migrazioni oggi

Lunedì 25 marzo, alle ore 17.30, in via della Dogana Vecchia 5 (Roma) si svolgerà la serata (...)

giovedì 21 marzo 2019

Fescaaal 2019: apre Fiore gemello

La cerimonia di apertura del 29° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL) (...)

lunedì 18 marzo 2019

La cittadinanza come luogo di lotta

Il prossimo venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 18:30 alle 20:30 il nostro Leonardo De Franceschi (...)

lunedì 18 marzo 2019

Io sono Rosa Parks alla Feltrinelli

Sono tutti Rosa Parks i 12 ragazzi e ragazze di #ItalianiSenzaCittadinanza protagonisti di Io (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha